Menu
Corriere Locride
Processo “Terramara Closed”: La Cassazione ha annullato l’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa a carico Domenico Scoleri e Rosario Scoleri accusati di far parte della cosca Zagari-Fazzalari

Processo “Terramara Closed”: L…

La prima sezione della...

Cinquefrondi. Nuovo Liceo Musicale, per il Sindaco Conia: «è una Giornata storica per il comune»

Cinquefrondi. Nuovo Liceo Musi…

Oggi presso l'attuale ...

Locri. Domenica 6 Ottobre si è concluso il raduno pre-campionato dei fischietti locresi

Locri. Domenica 6 Ottobre si è…

Domenica 6 Ottobre 201...

Tansi: “Cambieremo insieme la Calabria”

Tansi: “Cambieremo insieme la …

A Natile durante la pr...

Movìmundi a Benestare (RC) per i “Catoja in festa”: «Otto giorni di sensibilizzazione sull’ambiente»

Movìmundi a Benestare (RC) per…

«Sempre più numerosi g...

Processo Saggio Compagno: Concessi i domiciliari al cinquefrondese Raffaele Petullà

Processo Saggio Compagno: Conc…

«Assolto dall’accusa d...

Nuova 106: ma cosa serve ancora per l’avvio dei lavori?

Nuova 106: ma cosa serve ancor…

«1,3 miliardi di euro ...

Roccella Jonica. Circolo del Partito Democratico: «resoconto degli incontri con la Cittadinanza di Sabato 28 Settembre e Domenica 6 Ottobre»

Roccella Jonica. Circolo del P…

Su indirizzo del segre...

Taurianova. Domenica 6 ottobre si è svolto il convegno dal titolo “Prescrizione ed ergastolo ostativo: processo senza limiti”

Taurianova. Domenica 6 ottobre…

Dall’assise è emerso c...

Badolato ospita l’Erasmus Day 2019 con l’evento “Erasmus Goes Local ∙ Locals Go on Erasmus”

Badolato ospita l’Erasmus Day …

In virtù del successo ...

Prev Next

Locri. Parte la raccolta differenziata: il messaggio del sindaco Giovanni Calabrese

La soddisfazione del sindaco e il plauso all'impegno dell'Assessore all'ambiente, Raffaele Sainato.

«È importante la collaborazione di tutti i cittadini per raggiungere l’ obiettivo di un efficiente servizio sulla raccolta differenziata porta a porta». Con queste parole il sindaco Giovanni Calabrese annuncia la partenza della raccolta differenziata porta a porta che prenderà avvio lunedì 23 settembre. Un lavoro di preparazione certosino guidato dall’ assessore all’ambiente, il vice sindaco Raffaele Sainato, a cui va il plauso per l’impegno di questi mesi, dall’organizzazione del lavoro alla comunicazione affinché i cittadini siano informati e formati sul servizio, grazie anche al portale online www.ambientelocri.it all'interno del quale sarà possibile conoscere tutte le attività relative all'ambiente ed inoltrare segnalazioni e preziosi suggerimenti, oltre l’attivazione dell’infopoint.

«Una nuova e importante fase per la nostra Locri che rappresenta una svolta storica ed è – afferma Calabrese- sicuramente un momento di emozione e grande soddisfazione per la "squadra" di governo cittadino che con passione e impegno cerca di rendere Locri sempre più bella ed accogliente». «Siamo consapevoli – continua il sindaco- che sarà una start up molto difficile, ma siamo altrettanto certi che ci sarà comprensione e collaborazione da parte dei cittadini».
«Nel fare un augurio alla Città di Locri, per questo nuovo e importante traguardo, - conclude- rivolgo un sincero ringraziamento al mio vicesindaco con delega all'ambiente, Raffaele Sainato, che senza sosta e con poche e non adeguate risorse si è impegnato per superare i numerosi ostacoli che quotidianamente abbiamo riscontrato nel percorso finalizzato al prestigioso traguardo».

Leggi tutto

Oliverio a Locri per «omaggiare il "suino nero" e il Sindaco lo invita a visitare l'Ospedale»

«Caro Onorevole Presidente,

ho appreso che domani sera sarai a Locri per partecipare ad una importante e certamente interessante manifestazione del GAL “Terre Locridee”.

Parlare di sviluppo è sempre cosa interessante.

Realizzare sviluppo è invece cosa molto difficile.

Diventa invece cosa complicata farlo in un territorio complesso come la Locride.

Difficile poi vivere e pensare di fare sviluppo in un territorio dove non trovano applicazione numerosi diritti della Costituzione Italiana.

In particolar modo non trova applicazione l'art 32 che cito testualmente: "La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti...".

In questi anni la situazione è drammaticamente peggiorata e tanti onesti e sfortunati cittadini hanno perso la vita per problemi derivanti dalla disorganizzazione sanitaria, altri sono stati costretti ad andare lontano da qui. In ospedale sono rimasti medici e personale sanitario abbandonati e disperati, che hanno cercato di garantire un servizio ai cittadini. A loro va il nostro ringraziamento.

Pensa che, se malauguratamente, domani, mentre ti trovi in Piazza dei Martiri a Locri a degustare i prodotti tipici e disquisire del "suino nero" ti dovesse capitare un incidente di natura ortopedica, saresti costretto ad andare a Reggio Calabria o Catanzaro, passando prima da Polistena.

Sarebbe doveroso, penso, da parte Tua una garbata visita a quel che resta del nostro ospedale. Potresti renderti conto dei disastri che hanno combinato gli uomini ai quali hai affidato il compito di gestire l'ASP di Reggio Calabria, prima del recente commissariamento per infiltrazioni mafiose.

Spero di avere un riscontro da parte Tua.

In ogni caso io dalle ore 19 sarò lì ad aspettarTi, davanti all'ingresso del Pronto Soccorso.

A domani...spero.

Un caloroso abbraccio»

Il Sindaco di Locri

Giovanni Calabrese

Leggi tutto

Locri. Dopo il provvedimento della demolizione delle tombe al cimitero, continuano le denunce e le “macabre”scoperte

  • Published in Locri

Il sindaco della Città di Locri scrive ai Suoi cittadini.

«Finalmente il cimitero, dopo quaranta anni di soprusi, ha imboccato la strada della legalità. Invitiamo i cittadini, come sta accadendo con alcuni, a denunciare. Non possiamo restare inermi di fronte alla notizia della scomparsa di tombe dei propri congiunti».

«Carissimi cittadini e cittadine,

non avrei mai voluto rivolgere questa mia lettera con queste riflessioni a Voi, per la raccapricciante e aberrante situazione delle condizioni del cimitero della nostra Città, ma è doveroso e corretto far conoscere la vicenda. Dopo la denuncia e la demolizione delle tombe abusive o non conformi si sta delineando uno scenario abbastanza inquietante e più grave di quanto ci si potesse aspettare.

L' incisivo e determinato intervento, voluto dall'Amministrazione comunale, ha destabilizzato un quarantennale sistema di ambigua gestione del cimitero che ha tenuto in ostaggio tutti noi cittadini locresi.

Probabilmente qualcuno non aveva messo in conto l’arrivo delle ruspe, perché negli anni, in palese violazione di tutte le norme, sono state realizzate centinaia di tombe in ogni angolo del cimitero.

Per anni l'Amministrazione comunale dopo aver mandato in appalto un progetto di riqualificazione del cimitero e ampliamento dello stesso è stata molto rigida nell'assegnare posti per l'edificazione di nuove tombe. Ma mentre alcuni uffici con scrupolosi e seri funzionari seguivano in modo rigoroso tale indirizzo, qualcun altro, certo e convinto dell’impunibilità, "liberalizzava" l'edificazione di nuove tombe con una sorta di "sblocca cimitero".

Cittadini in molti casi vittime di pochi "ignoti" soggetti che avrebbero ricoperto il ruolo di "mediatori cimiteriali" che con “interne” complicità hanno creato l'illusione di una regolare procedura di assegnazione di posto al cimitero.

Scontata ed evidente la complicità di qualche infedele operatore comunale che con il proprio operato ha, quanto meno, favorito tale assurda situazione in un contesto cimiteriale paragonabile tranquillamente ad una “giungla”.

Numerosi i cittadini raggirati che, nei giorni scorsi, anche su nostro invito, hanno sporto regolare denuncia dell'accaduto. Altrettanto mi permetto di consigliare a tutti i cittadini onesti che conoscono situazioni similari o sono state vittime di tale assurda situazione, di denunciare, perché è nel rispetto dei nostri cari, di un luogo sacro, che deve, assolutamente, rientrare la normalità al cimitero.

Molte le segnalazioni e se oggi, mi rivolgo a Voi, cari cittadini, è perché è importante ricordare che insieme si possono ottenere risultati.

Raccontare l’emblematico, incredibile e paradossale caso accaduto a due signori che mi hanno formalmente denunciato la "scomparsa" della tomba di un proprio familiare, è alquanto sconcertante, ma rispecchia, purtroppo, lo stato delle cose.

 I due cittadini, infatti,  recatisi lo scorso martedì al cimitero per fare visita a un proprio defunto, hanno trovato la sgradevole sorpresa di scoprire una tomba, di recentissima costruzione, al posto di quella del proprio familiare. Una situazione assurda e aberrante prontamente e formalmente denunciata alle competenti autorità che si è unita alle precedenti denunce già fatte dal 2013 ad oggi.

Purtroppo tutto ciò é il frutto di un sistema a tutti noto e da tutti subito in rigoroso silenzio.

Da anni l'Amministrazione che mi onoro di rappresentare aveva attenzionato il cimitero cittadino con una serie di denunce e di azioni concrete.

Mi preme ricordare che avevano promesso la "liberazione" del cimitero e su questa direzione senza alcun indugio si sta procedendo. Già nel 2013 si era provveduto, con atto di Giunta, al divieto della "tradizionale" vendita di fiori davanti al cimitero nel periodo della ricorrenza della festa dei defunti. Si era poi provveduto a sostituire il personale di "custodia" del cimitero provvedendo, come avviene oggi, con chiusura e apertura elettronica del cancello cimiteriale e con un monitoraggio attraverso video sorveglianza dell'ingresso cimiteriale. Si è regolamentato l'ingresso del cimitero con apposita ordinanza sindacale e si è ridotto notevolmente la presenza di visitatori con automezzo. Provvedimenti per alcuni insensati ma obbligati per ripristinare la legalità.

Tutto ciò non è però bastato a fermare un "sistema" che con arroganza  e prepotenza ha creato fastidio a vivi e morti.

In attesa dell'assegnazione del nuovo progetto di ampliamento e riqualificazione l'Amministrazione ha posto un serio e determinato freno a un “modus operandi” che ha portato alla scomparsa anche di tombe e cadaveri.

Su chi risarcirà i cittadini che hanno speso migliaia di euro per realizzare le tombe, oggi demolite, una cosa è certa: si valuterà caso per caso e pagheranno di tasca propria i responsabili del raggiro e dello scempio.

Il cimitero ha imboccato, finalmente, il percorso del ripristino della legalità e non si torna indietro. Non c’è alcuna titubanza, nessuna preoccupazione e, se oggi, rivolgo a Voi questa mia riflessione è per rispetto dei Vostri cari estinti, di tutti Voi e per far chiarezza e portarVi a conoscenza di ciò che sta accadendo, invitando tutti alla massima collaborazione. Dall’osservanza delle regole, dal rispetto verso l’altro, conseguirà una ottimale gestione della casa cimiteriale, giungendo a dare decoro ad un luogo sacro e “pace” ai nostri cari defunti».

Dalla Residenza Municipale, 22 giugno 2019

Il Sindaco

Giovanni Calabrese

Leggi tutto
Subscribe to this RSS feed