Menu
Corriere Locride
“Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”: «Il 22 ottobre presenteremo il primo rapporto sulla mortalità stradale negli anni 2013-2017 sulla S.S.106»

“Basta Vittime Sulla Strada St…

Il lavoro dell’Associa...

Legambiente: «La Calabria seconda per abusivismi»

Legambiente: «La Calabria seco…

È stato presentato que...

Coldiretti: la Regione autorizza carburante in più per l’irrigazione di soccorso su tutto il territorio regionale

Coldiretti: la Regione autoriz…

Coldiretti aveva chies...

In occasione del nuovo anno scolastico inaugurazione del plesso “Carrera” della Scuola Primaria e nuovo scuolabus comunale a Roccella

In occasione del nuovo anno sc…

In occasione dell’iniz...

Regione. In programma il 25 e 26 settembre la conferenza internazionale sulla tratta delle donne nigeriane

Regione. In programma il 25 e …

"Doppio sguardo. La tr...

Legge di Bilancio 2019: Oliverio scrive ai parlamentari Calabresi

Legge di Bilancio 2019: Oliver…

Il Presidente della Re...

Gemellaggio internazionale per il Rotary di Locri

Gemellaggio internazionale per…

Il Rotary club di...

WWF: «Le Marche salvano lupi e allevatori»

WWF: «Le Marche salvano lupi e…

«Le Marche stanno segu...

Reggio. Antonino Castorina replica a Forza Italia su intitolazione strada

Reggio. Antonino Castorina rep…

«Apprendo con stupore ...

Vibo Valentia. Il presidente nazionale di UE.COOP Gherardo Colombo è stato in Calabria – Il report

Vibo Valentia. Il presidente n…

Il presidente Nazional...

Prev Next

Nota stampa della segreteria territoriale UIL FPL sulla situazione della dialisi in provincia di Reggio Calabria

  •   Redazione
Nota stampa della segreteria territoriale UIL FPL sulla situazione della dialisi in provincia di Reggio Calabria

-Sig.  Direttore  Generale   ASP 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Reggio Calabria

-Sig. Direttore Generale  G. O. M. R.C.

  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Reggio  Calabria

                                                                                                               -A tutti gli Organi di Stampa

Il gruppo dirigente della UILFPL del Comprensorio di Reggio Calabria alla presenza del Segretario Aziendale Roberto Cetina (tra l’altro coordinatore infermieristico della U.O.S. della Dialisi di Scilla) e del Segretario Provinciale Nicola Simone si è riunito per affrontare il problema dei dializzati non trattabili, per deficit delle nostre strutture sanitarie, all’interno della provincia reggina. Ormai da anni immemori si assiste a detta criticità che riguarda quei pazienti uremici, costretti a rivolgersi, per sottoporsi alle sedute dialitiche, più volte alla settimana ad una struttura privata della dirimpettaia Messina. Di tanto in tanto, sulla scorta delle giuste rimostranze dei pazienti e/o delle benemerite associazioni che li rappresentano si riapre l’argomento e i politici ai vari livelli si svegliano dal loro torpore proferendo le solite frasi di circostanza. Si è dovuto verificare che un paziente oramai disperato minacciasse, addirittura, di lasciarsi morire pur di non dover affrontare i disagi cui a giorni alterni è costretto a sopportare, affinché si riaprisse in tutta la sua drammaticità l’argomento. Passa il tempo e quanti non potendo praticare il proprio trattamento dialitico  continuano ad affrontare una vera e propria odissea sanitaria  permanente. È un diritto riconosciuto dalla legge poter svolgere le sedute di che trattasi nello stesso luogo dove persiste la propria residenza, ma di questo ci si ricorda solo a ridosso degli appuntamenti elettorali. L’impegno del Sig. Prefetto di Reggio con l’istituzione di un tavolo tecnico ha ridato speranza a questi sfortunati nostri concittadini, cercando di individuare le possibili soluzioni. Vergognoso appare il comportamento del dipartimento regionale alla salute che inspiegabilmente si attarda a formalizzare le autorizzazioni di rito indispensabili all’incremento del numero di dializzati trattabili tra Reggio, Melito e Scilla. More solito, la burocrazia regionale impera, ed in questo caso specifico impedendo una giusta ri-parametrazione dei posti letto non consente una risposta definitiva alla forte domanda di tali prestazioni specialistiche che giunge dal territorio. Nel frattempo una soluzione tampone, assolutamente momentanea, potrebbe essere rappresentata, fermi restando i posti letto, dall’istituzione del cosiddetto terzo turno, possibile, comunque, solo attraverso il potenziamento del personale medico ed infermieristico. La UIL comunica urbi et orbi che vigilerà scrupolosamente affinché venga meno la possibile speculazione che vuole in questi frangenti far montare l’ipotesi dell’attivazione di una Struttura di dialisi privata, stimolata nella sua applicazione dai forti proventi economici conseguenti al vantaggioso tipo di convenzione. Questa O.S. ritiene che detta attività debba svolgersi all’interno di un contesto sanitario pubblico, il solo capace di fornire le giuste garanzie di sicurezza per detti pazienti, per tali motivi ribadisce la richiesta che all’interno delle Dialisi allocate presso il GOM, l’Ospedale Tiberio Evoli e la casa della salute di Scilla, vengano trovate le giuste soluzioni al problema. Chiediamo all’ing. Scura sinergicamente al DG del GOM di trovare le adeguate soluzioni.

         Segreteria Comprensoriale ambito RC                                  Il Segretario Territoriale   

                 *Roberto Cetina                                                                     *Nicola Simone