Menu
Corriere Locride
Regione Calabria. Convegno su mediazione penale e giustizia riparativa

Regione Calabria. Convegno su …

La mediazione penale è...

Convegno in collaborazione tra Inail e patronato Epaca Coldiretti - "Le malattie professionali: ieri, oggi...e domani?"

Convegno in collaborazione tra…

Si svolgerà venerdì 14...

Ambiente. Dl Semplificazioni, stop al Sistri. Costa: «Uno spreco durato 9 anni e costato più di 141 milioni»

Ambiente. Dl Semplificazioni, …

«Il nuovo sistema di t...

Reggio. CasaPound organizza raccolta alimentare in vista del Natale

Reggio. CasaPound organizza ra…

Reggio Calabria, 11 di...

Coldiretti: fatturazione elettronica e olivicoltura domani martedì 11 dicembre due importanti appuntamenti a Lamezia Terme

Coldiretti: fatturazione elett…

Aceto: «il nostro impe...

Sanità: «Riflessioni del Sindaco Calabrese in merito al "caos" che vige nell'Asp reggina»

Sanità: «Riflessioni del Sinda…

«Caos amministrativo a...

Arriva in Calabria il coro gospel “Composition of Praise”

Arriva in Calabria il coro gos…

Un importante coro ame...

Olimpiadi Nazionali di Astronomia: pubblicati i risultati delle preselezioni

Olimpiadi Nazionali di Astrono…

Il 4 dicembre si è dis...

Reggio. Domenica 9 il "Museo in cammino" con l'Archeotrekking

Reggio. Domenica 9 il "Mu…

Il progetto Archeotrek...

Prev Next

Messaggio d’auguri per l’Anno Scolastico 2018/2019 del Direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria, Maria Rita Calvosa

  • Published in Scuola

«L’incarico di Direttore Generale che ho assunto da pochissimi giorni presso l’Ufficio Scolastico regionale per la Calabria, mi sta particolarmente a cuore.
La Calabria, come sicuramente avrete appreso, è la mia Terra di origine, anche per questo, l’incarico, conferitomi dal Ministro Bussetti, mi onora e, nel contempo accresce il mio senso di responsabilità.

Il mio primo pensiero va a voi Dirigenti, Docenti, Personale Amministrativo ed Ausiliario, alle Famiglie e, soprattutto, a voi carissimi Studenti e Studentesse delle Scuole di ogni ordine e grado.

Abbiamo intrapreso un nuovo cammino di Educazione e Formazione nell’ anno scolastico 2918-19 appena iniziato.

La Scuola è sempre là, mentre cambiano gli assetti istituzionali, sociali, politici, mentre percepiamo il divenire delle concezioni filosofiche, mentre appare e scompare la fragile illusione di una rinascita che tarda a venire, la Scuola è là, ferma, solida nella sua “missione” e nella sua consapevole responsabilità di essere e volere essere la risposta valida e assolutamente coerente al bisogno di Libertà dei nostri Ragazzi!

Sarà proprio questa Libertà il “segno” dell’impronta non fuggevole che ogni operatore della Scuola è chiamato a imprimere prima che nella mente, nel cuore di ogni Allievo: “Libero, diritto e sano è tuo arbitrio”.

Libertà che non può consistere, quindi, nella irrazionale scelta di morire per uno inutile quanto assurdo gioco estremo indotto dal web!
Libertà che non può consistere nell’uso smodato e inconsulto dei social!
Libertà che non può essere affronto e disprezzo dei propri simili, qualunque sia la loro etnia, o nell’insulto spesso violento verso i propri compagni più deboli!

Libertà che non può essere scelta dissennata di cercare spazi di sballo nell’alcol, nella droga!
Libertà che non può essere scelta di compromesso, di clientelismo, di facilitazioni illegali! Libertà che non può essere scelta di sacrificare all’altare del proprio utilitarismo ogni valore morale e cristiano!

La Scuola è chiamata a far comprendere prima di ogni cosa, il vero senso della Libertà; con le Educazioni in ogni campo, oltre a trasmettere principi sani, deve cercare di mettere e conservare limiti e confini al dilagare sempre più aggressivo verso i nostri Ragazzi degli attentati contro la loro integrità fisica, morale e spirituale, contro la loro dignità.

La Scuola è chiamata ad assumere con coraggio, conoscenza e profonda professionalità, quelle determinazioni pedagogiche e formative necessarie per promuovere il vero ed autentico sviluppo della persona umana, in un percorso di crescita globale e di sviluppo dei talenti di cui ogni Allievo è dotato.

Raccomando a Voi, di incrementare i processi di autovalutazione per procedere con sempre più lena e convinzione al miglioramento ed adeguamento dell’azione educativa e formativa, al passo con questi tempi caratterizzati da gravissime emergenze educative.

Uno dei nostri più prestigiosi Presidenti della Repubblica, Sandro Pertini, ha scritto:

”condizione essenziale di progresso è che all’interno della Scuola, prima che altrove, maturi una nuova consapevolezza del valore ineliminabile del lavoro, delle responsabilità individuali, della solidarietà verso gli altri, quali che siano le loro idee, dell’integrità verso la cosa pubblica e nei rapporti privati” .

Sollecito tutti Voi a far tesoro di questi concetti, con lo sguardo volto al nostro straordinario bagaglio di cultura e di storia che ha reso grande la nostra Patria; ai principi della nostra Costituzione, nata dall’impegno e dal sacrificio di uomini illustri, una Costituzione che, come disse Piero Calamandrei ai Giovani, ”apre le vie all’avvenire, rinnovatrice, progressiva, che mira alla trasformazione di questa società”; una Costituzione che, basandosi sul fondamento della “solidarietà”, intende fare della nostra Repubblica uno Stato ove non ci siano diseguaglianze, dove i Diritti Umani siano alla base delle scelte politiche , dove la Scuola sia libera per il raggiungimento delle mete più alte di cultura, formazione e sviluppo.

Come ha sottolineato il nostro Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel suo discorso inaugurale all’isola d’ Elba, “La scuola è anche una cartina di tornasole, un barometro della nostra concreta condizione di giustizia, di libertà, di uguaglianza tra le persone”.

E ancora, il Ministro Bussetti ha detto che “non c’è avventura più emozionante della Scuola”, perché” è qui che “si costruisce il futuro, consapevoli del passato e attenti al presente. Si combattono i pregiudizi, si impara il rispetto per le idee degli altri.”

Rivolgo alle Famiglie l’appello perché affianchino la Scuola con un Patto di corresponsabilità che non sia un atto puramente formale, ma che serva a dimostrare la massima collaborazione e il massimo impegno a dare autentica e fattiva cooperazione allo svolgimento dei processi educativi e formativi.

Tale impegno, lungi da una giustificazione ad ogni costo dei propri figli, deve consistere nell’affiancare ancora di più i propri Ragazzi, provare a sostenere e rafforzare l’azione educativa dei Docenti, pretendere a chiare note, una Scuola fatta di alta professionalità, di trasporto amorevole verso i Minori, una Scuola dove si promuova la partecipazione degli Allievi , dove si concentri la sinergia tra tutti i Soggetti che con essa si interfacciano.

A Voi, carissimi Studenti e Studentesse, in particolare, dai più piccoli delle Scuole dell’Infanzia ai più grandi degli Istituti secondari, convinta come sono del valore grande della vostra Gioventù, dell’entusiasmo con cui sapete accogliere le buone proposte che vengono dalla Scuola, dalla Famiglia, dalla Società civile e da chi opera a favore dei Vostri Diritti per promuoverli e difenderli, Vi dico:

AMATE LA VOSTRA SCUOLA!
Scoprite in essa quel tesoro di autonomia, di capacità di discernimento, di maturità vera, di rispetto della Vita, di cultura e conoscenza, che vi daranno forza e coraggio per affrontare il futuro armati non di voglie egoistiche e di idee sovversive, ma di profonda coscienza e responsabilità volte a fare della nostra Terra luogo di comunità civile, di giustizia e di pace! Auguro a Tutti Voi un proficuo e felice nuovo Anno Scolastico, che sia un anno di lavoro gioioso, di impegno Forte e di sentita e positiva volontà!»

Maria Rita Calvosa

Direttore Generale 

Leggi tutto

Lamezia Terme. Si terrà lunedì 3 settembre il seminario di formazione per i tutor dei docenti neoassunti

  • Published in Scuola

Proseguono le attività di formazione per il personale docente della Scuola calabrese.

Come è noto, il MIUR attribuisce  un ruolo centrale alla formazione dei docenti, sia  dal momento dell’immissione in ruolo, che nel prosieguo  della carriera, quando la formazione acquista valore “obbligatorio, permanente e strutturale”. Infatti, accanto alle competenze culturali, disciplinari e metodologiche, si ritiene  indispensabile il fattivo inserimento del docente nella comunità scolastica e nelle dinamiche lavorative. In questa ottica  un ruolo rilevante riveste la figura del docente tutor, che accompagna il collega neo assunto nel processo formativo. Proprio alla funzione del tutor è dedicato il seminario dal tema: “Il cervello a scuola”, che si terrà lunedì 3 settembre 2018, a partire dalle ore 9.00,  presso l’aula magna dell’Istituto Comprensivo di Sant’Eufemia Lamezia Terme-CZ.

La giornata di formazione sarà introdotta da Angela Riggio, dirigente vicario dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria e vedrà le relazioni scientifiche e tecniche di  Angela Costabile, Ordinaria di Psicologia dello Sviluppo Università della Calabria-UNICAL, Teresa Ting del Dip.to di Chimica e Tecnologie chimiche dell’UNICAL eTeresa D’Andrea, Presidente Organizzazione di Volontariato Potenziamenti.

Leggi tutto

Ricerca, Fedeli: “Al via piano per il reclutamento di 2.200 ricercatori nel 2018”. Pubblicato bando PON per il Sud

  • Published in Scuola

Firmati i decreti attuativi della legge di bilancio. Al via il Piano straordinario di reclutamento per ricercatrici e ricercatori previsto dalla legge di bilancio per il 2018: si tratta di 1.305 posti di ricercatori di tipo B destinati alle Università e di altri 308 posti a tempo indeterminato per gli Enti per la ricerca vigilati dal MIUR. La Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Valeria Fedeli, ha firmato i decreti attuativi, disponibili da oggi sul sito www.miur.gov.it. Oggi è stato anche pubblicato il bando PON da 110 milioni che consentirà di attivare altri 600 posti di ricercatore di tipo A (triennali) per gli Atenei meridionali. Gli interventi messi in campo riguarderanno, dunque, nel complesso, oltre 2.200 fra ricercatrici e ricercatori.

“Per la ricerca il governo ha fatto scelte importanti che mirano tutte a un rafforzamento del sistema - sottolinea la Ministra Valeria Fedeli -. Con l’ultima legge di bilancio abbiamo infatti deciso di investire sulle giovani ricercatrici e i giovani ricercatori con un piano straordinario di reclutamento che ci consentirà di immettere nuove risorse nel sistema, di innalzare ulteriormente la qualità della ricerca nel nostro Paese, di ringiovanire i ruoli. È una decisione strategica, che guarda al futuro, alla nostra capacità di competere nello scenario internazionale. A questa misura si somma la decisione, condivisa con il Ministro De Vincenti, di rafforzare gli investimenti sul Sud con un bando da 110 milioni di fondi PON del MIUR. Lo scopo è di favorire l’attrazione e il rientro delle giovani ricercatrici e dei giovani ricercatori dall’estero. In una società della conoscenza, come quella in cui viviamo, fare investimenti in ricerca è fondamentale. Lo abbiamo ribadito in più occasioni, ma abbiamo anche agito in modo concreto stanziando risorse consistenti. Garantendo peraltro, per la prima volta, un finanziamento da 400 milioni, il più alto di sempre, per la ricerca di base. Si tratta di fatti, e non di parole, che hanno consentito una vera inversione di tendenza. È stato avviato un lavoro importante che mi auguro possa proseguire anche nei prossimi anni. Non possiamo permetterci nessuna marcia indietro”.

Il decreto per le Università prevede 12 milioni di stanziamento per il 2018 e altri 76,5 a partire dal 2019 per il reclutamento di ricercatori di tipo B e per il loro consolidamento alla fine del contratto triennale, una volta ottenuta l’abilitazione scientifica nazionale nella posizione di professore di seconda fascia. I posti finanziati sono 1.305; consentiranno di riequilibrare la presenza di ricercatori e ricercatrici sul territorio e di innalzare i livelli della ricerca nelle diverse aree disciplinari. I posti saranno così ripartiti: una quota fissa fra 2 e 10 ricercatori sarà assicurata a ciascun Ateneo sulla base delle sue dimensioni; una ulteriore quota di 2 ricercatori sarà attribuita a ciascuno dei 172 dipartimenti che hanno partecipato alla selezione per i dipartimenti di eccellenza 2018-2022 ma che non sono risultati fra i 180 beneficiari del Fondo messo a bando; 327 posti saranno ripartiti sulla base della valutazione della qualità della ricerca (VQR 2011-2014) e 326 posti, infine, saranno distribuiti in modo da riequilibrare la presenza di ricercatori tra gli Atenei considerando sia la quantità di ricercatori già in servizio, sia la loro percentuale rispetto al resto della docenza. 

Il decreto relativo agli Enti Pubblici di ricerca prevede 2 milioni per l’anno 2018 e 13,5 a partire dal 2019. La determinazione delle somme spettanti a ciascun Ente è stata effettuata tenendo conto della distribuzione ordinaria e premiale del FOE (il Fondo ordinario di finanziamento) negli ultimi 3 anni. Si potranno assumere ricercatori e tecnologi a tempo indeterminato.

Il bando PON, infine, mette a disposizione 110 milioni per due linee di intervento che guardano alla mobilità e all’attrazione di giovani ricercatori in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia. La Linea 1, mobilità dei ricercatori, punta a sostenere la contrattualizzazione, come ricercatrici e ricercatori, con durata del contratto pari a 36 mesi, di dottori di ricerca con titolo conseguito da non più di quattro anni, da indirizzare alla mobilità internazionale (con un periodo da 6 a 15 mesi da trascorrere all’estero). La Linea 2, attrazione dei ricercatori, punta a sostenere la contrattualizzazione, con durata del contratto pari a 36 mesi, di giovani  dottori di ricerca, che operano attualmente fuori dalle regioni obiettivo del PON 2014-2020, con un titolo conseguito da non più di otto anni e che abbiano già avuto un’esperienza almeno biennale presso altri atenei/enti di ricerca/imprese con sede operativa all’estero. Tutti i dettagli si possono trovare sul sito del MIUR. Le domande dovranno essere presentate tramite i servizi dello sportello telematico (http://aim.cineca.it), a partire dalle ore 15.00 del 23 aprile 2018 fino alle ore 15.00 del 31 maggio 2018, sulla base della modulistica presente sul sito.

Leggi tutto
Subscribe to this RSS feed