Menu
Corriere Locride
“Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”: «Il 22 ottobre presenteremo il primo rapporto sulla mortalità stradale negli anni 2013-2017 sulla S.S.106»

“Basta Vittime Sulla Strada St…

Il lavoro dell’Associa...

Legambiente: «La Calabria seconda per abusivismi»

Legambiente: «La Calabria seco…

È stato presentato que...

Coldiretti: la Regione autorizza carburante in più per l’irrigazione di soccorso su tutto il territorio regionale

Coldiretti: la Regione autoriz…

Coldiretti aveva chies...

In occasione del nuovo anno scolastico inaugurazione del plesso “Carrera” della Scuola Primaria e nuovo scuolabus comunale a Roccella

In occasione del nuovo anno sc…

In occasione dell’iniz...

Regione. In programma il 25 e 26 settembre la conferenza internazionale sulla tratta delle donne nigeriane

Regione. In programma il 25 e …

"Doppio sguardo. La tr...

Legge di Bilancio 2019: Oliverio scrive ai parlamentari Calabresi

Legge di Bilancio 2019: Oliver…

Il Presidente della Re...

Gemellaggio internazionale per il Rotary di Locri

Gemellaggio internazionale per…

Il Rotary club di...

WWF: «Le Marche salvano lupi e allevatori»

WWF: «Le Marche salvano lupi e…

«Le Marche stanno segu...

Reggio. Antonino Castorina replica a Forza Italia su intitolazione strada

Reggio. Antonino Castorina rep…

«Apprendo con stupore ...

Vibo Valentia. Il presidente nazionale di UE.COOP Gherardo Colombo è stato in Calabria – Il report

Vibo Valentia. Il presidente n…

Il presidente Nazional...

Prev Next

“Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”: delusi da Oliverio

  •   Redazione
“Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”: delusi da Oliverio

Il Presidente della Giunta Regionale non accoglie la richiesta avanzata dall’Associazione. L’associazione aveva proposto al presidente Oliverio di accompagnare l’ad di Anas a Catanzaro percorrendo la s.s.106. il presidente sceglie l’autostrada.b

“Dopo con il Dottor Armani percorreremo l’Autostrada”. Con queste parole il Presidente della Giunta Regionale Oliverio non accoglie la proposta che nei giorni scorsi aveva avanzato l’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”, secondo cui, avrebbe potuto (e dovuto), accompagnare a Catanzaro Armani, l’Amministratore Delegato di Anas – Gruppo FS Italiane, attraversando la strada Statale 106.

L’Associazione, nei giorni scorsi, aveva colto l’occasione per lanciare un pubblico appello al Presidente della Giunta regionale Oliverio a cui aveva chiesto, appunto, di accompagnare Armani sulla S.S.106, cogliendo la storica occasione di fargli conoscere con i propri occhi lo stato in cui oggi versa la famigerata e tristemente nota “strada della morte”.

L’Associazione riteneva necessario far comprendere, direttamente ad Armani, lo stato di abbandono e di arretratezza in cui versa la S.S.106 a Sud di Sibari per effetto dei mancati investimenti che da decenni mancano (o sono stati sottratti alla “strada della morte”), ma Oliverio ha deciso diversamente e questa scelta, ovviamente, delude il nostro sodalizio che avrebbe preferito, inoltre, che ad Armani venissero riferiti anche i numeri delle vittime, dei feriti e dei sinistri provocati negli ultimi venti anni sulla S.S.106.

Il Presidente della Giunta regionale Oliverio, invece, ha preferito accompagnare Armani sull’autostrada e, in tutta franchezza, c’è anche da capirne le ragioni: basti pensare che per arrivare da Sibari a Catanzaro attraversando l’A2 bisogna percorrere 165 chilometri in due ore ed in buona sicurezza mentre per arrivare da Sibari a Catanzaro attraversando la S.S.106 bisogna percorrere 175 chilometri in tre ore e mezza ed in condizioni di grande rischio.

L’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” pertanto è profondamente delusa dal Presidente della Giunta Regionale: quanto sangue è stato versato sull’asfalto della S.S.106? Quante lacrime? Per questa ragione (e non solo per questa), sarebbe stato importante che l’Amministratore Delegato di ANAS – Gruppo FS Italiane Gianni Vittorio Armani avesse potuto comprendere la realtà della S.S.106 nella sua drammaticità più profonda. Sarebbe stata una scelta utile all’interesse collettivo ma anche doverosa nei confronti di quanti sulla S.S.106 hanno perso la vita, hanno perso tutto.

Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” – 10 Maggio 2018