Menu
Corriere Locride
A Gioiosa Jonica (RC), sabato prossimo il convegno sul tema “Attualità sulle neoplasie della mammella” organizzato dall’associazione “Angela Serra-Locride”

A Gioiosa Jonica (RC), sabato …

Sabato 14 Dicembre all...

Reggio. "Progetto giustizia semplice": Venerdì 13 convegno a Palazzo Alvaro

Reggio. "Progetto giustiz…

“Progetto Giustizia Se...

"Emozioni a colori". A Bova Marina iniziativa contro la violenza di genere promossa dall''Ass. Thesis

"Emozioni a colori".…

"Emozioni a colori" è ...

Il Parco Archeologico urbano di Brancaleone Vetus chiuso ai visitatori; l'appello della Pro-Loco!

Il Parco Archeologico urbano d…

Non si arresta la cont...

La democrazia a zumpa filici (Africo e dintorni)

La democrazia a zumpa filici (…

di Bruno Salvatore Luc...

Poste Italiane: a Reggio Calabria un’azienda a misura di bambino

Poste Italiane: a Reggio Calab…

Reggio Calabria, 6 dic...

Sant'Ilario dello Jonio.  Sabato 7 dicembre l'evento: "Tra racconto e riflessioni le migrazioni del passato e del presente", con Mimmo Gangemi, Ilario Ammendolia e la musica di Fabio Macagnino

Sant'Ilario dello Jonio. Saba…

Sabato 7 dicembre, all...

"Fondo per le Non Autosufficienze": pubblicato il Bando che coinvolge tutti i cittadini residenti a sud di Locri

"Fondo per le Non Autosuf…

Il presente avviso, pr...

Presentato a Lamezia Terme «Leopardi e L’Infinito» di Raffaele Gaetano

Presentato a Lamezia Terme «Le…

Presentato sabato scor...

Prev Next

Sanità Calabrese. "Condizioni tenuta mezzi di soccorso": La Uil Fpl scrive al Prefetto di Reggio

SEGRETERIA TERRITORIALE   UIL  FPL - RC -          

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. -   PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  -  Tel/ Fax   0964/ 399451- cell. 338-7695614                                     

Prot. n.  266    UIL  FPL

Lì, 05.08.2019

- A S.E. il Sig Prefetto di Reggio Calabria

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Reggio Calabria

Oggetto: condizioni tenuta mezzi di soccorso.

Scrivente O.S. con nota 253  dell’ 11.7.19 (che si allega in copia) indirizzata per conoscenza anche a S.E, aveva evidenziato la maldestra ed irresponsabile tenuta dei mezzi di soccorso del SUEM 118 (ambulanze) nota che ad oggi non ha avuto alcun riscontro da parte degli Organi competenti, i quali, peraltro, non hanno provveduto, come loro dovere, a mettere in condizioni di sicurezza le ambulanze, i delicati strumenti ed i farmaci salvavita in dotazione ai mezzi di che trattasi.

Propedeuticamente alla segnalazione alle Procure competenti sul grave pericolo cui giornalmente vengono esposti i pazienti bisognevoli del servizio 118, scrivente chiede alla S.S.I. di voler intervenire affinché la Commissione Straordinaria dell’ASP di Reggio Calabria si faccia carico del problema salvaguardando la vita dei pazienti .

Si allega, servizio  di LAC andato in onda il 27.7.2019. 

   

Il Segretario Territoriale

*Nicola Simone

*firma autografa sostituita da indicazione a mezzo stampa, ai sensi dell’art. 3, comma 2, della legge 39/1993

Leggi tutto

Sanità. Nicola Simone (Segretario Territoriale Uil-Fpl) chiede Al Ministro della Salute di «sospendere il concorso di assunzione di avvocati all'Azienda ospedaliera di Catanzaro»

SEGRETERIA TERRITORIALE   UIL  FPL - RC -          

 

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. -   PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  -  Tel/ Fax   0964/ 399451- cell. 338-7695614

 

Prot. n.  245  UIL  FPL

 

Lì, 01.07.2019

 

Al Ministro della Salute On.le Giulia Grillo

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Roma

 

Oggetto: richiesta  revoca  concorso  per  Avvocati A.O. Catanzaro

Gentilissimo Ministro,

due giorni fa si è svolta una manifestazione pubblica di protesta della comunità di Polistena contro l'ipotesi di chiusura della Pediatria e della Ginecologia per carenza di personale. Nel frattempo la Struttura commissariale ha autorizzato la prosecuzione del concorso per due avvocati da assumere all'Azienda ospedaliera di Catanzaro.  

SEMBREREBBE che a tale concorso partecipino la moglie del capo dipartimento amministrativo della stessa Azienda, avv. Vittorio Prejano' (uomo di fiducia di Oliverio e già nominato Commissario all'Azienda ospedaliera di Reggio Calabria) e la moglie del dirigente regionale responsabile del settore economico del Dipartimento Tutela della salute, dott. Vincenzo Ferrari.

Quindi, mentre in tutti gli ospedali della Regione mancano medici, infermieri ed oss la struttura commissariale si preoccupa, parimenti a quanto fatto da Scura, di assumere avvocati nelle aziende ospedaliere peraltro senza avere nemmeno l'approvazione del Tavolo di verifica cioè quello stesso Tavolo prontissimo a bloccare il turnover ed imporre addizionali fiscali ai Calabresi ma distratto allorquando si concedono privilegi alle mogli di, agli amici ed agli amici degli amici.

Quale è il cambiamento rispetto al regime Scura ? L'unico cambiamento registrato è la destinazione dei soldi dei Calabresi: ieri nelle disponibilità  di Scura oggi in quelle di Cotticelli e Schael.

L'ultimazione del concorso per le mogli è fissata per il prossimo 2 Luglio. Si chiede l'intervento della SV per sospendere il concorso e verificare la reale necessità di assunzione di avvocati in un hub ospedaliero sede di DEA di II livello nonché da quale atto programmatorio scaturisca l'autorizzazione concessa dalla Struttura commissariale laddove - come già detto - tutti gli ospedali della Regione si trovano in grave carenza di personale assistenziale.

  Il Segretario Territoriale 

   *Nicola Simone  

Leggi tutto

Sanità. Cisl- Fp: «Il 118 "In emergenza" chiede rapidi interventi organizzativi»

Il “118” numero unico di soccorso sanitario che opera sul territorio della nostra Provincia sin dal Giugno del 1997, raccoglie tutte le richieste di urgenza-emergenza sanitaria al fine di ridurre il numero delle morti evitabili attraverso l’invio tempestivo del mezzo più idoneo sul luogo dell’evento ed il trattamento più qualificato già sul territorio della persona.

Per la nota disorganizzazione della Sanità Territoriale e l'intasamento conseguente nella rete ospedaliera, già di suo carente di risorse tecnico-strumentali e soprattutto di organico sanitario, il compito del 118 si è appesantito in modo esponenziale, senza la garanzia del fabbisogno minimo previsto, in termini logistici, di parco macchine e di risorse umane.

Far fronte alle necessità della Città Metropolitana, considerando la disastrata sanità della della provincia, gravando su un 118 sempre più in abbandono, diventa sempre più difficile.

Già quotidianamente si assiste allo stop di diverse postazioni territoriali ”PET” del 118, riferendosi ad importanti realtà come Locri, Melito e Taurianova che rimangono ferme per la gravissima carenza di personale ed in particolare autisti/soccorritori, infatti sono rimasti ormai in pochissimi a garantire il servizio presso queste postazioni, e un rischio altissimo minaccia la postazione di Scilla per l'avvicinarsi di altri pensionamenti.

Le altre PET certo  non godono di buona salute, infatti parecchie rimangono in servizio ma sprovviste di personale Medico a bordo.

La CISL FP  ha più volte denunciato le carenze strutturali, strumentali e soprattutto di personale del settore ed in particolare della Centrale Operativa del 118, il cuore di tutto il sistema emergenza.

Nonostante l'apparente soluzione tampone alla gravissima carenza di Personale, sono state assegnate 4 unità Infermieristiche a tempo determinato e favorita una fuoriuscita verso altri servizi di Personale a tempo indeterminato, sarebbe opportuno approfondire la metodologia di scelta del personale in entrata e i motivi del nulla osta per i trasferimenti in altre sedi. 

Lo sconforto di chi attende affiancamento da tempo è altissimo, il Personale non si sente ripagato di tutto l'impegno finora profuso in condizioni disumane, si sente offeso dai continui attacchi esterni, al punto di rinunciare al "senso e all'orgoglio di appartenenza" ad un servizio che andrebbe tutelato, incoraggiato e protetto da tutte le "chiacchiere" televisive e attacchi portati a termine con effetti devastanti e screditanti agli occhi di tutta la popolazione.

Anche in questo settore i sacrifici continueranno ad essere fatti, gli operatori stanchi e insufficienti saranno sempre in prima linea, la popolazione sarà servita al meglio possibile ma è giusto che si parli del limite in cui si sta progressivamente incappando, non considerando che l'impegno, l'abnegazione e la professionalità saranno prima o poi messi a dura prova dalla stanchezza fisica e dai limiti già in atto per la mancanza di Autisti.

Sulla cronica carenza di queste Figure si è aspettato il disservizio senza agire per tempo e trascurando da anni anche l'adeguamento del profilo dei Dipendenti, utilizzati ma sottopagati.

Da due giorni è guasta l'ambulanza della PET di Reggio Calabria Nord, non ancora riparata per mancanza di convenzione con un centro di assistenza.

Serve un urgentissimo intervento organizzativo e di integrazione di risorse umane per scongiurare danni alla salute degli Operatori, in ossequio del D.L. 81/2008 in materia di tutela alla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro che tra gli obblighi  a carico del Datore di Lavoro rientra la valutazione e la prevenzione dello stress lavoro-correlato.

Manca oramai da troppo tempo un Direttore di Centrale e un Coordinatore delle PET, si è stanchi di osservare anche in questo settore un'apparente disattenzione che sfocia in precisi interessi dilatori, viste le lungaggini sul concorso per Direttore del SUEM 118, pubblicato sul sito dell’ASP e scomparso nel nulla, come è scomparso nel nulla il prezioso apporto del Coordinatore delle PET, messo in pensione e mai sostituito.

Nasce quindi la necessità di realizzare adeguati programmi di prevenzione del burn out attraverso strategie ben precise e mirate alla formazione degli operatori e all'organizzazione del lavoro per una più qualificata gestione delle risorse umane, viste le recenti problematiche lamentate dai Lavoratori sul debito-credito delle ore svolte e la continua esposizione a problemi di natura giudiziaria

Quanto deve durare ancora questa cattiva gestione?

Quando si permetterà al Personale del 118 di esprimere il proprio "vero" potenziale con mezzi adeguati e barelle che non li costringano a sostare per ore ed ore al Pronto Soccorso, lasciando scoperto il Territorio?

Gli "Angeli" del 118 sono infuriati, vogliono adeguato supporto per dare di più e soprattutto non essere intaccati ed ostacolati dalle solite logiche di potere che rallentano l'operatività e offendono la dignità.

 

Il Segretario Aziendale SAS Reggio Cal.                      Il Segretario Generale Aggiunto

              Salvatore Taverriti                                                            Giuseppe Rubino

Leggi tutto
Subscribe to this RSS feed