Menu
FanduCorriere Locride
Poste Italiane: lockdown, in provincia di Reggio Calabria volano l’e-commerce e i pagamenti digitali

Poste Italiane: lockdown, in p…

«Le consegne e-commerc...

Bovalino - Problematica rifiuti - Richiesta congiunta dei gruppi consiliari di convocazione di un Consiglio comunale aperto

Bovalino - Problematica rifiut…

Al Presidente del Con...

Anas: bando per l’assunzione di ingegneri strutturisti

Anas: bando per l’assunzione d…

«Il bando, che rispond...

Comune di Bovalino - Emergenza Covid19 - Richiesta attivazione tavolo tecnico per attività produttive e commerciali

Comune di Bovalino - Emergenza…

Al Sindaco del Comu...

Poste Italiane: prima nella top 100 mondiale dei Brand assicurativi

Poste Italiane: prima nella to…

«Il Gruppo guidato dal...

Sant'Ilario festeggia i 100 anni della signora Rosa. Gli auguri dell'amministrazione comunale

Sant'Ilario festeggia i 100 an…

Ha festeggiato 100 ann...

Roccella Jonica. Il Circolo PD scrive al Sindaco

Roccella Jonica. Il Circolo PD…

"Lettera aperta al sin...

Poste Italiane e Microsoft rafforzano la collaborazione per accelerare la ripresa dell’Italia

Poste Italiane e Microsoft raf…

«Lanciato un piano con...

Nota stampa di Cisl Fp: «il lavoro silente del pubblico impiego»

Nota stampa di Cisl Fp: «il la…

«Istituita una Task fo...

Bovalino. Il Circolo di Fratelli d'Italia «si complimenta con l'amico Denis Nesci per la nomina a Commissario di Fd'I della Provincia di Reggio Calabria»

Bovalino. Il Circolo di Fratel…

«Malgrado gli ottimi r...

Prev Next

Anoldo (Confintesa Sanità Calabria): «Gli Operatori Sanitari Reggini che prestano il loro Servizio presso gli Ospedali Di Messina, una guerra contro IlCOVID-19 e per raggiungere i loro luoghi di lavoro. Confintesa è disposta ad Azioni ECLATANTI...»

  •   Redazione
Anoldo (Confintesa Sanità Calabria): «Gli Operatori Sanitari Reggini che prestano il loro Servizio presso gli Ospedali Di Messina, una guerra contro IlCOVID-19 e per raggiungere i loro luoghi di lavoro. Confintesa è disposta ad Azioni ECLATANTI...»

«I PENDOLARI SANITARI sono costretti a viaggiare sullo stretto in modo disumano, mentre in tutta Italia si fanno encomi, nello stretto sono privi di ogni diritto. La Sospensione delle Navi Veloci e la Riduzione Delle Navi trasforma il loro viaggio per raggiungere i Luoghi di Lavoro in una vera E propria Odissea. Orari non consoni, aggravati dal fatto che non esiste una Corsia Preferenziale, costringono gli Operatori Sanitari a partire tre ore prima ed arrivare a casa tre ore dopo, per attraversare 3 km di Mare. Ovviamente senza tenere in considerazione la promiscuità che si viene a creare nelle lunghe attese prima e dopo l'imbarco, visto anche gli imbarchi di gente che continua a tornare nei propri domicili dalle Città del Nord.

Attraversare lo stretto sul ponte della nave anche nelle Giornate di Forte Pioggia e Freddo, perché dentro la cabina ci sono troppi pedoni che la occupano non è indicato, visto l'emergenza in atto e le Disposizioni Ministeriali. Succede anche che molti di loro per poter effettuare il turno pomeridiano con inizio alle 14:00 sono costretti a partire alle 8 del mattino e stare in macchina fino alle 13; altri si sono organizzati prendendo a loro spese delle stanze per pernottare, altri ancora dopo la smonta del turno mattutino alle 14 rimangono bloccati al porto fino alle 17:20, tutti ammassati e al freddo.

Visto la Situazione Confintesa Sanità Calabria CHIEDE:

PARTENZA DA VILLA: Ore 6:00, 12:00, 18:40.

PARTENZA DA MESSINA: Ore 8.00, 12.00, 18.40.

Una CORSIA PREFERENZIALE per evitare code inutili e rimanere bloccati nei porti fino all'indomani, come successo più volte. Nella considerazione poi che tale personale lavora spesso in Centri Covid-19, la possibilità di essere contagiati o di portare ulteriore contagio aumenta, quindi la promiscuità con personale civile durante la traversata diventa estremamente pericolosa per entrambe le categorie. Sarebbe opportuno anche organizzare un SERVIZIO APPOSITO almeno per il personale Sanitario legato agli Ospedali dedicati al CoVid-19 e per un periodo limitato, con l'utilizzo di imbarcazioni in forza alla Guardia Costiera, Carabinieri, Polizia o Guardia di Finanza, in modo da evitare sia possibili ulteriori modalità di diffusione del Virus, sia agevolare e velocizzare la trasferta di tale personale già provato dalla tipologia di servizio svolto (innumerevoli rischi) e da molte ore lavoro».