Menu
Corriere Locride
La Palmese perde anche il ricorso di Nania così resta la penalizzazione di un punto. Ma che brutta situazione

La Palmese perde anche il rico…

di Sigfrido Parrello -...

Diocesi di Locri-Gerace. A Gerace il XIV incontro di studi bizantini

Diocesi di Locri-Gerace. A Ger…

Sabato 14 e domenica 1...

Cittanovese, è l'ora del derby! Domenica prossima al "Morreale – Proto" arriva la Palmese di mister Pellicori

Cittanovese, è l'ora del derby…

La Società: «Appuntame...

Ambiente. Galletti, oltre 13 milioni al Centro-Sud per mobilità sostenibile: un milione a Reggio Calabria

Ambiente. Galletti, oltre 13 m…

Da decreto casa-scuola...

Sant'Ilario dello Ionio (RC). Sabato prossimo "In Terra Santa – Sulle orme di Gesù di Nazareth"

Sant'Ilario dello Ionio (RC). …

Nazareth, il fiume Gio...

Richiesta di LocRinasce indirizzata alle competenti Autorità territoriali in materia di tutela dei corsi d’acqua

Richiesta di LocRinasce indiri…

Riceviamo e pubblichia...

Casa della Salute di Scilla, ripristinato il servizio H24. Vizzari: “Fare rete porta sempre risultati. Ora impegno per valorizzazione della struttura”

Casa della Salute di Scilla, r…

“Fondamentale”: così R...

Prev Next

Reggio. Riunito il Direttivo CISL FP dei dipendenti della Città Metropolitana

  •   Redazione
Reggio. Riunito il Direttivo CISL FP dei dipendenti della Città Metropolitana

Venerdì 28 Settembre presso la sede della CISL FP di Via Mazzini, si è riunito il Direttivo dei dipendenti della Città Metropolitana di Reggio Calabria aperto anche agli iscritti. Erano presenti: il Segretario Generale della CISLFP Vincenzo Sera, il delegato alla Città Metropolitano Adolfo Romeo, Il Segretario S.A.S. Felice Foti e il componente della segreteria Alberto Ierace. Presenti numerosi componenti del Direttivo e iscritti alla CISL FP che hanno partecipato attivamente alla discussione sui temi all’ordine del giorno. In particolare i temi trattati hanno riguardato: − Il nuovo regolamento degli uffici e dei servizi che è stato adottato recentemente dall’Amministrazione Falcomatà che, in uno spirito di fattiva collaborazione, ha chiesto a tutte le rappresentanze sindacali di suggerire eventuali modifiche e/o migliorie da apportare al regolamento stesso. I presenti, su questo tema, hanno sottoposto ai dirigenti sindacali osservazioni e richieste che saranno sottoposte all’Amministrazione in un prossimo incontro appositamente organizzato; − Le problematiche relative al trasferimento delle deleghe dalla Regione Calabria alla Città Metropolitana. Su questo tema, i presenti, hanno manifestato il timore che, allo scadere dell’accordo (31 Dicembre 2017) stipulato tra i due enti, possano verificarsi ritardi che mettano a rischio il pagamento degli stipendi dei dipendenti trasferiti dalla Regione alla Provincia/Città Metropolitana (Legge Regionale 34/2002). I dirigenti sindacali, considerata l’importanza della problematica, hanno assicurato ai presenti che la CISL FP seguirà, ad ogni livello, la questione “Deleghe” affinchè si raggiunga entro il termine del 31/12/2017 ad una soluzione definitiva; − E’ stato richiesto l’avvio delle trattative con l’Amministrazione della Città Metropolitana per arrivare alla stipula del contratto decentrato 2017 che è già notevolmente in ritardo; Inoltre altre problematiche sono state sottoposte dai lavoratori all’attenzione dei dirigenti sindacali tra cui: La “disumanizzazione” del lavoro, la chiusura di alcuni centri di formazione professionale presenti sul territorio metropolitano, problematiche relative alla sicurezza e all’igiene del posto di lavoro. La carenza di personale che, a causa del blocco delle assunzioni, è diventato insufficiente per lo svolgimento delle varie funzioni che la Città Metropolitana deve garantire. Al termine dei lavori, il Segretario Generale Vincenzo Sera, ha raccomandato ai presenti di prodigarsi attivamente per la buona riuscita dello sciopero nazionale del personale di tutte le provincie e città metropolitane che si terrà il 6 Ottobre 2017 , proclamato a causa dello stato di precarietà ed incertezza economica in cui versano le province e le città metropolitane, con la conseguente messa in pericolo della erogazione dei servizi e della loro qualità.