Menu
Corriere Locride
“Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”: «Il 22 ottobre presenteremo il primo rapporto sulla mortalità stradale negli anni 2013-2017 sulla S.S.106»

“Basta Vittime Sulla Strada St…

Il lavoro dell’Associa...

Legambiente: «La Calabria seconda per abusivismi»

Legambiente: «La Calabria seco…

È stato presentato que...

Coldiretti: la Regione autorizza carburante in più per l’irrigazione di soccorso su tutto il territorio regionale

Coldiretti: la Regione autoriz…

Coldiretti aveva chies...

In occasione del nuovo anno scolastico inaugurazione del plesso “Carrera” della Scuola Primaria e nuovo scuolabus comunale a Roccella

In occasione del nuovo anno sc…

In occasione dell’iniz...

Regione. In programma il 25 e 26 settembre la conferenza internazionale sulla tratta delle donne nigeriane

Regione. In programma il 25 e …

"Doppio sguardo. La tr...

Legge di Bilancio 2019: Oliverio scrive ai parlamentari Calabresi

Legge di Bilancio 2019: Oliver…

Il Presidente della Re...

Gemellaggio internazionale per il Rotary di Locri

Gemellaggio internazionale per…

Il Rotary club di...

WWF: «Le Marche salvano lupi e allevatori»

WWF: «Le Marche salvano lupi e…

«Le Marche stanno segu...

Reggio. Antonino Castorina replica a Forza Italia su intitolazione strada

Reggio. Antonino Castorina rep…

«Apprendo con stupore ...

Vibo Valentia. Il presidente nazionale di UE.COOP Gherardo Colombo è stato in Calabria – Il report

Vibo Valentia. Il presidente n…

Il presidente Nazional...

Prev Next

“Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”: «Calopezzati esempio virtuoso di sicurezza sulla S.S.106»

  •   Redazione
“Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”: «Calopezzati esempio virtuoso di sicurezza sulla S.S.106»

Il Presidente dell’Associazione Fabio Pugliese apprezza le scelte del Comune che rispetta la legge. L’Amministrazione comunale spende il ricavato delle multe ottenute dall’autovelox per migliorare lo standar di sicurezza stradale.

Il Direttivo dell’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” evidenzia con grande attenzione quanto sta accadendo nel comune di Calopezzati. Qui, da circa un anno, periodicamente è stato istituto a norma di legge un sistema di rilevamento di velocità (autovelox), segnalato a norma e ben visibile agli automobilisti e sempre allocato nel medesimo luogo, ovvero in un tratto della S.S.106 dove è presente un incrocio pericoloso.

Tuttavia ciò che occorre evidenziare è il fatto che l’Amministrazione di Calopezzati ha deciso di utilizzare il ricavato dovuto dalle multe effettuate dagli automobilisti trasgressori per realizzare interventi di sicurezza stradale sulla S.S.106 nel tratto di competenza ed all’interno del proprio comune nel rispetto assoluto della legge ed evitando, come purtroppo fanno moltissimi Comuni, di utilizzare queste economie per realizzare altre spese nel dispregio della norma e del buon senso.

«Voglio chiarire subito – dichiara Fabio Pugliese, Presidente dell’Associazione – che può apparire troppo semplice che il sottoscritto spenda delle buone parole per l’Amministrazione di Calopezzati dal momento che è il comune nel quale vivo e risiedo e del suo Sindaco Franco Cesare Mangone che per me è prima di tutto un amico di cui ho grande stima ed affetto ma anche un iscritto all’Associazione». 

«Trovo però necessario – continua Pugliese – dover riconoscere il merito, al Sindaco ed all’Amministrazione di Calopezzati, di aver investito il ricavato delle multe dovute all’installazione periodica del rilevatore di velocità per pulire a lucido dalle erbe infestanti l’intero tratto di S.S.106 di competenza comunale, la realizzazione dell’intera segnaletica orizzontale comunale presente sulla S.S.106 (in alcuni luoghi realizzate ex-novo poiché non esisteva), insieme a quelle relative ai parcheggi per abili e disabili migliorando lo standard di sicurezza stradale non solo per i cittadini di Calopezzati ma per tutti quelli del territorio che percorrono la S.S.106 in questo comune».

«Spero davvero – conclude Pugliese – che anche altri Comuni possano prendere da esempio Calopezzati utilizzando le economie maturate dai rilevatori di velocità per realizzare interventi di sicurezza invece di utilizzarli per fare cassa e per mortificare i tanti cittadini che oltre al danno di dover percorrere una mulattiere devono ricevere anche la beffa di dover pagare una multa che serve ad arginare spese comunali che nulla hanno a che vedere con quanto previsto dalla legge».

Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” – 5 Luglio 2018