Menu
FanduCorriere Locride
Reggio Calabria. Il Circolo Culturale “G. Calogero” organizza il convegno “La Rivolta di Reggio del 1970 tra società cultura e storia”

Reggio Calabria. Il Circolo Cu…

In occasione del cinqu...

DIOCESI OPPIDO MAMERTINA - PALMI. Iniziato il delicato intervento di restauro della monumentale statua di San Girolamo a Cittanova

DIOCESI OPPIDO MAMERTINA - PAL…

È iniziato il delicato...

Gli alunni del “Gemelli Careri” di Oppido Mamertina alla quinta edizione del concorso “Archivio Nazionale dei monumenti adottati dalle scuole italiane”, con un corto su “lo scoglio dell’ulivo di Palmi”

Gli alunni del “Gemelli Careri…

Il progetto didattico,...

Poste Italiane contribuisce allo sviluppo economico e sociale del paese

Poste Italiane contribuisce al…

«Nel 2019 le attività ...

Bovalino: l'Adda richiede segnaletica e spazi per disabili

Bovalino: l'Adda richiede segn…

L'associazione Adda, s...

"Distanti", il nuovo libro edito da Falzea

"Distanti", il nuovo…

di Cosimo Sframeli Un...

Respinto il ricorso della Palmese retrocessa in Eccellenza. Adesso si va al Tar

Respinto il ricorso della Palm…

di SIGFRIDO PARRE...

Poste Italiane ottiene l’attestato ISO 26000

Poste Italiane ottiene l’attes…

L’Azienda aderisce al ...

UNHCR e Intersos a Camini per la Giornata mondiale del rifugiato  Incontri e dibattiti il 23 e 24 giugno nel paese dell'accoglienza

UNHCR e Intersos a Camini per …

UNHCR (Alto commissari...

Nour Eddine Fatty e l'esilio del flautista: «Nella Locride la presentazione del libro del grande musicista»

Nour Eddine Fatty e l'esilio d…

Dice di aver sempre pe...

Prev Next

Sanità. Nota Stampa dell'AAROI EMAC sezione Calabria

  •   Redazione
Sanità. Nota Stampa dell'AAROI EMAC sezione Calabria

«Sono state due interessanti giornate di confronto per il Dr. Domenico Minniti Presidente dell’AAROI EMAC sezione Calabria, l’associazione dei medici anestesisti rianimatori emergenza ed area critica. Tanto quella del 23 giugno, con i vertici aziendali dell’A.S.P. di Catanzaro (Prefetto a.r. D.ssa Luisa Latella, Direttore Amministrativo Dr. Francesco Marchitelli, Direttore Sanitario Aziendale Dr. Ilario Lazzaro) quanto quella del 25 giugno con i vertici dell’Azienda Ospedaliera “Pugliese Ciaccio” del capoluogo (Commissario Straordinario Dr. Giuseppe Zuccatelli, Direttore Amministrativo Avv. Antonio Mantella).

Oggetto di entrambi gli incontri, la spinosa vicenda relativa alla mancata erogazioni degli emolumenti ai medici anestesisti rianimatori ed al personale sanitario in genere che presta il proprio prezioso servizio sulle eliambulanze di Calabria Soccorso.

Entrambi i tavoli tecnici si sono sviluppati all’insegna di una collaborazione proattiva e propositiva tra Aziende e Sindacato e sono stati densi di contenuti, dall’analisi dei problemi alle proposte, elaborate a quattro mani, delle soluzioni percorribili.

Condivisa la necessità di cancellare un vulnus amministrativo che si protrae da anni e che si riverbera  tanto sulle Aziende sanitarie ed ospedaliere della Calabria, quanto sugli operatori dell’elisoccorso.

L’AAROI EMAC deve però, suo malgrado, evidenziare come, a fronte di una simile comunione di intenti tra le parti spicchi, da contraltare, il brillante totale silenzio da parte della regione. A più richieste ufficiali di sollecito confronto inoltrate dall’AAROI EMAC, infatti, né la Struttura Commissariale né il Dipartimento Tutela della Salute hanno ritenuto di dover dare il benché minimo cenno di riscontro. La soluzione del problema, però, dovrà necessariamente passare attraverso la formalizzazione di regole d’ingaggio. Regole che, al momento, non sono perfettamente chiare e che è il caso siano, a distanza di vent’anni dalla stesura originaria, adeguatamente riscritte. Operazione, quest’ultima, che dev’essere ovviamente congegnata alla Cittadella, attraverso il confronto tra Regione, Aziende e l’Associazione che maggiormente rappresenta gli Anestesisti Rianimatori.  In assenza di ciò, infatti, si sta realizzando una situazione che potrebbe avere, nel breve termine, ricadute negative sull’erogazione del servizio e dunque sull’offerta sanitaria relativa alla rete dell’Emergenza Urgenza, già di per se stessa caratterizzata da non poche criticità. E’ del tutto evidente, nostro malgrado, immaginare come, con un ritardo di oltre dieci mesi nell’erogazione dei dovuti compensi, e non per la mancanza di risorse, ma per l’indolenza amministrativa del Palazzo, gli “eroi” possano anche stancarsi, e come il rischio dell’interruzione del servizio possa anche cominciare a materializzarsi».