Menu
Corriere Locride
“Reggio chiama Rio - fatti di musica Brasil Festival”: Hamilton de Holanda infiamma l’Arena

“Reggio chiama Rio - fatti di …

Si è chiusa con il tri...

Cittanova. Scuola di Recitazione della Calabria: al via le nuove audizioni

Cittanova. Scuola di Recitazio…

In cantiere l'ambizios...

Giovanni Tocci medaglia di bronzo ai campionati mondiali di tuffi a Budapest 2017

Giovanni Tocci medaglia di bro…

Giovanni Tocci, giovan...

Panchina Palmese, Ferraro prima scelta. Vertenze pagate ed il 21 Luglio la definitiva iscrizione

Panchina Palmese, Ferraro prim…

di Sigfrido Parrello -...

Genti di Calabria ed i Colori del Cielo. Appuntamento a Tuscania (VT) il 24 luglio per i lavori di Pino Bertelli e Francesco Mazza

Genti di Calabria ed i Colori …

Sarà presentato il pro...

Coldiretti: bene la legge sugli agrumeti caratteristici approvata dalla commissione agricoltura della camera

Coldiretti: bene la legge sugl…

In Calabria interessat...

Calcio, Serie D - Aventi diritto, chiuse le iscrizioni. Per adesso la Palmese c’è!

Calcio, Serie D - Aventi dirit…

di Sigfrido Parrello -...

Sant'Ilario dello Ionio: domenica prossima "Migrazioni"

Sant'Ilario dello Ionio: domen…

Domenica 16 luglio, al...

Calcio - L'AIA nazionale ufficializza le promozioni degli arbitri calabresi

Calcio - L'AIA nazionale uffic…

di Sigfrido Parrello -...

Siderno. Sabato 8 luglio, presentazione del libro di Fausta Ivaldi "Una vita esagerata"

Siderno. Sabato 8 luglio, pres…

SIDERNO - «A mia madre...

Prev Next

Sanita: Ospedale San Pietro e Marrelli Hospital, la Calabria è meno sola

  •   Redazione
Sanita: Ospedale San Pietro e Marrelli Hospital, la Calabria è meno sola

Roma, 27 maggio 2017 - Non saranno più i pazienti a spostarsi dalla Calabria, ma i medici e i chirurghi dell’ospedale San Pietro Fatebenefratelli di Roma ad operare a Crotone. Non sarà la risoluzione della mobilità sanitaria passiva, ma che possa diventare una buona pratica, la dimostrazione che è possibile invertire il trend negativo, sarà un fatto concreto. Dal 15 giugno infatti scatta l’operatività dell’Intesa sottoscritta il 29 aprile u.s. a Crotone tra l’Ospedale San Pietro di Roma, gestito dai superiori della Provincia Romana dei Fatebenefratelli, e il Marrelli Hospital. “Siamo passati dalla forma alla sostanza” ha affermato il medico/imprenditore Massimo Marrelli. “Avere la possibilità di interagire con professionisti altamente competenti è una sicurezza per noi, ma soprattutto per chi si rivolge presso la nostra struttura, che da oggi può finalmente curarsi in casa propria”.

L’Ospedale San Pietro Fatebenefratelli è uno dei nosocomi più importanti di Roma. Si avvale della collaborazione di tutte le Università della capitale, tra cui l'Università di Torvergata, l'Università Cattolica Sacro Cuore e l'Universita' Sapienza di Roma. Con 5000 parti all’anno è in cima alla lista per quanto riguarda le nascite. Ha anche la più alta percentuale di chirurgie addominali maggiori eseguite in laparoscopia, e una lunga tradizione ortopedica sempre più indirizzata ad una chirurgia microinvasiva artroscopica. In più, ha un Centro di radioterapia dotato di 3 acceleratori e delle più innovative tecnologie disponibili in questo settore, che ne ha fatto uno dei riferimenti per quanto riguarda i trattamenti di radioterapia stereotassica. L’Intesa è stata raggiunta grazie alla preziosa collaborazione e alla fiducia di Fra’ Pietro Cicinelli e Fra’ Gerardo D’Aurìa, rispettivamente direttore generale e padre provinciale, alla guida dei 5 ospedali che fanno parte della Provincia Romana dei FatebeneFratelli. Insieme all’avvocato Giovanni Vrenna, direttore per gli affari generali, e al prof. Piercarlo Gentile, direttore del Centro di Radioterapia dell'Ospedale San Pietro di Roma, entrambi crotonesi, che hanno creduto e sostenuto sin dall’inizio questa straordinaria sinergia professionale. “Di mio c’è poco – racconta il professore Gentile – c’è la volontà di dare un contributo alla mia terra, dove sono nato. Oggi ho toccato con mano la volontà di un medico/imprenditore che vuole realizzare un sogno: rendere questo polo sanitario un fiore all’occhiello, una realtà che raccoglie al suo interno le eccellenze nelle varie discipline mediche, una realtà che sarà messa al servizio di tutta la popolazione”.