Menu
FanduCorriere Locride
Reggio Calabria. Il Circolo Culturale “G. Calogero” organizza il convegno “La Rivolta di Reggio del 1970 tra società cultura e storia”

Reggio Calabria. Il Circolo Cu…

In occasione del cinqu...

DIOCESI OPPIDO MAMERTINA - PALMI. Iniziato il delicato intervento di restauro della monumentale statua di San Girolamo a Cittanova

DIOCESI OPPIDO MAMERTINA - PAL…

È iniziato il delicato...

Gli alunni del “Gemelli Careri” di Oppido Mamertina alla quinta edizione del concorso “Archivio Nazionale dei monumenti adottati dalle scuole italiane”, con un corto su “lo scoglio dell’ulivo di Palmi”

Gli alunni del “Gemelli Careri…

Il progetto didattico,...

Poste Italiane contribuisce allo sviluppo economico e sociale del paese

Poste Italiane contribuisce al…

«Nel 2019 le attività ...

Bovalino: l'Adda richiede segnaletica e spazi per disabili

Bovalino: l'Adda richiede segn…

L'associazione Adda, s...

"Distanti", il nuovo libro edito da Falzea

"Distanti", il nuovo…

di Cosimo Sframeli Un...

Respinto il ricorso della Palmese retrocessa in Eccellenza. Adesso si va al Tar

Respinto il ricorso della Palm…

di SIGFRIDO PARRE...

Poste Italiane ottiene l’attestato ISO 26000

Poste Italiane ottiene l’attes…

L’Azienda aderisce al ...

UNHCR e Intersos a Camini per la Giornata mondiale del rifugiato  Incontri e dibattiti il 23 e 24 giugno nel paese dell'accoglienza

UNHCR e Intersos a Camini per …

UNHCR (Alto commissari...

Nour Eddine Fatty e l'esilio del flautista: «Nella Locride la presentazione del libro del grande musicista»

Nour Eddine Fatty e l'esilio d…

Dice di aver sempre pe...

Prev Next

Riace: «Trifoli resta alla guida del suo Comune e continua a portare avanti il suo impegno con gli elettori»

RIACE - Con ordinanza depositata in data odierna, 11 novembre 2019, il Tribunale di Locri, accogliendo il ricorso proposto dalla consigliera comunale di minoranza, Maria Caterina Spanò, nonché da altri tre elettori con lei, parrebbe aver messo fine alla complessa disputa circa l’ineleggibilità dell’attuale sindaco, Antonio Trifoli, dichiarandolo per l’appunto ineleggibile alla carica in essere.

L’uso del condizionale è d’obbligo, giacchè si tratta di una decisione che -secondo i legali del Trifoli- presenta diversi profili di illegittimità, nella misura in cui il Tribunale non ha tenuto nella dovuta considerazione le eccezioni sollevate dalla propria difesa. Per tali ragioni è già stato dato mandato agli stessi legali al fine di proporre appello dinanzi alla Corte di Appello di Reggio Calabria.

Con la presente nota si vuole perciò rassicurare l’elettorato e la cittadinanza riacese tutta in ordine alla continuità della carica dell’attuale Sindaco Trifoli. Infatti, la decisione del Tribunale è allo stato priva di efficacia esecutiva in forza dell’art. 22, comma 8, del D.Lgs. n. 150/2011 (“L'efficacia esecutiva dell'ordinanza pronunciata dal tribunale è sospesa in pendenza di appello”).

Peraltro è bene sottolineare come lo stesso Tribunale, nel prendere questa decisione, ha acclarato altresì l’illegittimità della delibera con cui il Comune di Riace, nella persona della stessa Spanò e del vicesindaco Giuseppe Gervasi, aveva invece concesso l’aspettativa a Trifoli dal suo impegno lavorativo proprio per ottemperare, invece, ai suoi impegni elettorali.

La vicenda circa l’ineleggibilità del Trifoli -lo ricordiamo- verte proprio sullo status professionale dello stesso, che è utilizzato dal Comune di Riace come LSU contrattualizzato con fondi a totale carico della Regione Calabria.

Un bel garbuglio che, ad oggi, continua a non avere soluzione.

Trifoli resta, quindi, alla guida del suo Comune e continua a portare avanti il suo impegno con gli elettori, in attesa di una nuova pagina processuale innanzi ai giudici di merito. 

Leggi tutto

Riace: «L’amministrazione comunale esprime solidarietà al parroco»

«L’amministrazione comunale esprime solidarietà al parroco di Riace, don Giovanni Coniglio e a tutti i fedeli per il comportamento ingiurioso tenuto dal sig. Pietro Melia (ex dipendente RAI) e dal sig. Domenico Lucano ex sindaco di Riace in occasione di una conferenza stampa effettuata su spazi pubblici e mai autorizzata.

Il festoso suono delle campane che da secoli in tutto il mondo preannuncia la messa domenicale veniva inteso dallo stesso Melia come una provocazione che disturbava le omelie del rinviato a giudizio Lucano.

Lo stesso al suono delle campane proferiva: “ questa è una provocazione…….ma è un imbecille questo prete, è un imbecille, fatelo smettere”.

Tutto ciò è da considerarsi cosa volgare ed inaccettabile nei confronti del parroco da sempre impegnato per la comunità riacese e di tutti i fedeli che ogni domenica nella chiesa che ospita i gloriosi SS Cosma e Damiano si recano appunto per ascoltare la Santa Messa.

L’amministrazione comunale condanna il comportamento di chi vuole imporre le proprie idee non avendo rispetto di quelle degli altri».

Antonio Trifoli

Sindaco di Riace

Leggi tutto

Riace: «costo esorbitante ma la raccolta dei rifiuti non funziona e non è nemmeno differenziata»

Francesco Salerno, capogruppo di minoranza del consiglio comunale di RIACE, ha presentato una interrogazione con richiesta di risposta scritta al sindaco F.F Giuseppe Gervasi in merito alla gestione della raccolta differenziata con il metodo “porta a porta”.

Nello specifico si è voluto evidenziare che il servizio affidato già da settimane alla Società Muraca s.r.l di Lamezia Terme al costo mensile di €. 13.136,74 non avviene con cadenza giornaliera e, in alcuni casi, tralasciando per intero alcune zone del paese così come hanno riportato tantissimi cittadini.

Inoltre ,la spazzatura, differenziata dai cittadini con grande senso civico, viene raccolta con un autocompattatore e pertanto le varie tipologie di rifiuti vengono mischiate rendendole “RIFIUTO INDIFFERENZIATO”.

Cosa poi gravissima è quella che malgrado i cittadini nelle proprie abitazioni anche negli anni precedenti abbiano differenziato i rifiuti, la percentuale di raccolta differenziata, sia stranamente, molto bassa, ed in più, con tale servizio da anni a pieno regime le tariffe dovevano essere notevolmente abbassate anche in virtù del ricavo dalla vendita di carta, plastica, vetro etc.

Invece si è verificato il contrario, vi è stato un aumento esponenziale della TARI ed oggi siamo ad un costo di circa 310 mila euro l’anno con gravi esborsi economici di tutti i cittadini riacesi.

Le domande poste nell’interrogazione al Sindaco F.F. nello specifico sono le seguenti:

1. Quali iniziative intende prendere affinché il servizio di raccolta differenziata “porta a porta” venga effettuato così come previsto dal contratto di affidamento.

2. Quali e quanti interventi sono stati compiuti al fine di verificare il deludente raggiungimento di percentuale di raccolta differenziata.

3. Quale è l’importo dell’introito del comune dal 2014 al 2017 derivante dalla vendita di carta, plastica, vetro etc., materiale diligentemente differenziato dai cittadini di Riace.     

Il CAPOGRUPPO

Francesco Salerno

INTERROGAZIONE CON RICHIESTA DI RISPOSTA

        Al Sindaco f.f. del Comune di RIACE

p.c.  Sua Eccellenza il Prefetto di

Reggio Calabria

Oggetto: "Gestione e raccolta differenziata " Porta a porta ".

Il sottoscritto Francesco SALERNO, capo gruppo consiliare della lista “VOLTARE PAGINA PER RIACE;

PREMESSO:

- che, il comune di Riace ha affidato alla ditta: Società Muraca s.r.l il SERVIZIO DI SPAZZAMENTO, RACCOLTA E TRASPORTO DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI CON IL METODO DEL PORTA A PORTA PER ANNI DUE, al costo mensile di €. 13.136,74 IVA compresa;

-  che il metodo della raccolta differenziata Porta a Porta dovrebbe presentare degli indubbi benefici ambientali in quanto contribuisce in maniera determinante ad evitare lo spreco di risorse non rinnovabili;

-  che il metodo della raccolta differenziata Porta a Porta dovrebbe presentare degli indubbi benefici economici in quanto abbatte radicalmente i costi più consistenti come, ad esempio, il costo di discarica, che diminuiscono in modo inversamente proporzionale all'aumento delle percentuali di raccolta differenziata;

-  Che molti cittadini residenti a Riace marina hanno comunicato al sottoscritto la totale insoddisfazione del servizio prestato dalla suddetta Impresa;

-  Che il servizio di raccolta non avviene con cadenza giornaliera;

-  Che la spazzatura, differenziata dai cittadini con grande senso civico, viene raccolta con un autocompattatore e pertanto le varie tipologie di rifiuti vengono mischiate rendendole “RIFIUTO INDIFFERENZIATO”;

-  Che, malgrado i cittadini nelle proprie abitazioni differenziato i rifiuti, la percentuale di raccolta differenziata, stranamente, da anni è molto bassa.

-  Che l’attuale modo di raccolta porterà ad un notevole calo della percentuale di raccolta dei rifiuti differenziati con gravi esborsi economici di tutti i cittadini riacesi, che già versano all’ente per il servizio ben trecentodiecimila euro annui;

-  Che il servizio di raccolta differenziata, da anni, è a pieno regime e pertanto le tariffe dovevano essere notevolmente abbassate anche in virtù del ricavo dalla vendita di carta, plastica, vetro etc.   

interroga per conoscere:

  1. Quali iniziative intende prendere affinché il servizio di raccolta differenziata “porta a porta” venga effettuato così come previsto dal contratto di affidamento.
  2. Quali e quanti interventi sono stati compiuti al fine di verificare il deludente raggiungimento di percentuale di raccolta differenziata;
  3. L’importo dell’introito del comune dal 2014 al 2017 derivante dalla vendita di carta, plastica, vetro etc., materiale diligentemente differenziato dai cittadini di Riace.     

In attesa di riscontro voglia gradire i più cordiali saluti.

Riace 27 ottobre 2018

                                                                                                      Il capogruppo

                                                                                                      Francesco Salerno

Leggi tutto
Subscribe to this RSS feed