Menu
Corriere Locride
Settimana Solidale Dell'Unione dei Comuni della Valle del Torbido

Settimana Solidale Dell'Unione…

Per una maggiore consa...

Scuola di Recitazione della Calabria: il calabrese Vincenzo Petullà selezionato nel cast della serie Tv "Trust"

Scuola di Recitazione della Ca…

C'è anche il calabrese...

Il vescovo di Assisi a Reggio venerdì 17 per presentare il suo libro “L’economista di Dio”

Il vescovo di Assisi a Reggio …

Ospite dell’associazio...

Reggio. Il Teatro della Girandola presenta la terza stagione: “Il vento che muove”

Reggio. Il Teatro della Girand…

Cartellone teatrale 20...

Reggio. Il concerto unico in Italia di Yamandu Costa chiude il Festival “Reggio chiama Rio” il 28 novembre al Teatro Cilea

Reggio. Il concerto unico in I…

Dopo il successo della...

Oliverio ha premiato a Milano gli Ambasciatori della Calabria 2017

Oliverio ha premiato a Milano …

"È un grande onore e m...

Siderno (RC): alla Calliope Mondadori incontro con Peppe Baldessarro, autore del libro "Questione di rispetto" (Rubbettino editore)

Siderno (RC): alla Calliope Mo…

Venerdì 10 novembre 20...

Locri. Sporting Lokrians vs Futsal futbol Cagliari: gara difficile ma non impossibile

Locri. Sporting Lokrians vs Fu…

Domani attracca in Cal...

Domenica 5 novembre una grande festa a Rosarno per presentare i progetti FaRo e ArgoMens

Domenica 5 novembre una grande…

Un bene comune che vie...

Prev Next

Reggio: Nasce il Coordinamento Passo dopo Passo

  •   Redazione
Reggio: Nasce il Coordinamento Passo dopo Passo

Il rapporto di collaborazione, nato quest’anno, con le Associazioni Equilibri Pedagogici ed Ecopoiesis, e le proposte di aggiornamento e confronto, portate nelle scuole, ci hanno convinto, semmai ce ne fosse stato bisogno, che è fondamentale lo scambio, la cooperazione tra i docenti ed i clinici quando si parla di BES.

La nuova normativa - DM 5669 del 12/7/2011 - prevede che sia il Consiglio di Classe a predisporre un PDP, documento previsto dal MIUR nel DM 5669, in cui ci si accorda sulla didattica personalizzata da attuare a scuola, ovvero quali attività dispensative e quali strumenti compensativi lo studente può utilizzare,  sia durante la lezione che durante le prove di valutazione,  per garantire un Percorso d’apprendimento personalizzato all’alunno con Bisogni Educativi Speciali, attribuendo la responsabilità delle scelte didattiche ai docenti curriculari, che devono avere le competenze necessarie per l’individuazione delle  metodologie didattiche appropriate ai casi, di volta in volta presi in considerazione.

In molte scuole, gli sportelli di ascolto sono un’esperienza importante, ma insufficiente, e spesso, anche se i ragazzi apprezzano questo servizio, i docenti lamentano la sporadicità o l’occasionalità degli interventi di coordinamento e collaborazione didattica.

Grazie alle esperienze maturate in quest’anno scolastico, abbiamo avuto conferma della solitudine, in cui opera la scuola, e della necessità per il lavoro dei clinici di coordinarsi stabilmente con il mondo della scuola. La ‘didattica inclusiva’ ci impone, con il superamento dell’esclusivo e, a volte, individuale coinvolgimento degli insegnanti di sostegno, di acquisire tutte le competenze necessarie ad assicurare il successo formativo di ogni singolo alunno, anche in presenza di Disturbi Specifici dell’Apprendimento.

In quest’ottica il 23 giugno, a Reggio Calabria, nella sede di Equilibri Pedagogici, è nato lo strumento del Coordinamento Passo Dopo Passo tra i clinici e gli insegnanti, nel tentativo di fornire uno strumento stabile di analisi, di studio, di elaborazione di dati e documenti, da mettere a disposizione di chi, nell’ambito della psicoterapia cognitiva o nel mondo della scuola abbia interesse o necessità di strumenti didattici inclusivi e personalizzati.

Abbiamo cercato di mettere assieme un gruppo di docenti curriculari di diverse discipline e di ogni ordine e grado, per creare una piccolo gruppo di partenza… speriamo, una minuscola cabina di regia allo scopo di predisporre piani e strumenti di intervento concordati, che tengano conto delle competenze specifiche delle singole professionalità.

Il nostro intento è quello di allargare sempre di più l’esperienza del Coordinamento, tanto da coinvolgere gradualmente, per trasmissione o a cascata, tutti coloro che, nel mondo della scuola, abbiano voglia o necessità di misurarsi realmente con la didattica inclusiva.

Per il Coordinamento Passo Dopo Passo, Claudia Neri