Menu
Corriere Locride
Siderno: le associazioni del borgo si mobilitano

Siderno: le associazioni del b…

«Massimo impegno dei C...

Furfaro e Zavettieri: «quali strategie per combattere la 'ndrangheta?!»

Furfaro e Zavettieri: «quali s…

«Da amministratori pub...

Sindacato in lutto si è spento a 67 anni Domenico Serranò: «Grande dirigente ma soprattutto grande Amico»

Sindacato in lutto si è spento…

«La Cisl Funzione Pubb...

Roccella. Domenica 17 febbraio si terrà un evento internazionale sul tema delle migrazioni e della solidarietà tra popoli

Roccella. Domenica 17 febbraio…

“Per un Mediterraneo d...

Regione Calabria. Operativi i tirocini per l'inserimento lavorativo di persone in condizioni di fragilità

Regione Calabria. Operativi i …

Adottato un altro prov...

Agricoltura: primo voto chiave del Parlamento UE sulla PAC

Agricoltura: primo voto chiave…

La Commissione per l’A...

Al Teatro Città di Locri il 16 febbraio in scena “La Malafesta” con Rino Marino e Fabrizio Ferracane

Al Teatro Città di Locri il 16…

«Una pièce di grande s...

“Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”. Il Direttivo dell’Associazione esprime apprezzamento per le dichiarazioni del Ministro per il Sud

“Basta Vittime Sulla Strada St…

«Nuova S.S.106: aspett...

Nota stampa Uil sulla "vicenda" Sorical

Nota stampa Uil sulla "vi…

Il clima venutosi a cr...

San Valentino, negli uffici postali di Reggio Calabria, Locri e Palmi le cartoline per gli innamorati

San Valentino, negli uffici po…

REGGIO CALABRIA, 5 feb...

Prev Next

Reggio Calabria. Nota stampa della CISL FP: «Prove di assestamento alla Città Metropolitana»

«Mettere a sistema le competenze per rispondere alle sfide del futuro!»

Prove di assestamento alla Città Metropolitana rispetto agli assetti organizzativi e strutturali, così dichiarano Adolfo Romeo delegato della CISL FP alla Città Metropolitana Felice Foti Seg. SAS ed il Segretario Generale della CISL FP  Vincenzo SERA.

Un cambio di passo si registra nella gestione locale della Città Metropolitana riferito agli assetti organizzativi dei settori - servizi ed uffici. Un'ampia riflessione della nomenclatura politica e dirigenziale di Palazzo "Corrado Alvaro" ha permesso la modifica della macrostruttura - a suo tempo contestata in primis dalla CISL FP di Reggio Calabria.

Con la nuova deliberazione del Sindaco Metropolitano Avv. Giuseppe Falcomatà - n.9 del 28/01/2019 che, di fatto, ripristina un equilibrio generale ed implementa servizi ed uffici nei settori - di delega regionale - quali l'agricoltura, la formazione professionale, la pubblica istruzione, il turismo ecc., in precedenza fortemente penalizzati.

Istituiti 1 servizio e 8 UAT, cui è stata ridata identità agli uffici di Melito Porto Salvo, Locri, Caulonia, Sant’Eufemia d’Aspromonte, Palmi, Polistena, Cittanova, Rosarno, per il settore Agricoltura, per la formazione Professionale 4 servizi in più ed alcuni uffici potenziati, come i servizi sociali turismo e pubblica istruzione.

Di nuova istituzione Rosarno quale centro di formazione professionale al posto di Gioia Tauro.

La CISL FP, continuano ROMEO - FOTI e SERA prende atto di tale riflessione nel rivedere la macrostruttura, andando incontro alle esigenze del personale, anche sotto l'aspetto economico e contrattuale, e nello stesso tempo ad offrire all'utenza maggiore qualità nei servizi erogati. Certo, ancora vi sono dei problemi da risolvere, valorizzando ad esempio gli uffici periferici di Locri e Palmi (ex circondari) per togliere dall'isolamento i cittadini dei Comuni del territorio metropolitano. Nella nuova programmazione e piano di formazione professionale bisogna tener conto per spalmare le attività didattiche e formative, anche sull'area ionica e tirrenica.

Altre tematiche, tra cui i dipendenti impegnati in attività di supporto ai delegati della Città Metropolitana - non inseriti nella macrostruttura - possono e devono essere recuperati con la contrattazione anno 2019.

Sono stati tracciati, con l’istituzione del tavolo tecnico permanente obiettivi consapevoli che vivranno nel tempo.

Esistono obiettivi che un Amministrazione può realizzare nel corso del tempo a medio e lungo termine, ed altri che necessitano di terreno fertile per essere seminati e coltivati, nell’attesa che il tempo porti le "cose sperate".

Sono punti di arrivo che richiedono un cambio di mentalità, ecco perché il nuovo Contratto Nazionale dà la possibilità alle Organizzazioni Sindacali nuovi strumenti, di intraprendere nuove relazioni sindacali con le Amministrazioni.

La CISL FP ha già chiesto dice il Segretario Generale, l’istituzione e l’avvio del dell’Organismo Paritetico per l’innovazione.

L’organismo sarà un nuovo approccio dove si realizza una modalità relazionale finalizzata al coinvolgimento partecipativo delle Organizzazioni Sindacali; traguardi importanti che possiamo raggiungere con un ampio grado di condivisione.

L’organismo è la sede in cui si attivano stabilmente relazioni aperte e collaborative su progetti di organizzazione e innovazione, miglioramento dei servizi, promozione di legalità, della qualità del lavoro e del benessere organizzativo, politiche formative e tutte quelle azioni che possano migliorare l’attività lavorativa in termini di benessere per il lavoratore per il raggiungimento degli obiettivi di efficacia ed efficienza.

La Città Metropolitana di Reggio Calabria così rimodulata negli assetti strutturali, può essere protagonista ed avere un ruolo essenziale, tutto si concretizza però solo se la legge di istituzione delle Città Metropolitane verrà applicata fino in fondo, con l'assegnazione delle deleghe che spettano ai nuovi Enti, da parte delle Regioni.

Un Cambio di passo che vedrà sempre più protagonista la Città Metropolitana di Reggio Calabria ecco perché il coordinamento delle Città Metropolitane, nell'incontro programmatico avvenuto a Milano ha affidato il compito al vice sindaco avv. Riccardo Mauro di stilare entro la metà del mese di febbraio prossimo una proposta condivisa finalizzata alla modifica sostanziale della legge n.56 Del Rio, ormai superata perché non soddisfa le esigenze economiche e normative delle importanti istituzioni locali.

Pertanto la CISL FP si congratula per l’incarico ricevuto.

Il Delegato CISL FP                   Il Segretario Aziendale                           Il Segretario Generale

    Adolfo Romeo                               Felice Foti                                                 Vincenzo Sera 

Leggi tutto

Reggio. Accordo sulle progressioni economiche orizzontali (Fasce): «grande soddisfazione per il gruppo della Cisl Funzione Pubblica di Reggio Calabria del G.O.M.»

ACCORDO SULLE PROGRESSIONI ECONOMICHE ORIZZONTALI (FASCE) FERME DA MOLTISSIMI ANNI.

Raggiunto un primo risultato a cui si stava lavorando da tanto tempo!

È una grande soddisfazione per il gruppo della Cisl Funzione Pubblica di Reggio Calabria del G.O.M. (Azienda Ospedaliera BMM) che, a pochi giorni dalla formazione di una nuova e più forte organizzazione all’interno del G.O.M., è riuscito ad indurre l’amministrazione a riaprire la trattativa per il riconoscimento dell’attribuzione delle fasce, dopo tanti anni di chiusura nei confronti del personale.

La CISL FP è riuscita, finalmente, a ridare ruolo al sindacato all’interno del G.M.O. mettendo un freno all'unilateralità dell’amministrazione attraverso un nuovo modello di partecipazione, avendo come unico obiettivo quello di restituire la dignità professionale a tutti coloro che lavorano prendendosi cura dei cittadini.

L’accordo sottoscritto prevede il passaggio sequenziale tra le fasce retributive previsto dal nostro CCNL ed è finalizzato a:

  1. Valorizzare la professionalità mediante il riconoscimento delle competenze maturate durante il proprio percorso lavorativo;
  2. Differenziare il contributo di ciascuna professionalità all’interno dell’organizzazione del lavoro;
  3. Garantire la valorizzazione dei profili di tutte le categorie secondo principi di equità distributiva.
  4. I passaggi da una fascia retributiva a quella immediatamente successiva devono avvenire, a domanda, per il triennio 2018/2020 e con decorrenza fissa dal 1° gennaio di ogni anno per tutti i lavoratori a tempo indeterminato appositamente selezionati;
  5. Il numero dei passaggi sarà stabilito in base alle risorse finanziarie esistenti e disponibili nel fondo dedicato;
  6. I dipendenti che acquisiscono la fascia economica saranno individuati secondo i seguenti criteri di selezione:
    1. Anzianità di carriera (1 punto per ogni anno di servizio);
    2. Valutazioni ottenute sull’impegno e sulla qualità della prestazione individuale;
    3. Titoli accademici e formativi (fino ad un massimo di 5 punti);
    4. Curriculum professionale e formativo (fino ad un massimo di 15 punti);
  7. Criteri per l’individuazione di fasce temporali di flessibilità oraria in entrata ed uscita;
  8. Elevazione della misura dell’indennità di lavoro notturno;
  9. Elevazione della misura dell’indennità di pronta disponibilità;
  10. Riconoscimento dei tempi di vestizione/svesti e passaggio di consegne previsti dall’art. 27, commi 11 e 12 (Orario di lavoro), con innalzamento di ulteriori 4 minuti in reparti con elevata complessità assistenziali;
  11. Incarichi funzionali (Incarico di organizzazione ed Incarico professionale).

La progressione economica, secondo la CISL FP, deve rispettare i seguenti principi:

Ovviamente la graduatoria potrà scorrere in base al numero dei pensionamenti che ci saranno annualmente.

         Un secondo grande risultato è stato raggiunto dalla CISL FP che ha chiesto ed ottenuto l’avvio della contrattazione decentrata, a partire dal mese di Gennaio, che privilegi i seguenti punti:

La CISL FP si farà garante delle aspettative dei lavoratori e sorveglierà l’iter dell’assegnazione delle fasce a garanzia di tutti gli aventi diritto.

CISL FP

 

CISL FP G.O.M.

 Vincenzo Sera

 

Carmine Federico

 

Leggi tutto

Reggio. Vincenzo Sera: «Il triste natale dei lavoratori delle cooperative Skinner e Libero Nocera»

A Reggio Calabria incresciosa la situazione dei servizi sociali comunali: cooperative in ginocchio a causa dei ritardi nei pagamenti così dichiara in un comunicato il Segretario Generale della CISL FP Vincenzo Sera

La città si prepara per il Santo Natale, si addobbano le piazze, luminarie per il centro storico eventi culturali ed altre attività, come in una città normale e come è giusto che sia.

Altrettanto giusto, continua il Segretario Generale della CISL FP è pagare le cooperative che già hanno espletato un servizio per conto del Comune e di conseguenza è altrettanto giusto che i lavoratori vengano pagati dopo otto mesi di  mancato pagamento degli stipendi.

Precisa ed abbastanza diretta la nota stampa del 14 dicembre delle Cooperative che, hanno in gestione i servizi di assistenza domiciliare disabili ed i centri soci educativi, si legge tra le righe l’avviso della chiusura visto la poca sensibilità dell’Amministrazione e la situazione ormai insostenibile che si è venuta a creare.

La nota passa inosservata.

Anche la lettera inviata tramite pec il 28 novembre scorso a firma del Segretario  Generale, al Dirigente  Settore Programmazione Economico Finanziario che chiedeva un incontro al fine di capire come mai i pagamenti programmati dalla conciliazione fatta in Prefettura sono stati disattesi, vista la mancanza di sensibilità, viene informata l’Amministrazione per le vie brevi, che la situazione stava degenerando subito dopo l’insediamento del nuovo Dirigente al Settore Programmazione Economico Finanziario, tante rassicurazioni ma di fatto nulla di concreto.

Alcune  interlocuzioni e rassicurazioni dall’assessore al Bilancio e dall’assessore al settore Politiche Sociali.

L’Assessorato alle Politiche Sociali ha dimostrato chiarezza e determinazione, infatti è vero che negli ultimi giorni dopo aver proceduto alle de termine di competenza, alcuni pagamenti del settore finanze sono stati fatti, come confermato tra l’altro dall’Assessore alle Finanze.

Ma Sono state pagate solo quelle  fatture per i servizi di assistenza domiciliare, somme gravanti su fondi regionali   quindi certi e vincolati per tale servizio.

La mancata erogazione delle fatture riguarda i Centri socio-educativi per minori disabili che pesano totalmente sul bilancio comunale.

Il settore politiche sociali ha giàfatto le de termine anche per i pagamenti, la procedura di pagamento pare si sia bloccata in ragioneria, sembrerebbe perché tali servizi non rientrerebbero tra quelli considerati “essenziali”.

Strano che su 8 milioni di euro delle rimesse statali disponibili dai primi di Dicembre, non si è riusciti a preservare le somme necessarie  per saldare almeno tre mensilità,  per i lavoratori delle cooperative sociali Skinner e Libero Nocera.

Il tutto nell’assoluto silenzio dell’Amministrazione !

Già il 02 dicembre dello scorso anno si annunciava lo stato di agitazione e si chiedeva l’intervento del Prefetto, che dopo l’incontro, una nota stampa della Prefettura del 13 marzo 2018, comunicava l’ottimo risultato raggiunto con l’impegno da parte del Comune di pagare gli stipendi dovuti, pertanto si è proceduto alla revoca dello stato di agitazione.

Questo il contenuto della nota stampa della Prefettura,” Il comune di Reggio Calabria pagherà a breve alcune delle 8 mensilità di stipendio arretrate ai lavoratori delle cooperative sociali Skinner e Libero Nocera, che lavorano nel campo dell'attività socio-educativa e dell'assistenza domiciliare a persone con disabilità.

Non è certo migliorata,  la situazione da marzo, anzi è peggiorata, tale situazione comporta, come evidentemente si può comprendere, una gravissima sofferenza per le cooperative e per gli operatori coinvolti, che si trovano ormai ad avere oltre 8 mensilità di stipendi arretrati. Una condizione insostenibile che pone le strutture a gravissimo rischio di chiusura a causa della perdurante mancanza di risposte sui pagamenti, sentendosi rispondere altresì, che «i servizi verso i più deboli e fragili non rientrano tra quelli considerati “essenziali”».

Quest'ultima dichiarazione,  rischia di svilire la portata del citato art. 117 Cost., che svincola l'effettivo godimento dei diritti sociali dalle risorse economiche.

In una società civile, tutto ciò non fa che aumentare l’eterogeneità territoriale e le disuguaglianze tra eguali.
Essendo tutto rimesso al buon cuore dei politici comunali e, alla buona volontà di qualche Dirigente.

Alcuni diritti, alcuni servizi, non sono negoziabili, non possono essere messi in discussione, perché verrebbe meno il diritto di poterci definire una società civile.

“La disabilità, è come una bottiglia che contiene un messaggio importante, viene portata in lungo e in largo; dalla onde dei mari, per arenare su una spiaggia, la cui ricchezza del contenuto, diventa curiosità e purezza di vita, per la persona che non vede con gli occhi, ma con il cuore”.

Per quanto su esposto si convocherà un assemblea con il personale delle cooperative interessate al fine di programmare una o più giornate di mobilitazione.

Il Segretario Generale

Vincenzo Sera            

Leggi tutto
Subscribe to this RSS feed