Menu
Corriere Locride
Processo “Terramara Closed”: La Cassazione ha annullato l’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa a carico Domenico Scoleri e Rosario Scoleri accusati di far parte della cosca Zagari-Fazzalari

Processo “Terramara Closed”: L…

La prima sezione della...

Cinquefrondi. Nuovo Liceo Musicale, per il Sindaco Conia: «è una Giornata storica per il comune»

Cinquefrondi. Nuovo Liceo Musi…

Oggi presso l'attuale ...

Locri. Domenica 6 Ottobre si è concluso il raduno pre-campionato dei fischietti locresi

Locri. Domenica 6 Ottobre si è…

Domenica 6 Ottobre 201...

Tansi: “Cambieremo insieme la Calabria”

Tansi: “Cambieremo insieme la …

A Natile durante la pr...

Movìmundi a Benestare (RC) per i “Catoja in festa”: «Otto giorni di sensibilizzazione sull’ambiente»

Movìmundi a Benestare (RC) per…

«Sempre più numerosi g...

Processo Saggio Compagno: Concessi i domiciliari al cinquefrondese Raffaele Petullà

Processo Saggio Compagno: Conc…

«Assolto dall’accusa d...

Nuova 106: ma cosa serve ancora per l’avvio dei lavori?

Nuova 106: ma cosa serve ancor…

«1,3 miliardi di euro ...

Roccella Jonica. Circolo del Partito Democratico: «resoconto degli incontri con la Cittadinanza di Sabato 28 Settembre e Domenica 6 Ottobre»

Roccella Jonica. Circolo del P…

Su indirizzo del segre...

Taurianova. Domenica 6 ottobre si è svolto il convegno dal titolo “Prescrizione ed ergastolo ostativo: processo senza limiti”

Taurianova. Domenica 6 ottobre…

Dall’assise è emerso c...

Badolato ospita l’Erasmus Day 2019 con l’evento “Erasmus Goes Local ∙ Locals Go on Erasmus”

Badolato ospita l’Erasmus Day …

In virtù del successo ...

Prev Next

Siderno: Il funzionario comunale Vincenzo Errigo indagato per associazione mafiosa

Continuano a manifestarsi gli strascichi dell'operazione "La morsa sugli appalti". A distanza di poche settimane ecco arrivare un nuovo avviso di garanzia, diretto, questa volta, a Vincenzo Errigo. Il funzionario del Comune di Siderno sarebbe indagato per associazione mafiosa. Dai verbali pare che in data 8 settembre, giorno in cui scattò il blitz coordinato dall'antimafia di Reggio di Calabria, sia stata eseguita anche una perquisizione a casa di Errigo. Azione che avrebbe permesso di sequestrare importanti documenti riguardanti i lavori di messa in sicurezza della discarica denominata "Timpe bianche". Il nome di Errigo sarebbe legato alla Geoambiente S.r.l. la società di Belpasso che si aggiudicò l'appalto per la raccolta dei rifiuti a Siderno nel 2011.
 
Dal fiume di informazioni messe a verbale durante l'indagine "La morsa", informazioni raccolte soprattutto dalla  voce di Commisso Giuseppe, alias "u mastru", è stato portato alla luce il radicato sistema di estorsioni vigente tra Marina di Gioiosa Jonica e Siderno. Punto focale di tutta l'inchiesta ancora una volta la lavanderia “Apegreen” sita in Siderno. Presso la lavanderia sita al primo piano del centro commerciale "I portici" di Siderno, infatti, il Mastro riceveva la visita quotidiana di numerosi affiliati, alcuni dei quali giungevano anche dall’estero, per esempio dal Canada, e discuteva a vasto raggio e senza ricorrere ad alcuna cautela, neanche quella ben nota del ricorso ad un lessico criptico, di piani strategici, di alleanze con gli altri clan, delle cariche attribuite, della tutela e degli interessi della “famiglia”, di nuovi criteri per riorganizzare l’assetto generale dell’organizzazione. Il tutto si è tradotto, stando a quanto riportato dalle oltre 1200 pagine dell'ordinanza di "La morsa", in una vera e propria ammissione dell’esistenza e della piena attualità dei sodalizi in oggetto, rappresentando nel contempo una sorta di “confessione”.
Leggi tutto

I consiglieri provinciali Brizzi e Loiero intervengono sullo stato del lungomare di Siderno

L’iperattivismo mediatico di alcuni consiglieri regionali, in seguito alle legittime preoccupazioni manifestate dall’Assessore Provinciale Gaetano Rao sullo stato dei lavori del Lungomare di Siderno, ci pare alquanto strumentale e ingeneroso. Nessuno provi ad intaccare il ruolo e l’impegno che la Provincia di Reggio Calabria, su indirizzo del Presidente Raffa e dell’Assessore Rao, sta profondendo per assicurare il ripristino delle condizioni di sicurezza del Lungomare della città ionica. Nella qualità di Consiglieri provinciali di questo territorio stiamo seguendo, sin dall’inizio e da vicino, la questione e, con buona pace dell’On. Minasi, possiamo assicurare che né la Provincia né il Comune di Siderno – come ha confermato peraltro il Presidente della Commissione Straordinaria Tarricone nel suo intervento sulla stampa – allo stato hanno ricevuto comunicazione ufficiale ed idonea della erogazione del contributo di 200 mila Euro. Prendiamo atto, ora, della sussistenza del decreto regionale assunto a sei mesi di distanza dall’evento calamitoso, in periodo ferragostano, pubblicato sul Bur dell’8 settembre scorso e mai notificato alla Provincia ed al Comune con cui viene stanziata, con criteri di riparto per la verità alquanto discutibili, la modesta somma di 200 mila euro in favore del Comune di Siderno. Invitiamo i Consiglieri regionali intervenuti sul tema a fare però molto di più rispetto a quello che è stato fatto. Concordiamo con l’assessore Rao ed il Dr. Tarricone nel ritenere che Siderno sia tra i Comuni più colpiti dalla calamità naturale e che necessiti di maggiore attenzione da parte della Regione Calabria e dello Stato che, sino ad ora, non hanno fatto la loro parte. Occorrono milioni di Euro per la ricostruzione del Lungomare  ed il ripristino della sua funzionalità e non già i 200 mila euro della Regione. Rispetto a ciò ognuno si assuma le proprie responsabilità per il ruolo che ricopre. Il territorio della Locride negli ultimi cinque anni ha sentito tante chiacchiere in tema di sanità, di agricoltura, di trasporti, dil turismo ecc. Niente è stato fatto. Se anche il Lungomare di Siderno deve essere relegato all’abbandono, quantomeno si abbia il garbo di tacere.

Consiglieri provinciali Pasquale Brizzi, Vincenzo Loiero

Leggi tutto

Siderno, Rao interviene su ritardo lavori lungomare: 'La Regione Calabria ha promesso soldi mai materialmente finanziati'

L’Assessore Provinciale alla Viabilità Gaetano Rao interviene in merito agli interventi di ripristino delle condizioni di sicurezza del Lungomare delle Palme di Siderno, divenuto, in parte, inaccessibile a causa della terribile mareggiata che distrusse l’area pedonale (alle estremità del Lungomare lato Sud e Nord, furono registrati danni irreversibili), divelta la rete d’illuminazione pubblica, abbattuto il muro di contenimento del manto stradale ed eroso parte di esso. “Reputo opportuno – commenta l’Assessore Gaetano Rao – fare  una dovuta puntualizzazione rispetto a ciò che leggo ed ascolto in merito agli asseriti rallentamenti dei lavori sul Lungomare di Siderno che sarebbero da addebitare al mancato pagamento degli stipendi agli operai dei Consorzi di Bonifica ivi operanti. Niente di più falso. Le due vicende, seppur rispondenti alla realtà dei fatti, non si intrecciano e sono separate da problematiche ben distinte. In particolare – precisa l’Assessore Provinciale Rao -  lo stato di agitazione degli operai del Consorzio di Bonifica è legato alla legittima e sacrosanta rivendicazione delle retribuzioni riferite a mensilità arretrate e non ancora corrisposte. Rispetto a tale questione la Provincia è assolutamente estranea essendo la Regione Calabria l’ente deputato al trasferimento delle risorse necessarie al pagamento degli operai idraulico-forestali. Esula e ripeto, esula, la vicenda dei mancati pagamenti agli operai con la questione dei rallentamenti dei lavori sul Lungomare di Siderno. Perchè, se ai più ancora non è chiaro, la panacea di tutti i mali, è la disattenzione grave degli enti di governo di livello superiore, come ad esempio il mancato e tanto propagandato finanziamento della Regione Calabria, circa 200.000 euro per il Lungomare di Siderno. Sapevamo già da tempo che le risorse finanziare, erogate dalla Provincia di Reggio Calabria, non avrebbero potuto sopperire alle reali esigenze di interventi strutturali per la messa in sicurezza ed il ripristino del manto stradale. Adesso, è inaccettabile e indecoroso che notizie fuorvianti rendano vani tutti gli sforzi compiuti dalla Provincia, in un tentativo di depistaggio sulle reali cause dell’impasse. La Regione Calabria ha promesso soldi mai materialmente finanziati; eppure, ricordo consiglieri regionali, a spasso tra le macerie,  impegnati nel solito ed improduttivo gioco degli annunci e dei comunicati stampa. Ricordo di messaggi telefonici propiziatori annunciati dai medesimi Consiglieri regionali, giunti duranti gli incontri tecnici organizzati dalla Provincia di Reggio Calabria, a cui non sono conseguite le necessarie azioni amministrative. L’unica verità vera, inconfutabile ed incontestabile, è l’impegno della Provincia, lo stanziamento di  333.000 euro, la avvenuta erogazione di 120.000 euro già incamerati nelle casse dei Consorzi di Bonifica. Ulteriori somme sono in corso di erogazione, all’esito di definizione dello stato di avanzamento dei lavori”. E continua: “Voglio esprimere la mia vicinanza agli operai dei Consorzi di Bonifica affinchè siano erogate le loro spettanze e cessino dallo stato di agitazione, imputabile alle problematiche in essere con la Regione Calabria. In tal senso, sollecito gli Assessori Regionali Mancini e Trematerra di procedere nel più breve tempo possibile a risolvere la problematica”. E specifica: “Sia chiaro che la regolarità e legittimità dei rapporti con i Consorzi di Bonifica, sancita da una Convenzione a suo tempo siglata con la Provincia di Reggio Calabria, garantirà, se gli altri attori istituzionali finalmente daranno un cenno della loro esistenza, quanto promesso  a suo tempo, vale a dire il ripristino delle condizioni di sicurezza del Lungomare di Siderno. Poi, verrà il tempo di discernere circa il pieno ripristino della funzionalità. Un invito, astenersi figuranti!” 

Leggi tutto