Menu
Corriere Locride
“Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”: «Il 22 ottobre presenteremo il primo rapporto sulla mortalità stradale negli anni 2013-2017 sulla S.S.106»

“Basta Vittime Sulla Strada St…

Il lavoro dell’Associa...

Legambiente: «La Calabria seconda per abusivismi»

Legambiente: «La Calabria seco…

È stato presentato que...

Coldiretti: la Regione autorizza carburante in più per l’irrigazione di soccorso su tutto il territorio regionale

Coldiretti: la Regione autoriz…

Coldiretti aveva chies...

In occasione del nuovo anno scolastico inaugurazione del plesso “Carrera” della Scuola Primaria e nuovo scuolabus comunale a Roccella

In occasione del nuovo anno sc…

In occasione dell’iniz...

Regione. In programma il 25 e 26 settembre la conferenza internazionale sulla tratta delle donne nigeriane

Regione. In programma il 25 e …

"Doppio sguardo. La tr...

Legge di Bilancio 2019: Oliverio scrive ai parlamentari Calabresi

Legge di Bilancio 2019: Oliver…

Il Presidente della Re...

Gemellaggio internazionale per il Rotary di Locri

Gemellaggio internazionale per…

Il Rotary club di...

WWF: «Le Marche salvano lupi e allevatori»

WWF: «Le Marche salvano lupi e…

«Le Marche stanno segu...

Reggio. Antonino Castorina replica a Forza Italia su intitolazione strada

Reggio. Antonino Castorina rep…

«Apprendo con stupore ...

Vibo Valentia. Il presidente nazionale di UE.COOP Gherardo Colombo è stato in Calabria – Il report

Vibo Valentia. Il presidente n…

Il presidente Nazional...

Prev Next

Regione Calabria. Prevenzione incendi, approvato il Piano 2018

  •   Redazione
Regione Calabria. Prevenzione incendi, approvato il Piano 2018

Il Piano antincendio boschivo (Aib) per l’anno 2018 approvato dalla Giunta è uno strumento necessario per consentire l’attività di prevenzione. Il presidente della Regione Mario Oliverio al fine di definire una stesura condivisa del Piano, in linea con la strategia di tutela del territorio, ha istituito un tavolo tecnico multidisciplinare che, dall’inizio dell’anno, ha cominciato a raccogliere periodicamente dati e osservazioni da parte di tutti i soggetti coinvolti, con lo spirito di formulare una proposta efficace per la lotta attiva.Il Piano è stato infatti predisposto dal Dipartimento presidenza della Regione - Uoa politiche della montagna, foreste e forestazione, difesa del suolo con il contributo di Calabria verde, della Protezione civile, dei rappresentanti dell’Agenzia per la protezione ambientale della Calabria, dei Parchi nazionali calabresi, dei Consorzi di bonifica, del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco, dell’Associazione nazionale dei Comuni italiani, delle Guardie ambientali d’Italia, delle associazioni di volontariato operanti nel settore, degli ordini professionali e del Dibest dell’Università degli studi della Calabria. L’ultimo incontro dei rappresentanti degli enti partecipanti è avvenuto presso la sede della Regione Calabria il 4 maggio 2018 al fine di licenziare il testo finale del piano dopo la riunione di coordinamento con le cinque Prefetture calabresi del 27 aprile 2018.“Il Piano Aib – evidenzia il presidente Oliverio – è realmente frutto della esperienza di chi svolge l’attività sul territorio in quanto in esso sono confluite, sulla base delle esperienze acquisite, tutte le istanze e le osservazioni provenienti dagli operatori del settore. È stato concepito come uno strumento dinamico. Infatti – spiega - tutti i dati sono stati convogliati nel sistema regionale webgis e saranno fruibili in tempo reale da tutti i soggetti coinvolti nel corso della campagna Aib. È stato concepito secondo criteri statistici mirati a limitare eventuali ricorsi alla lotta attiva relativamente alla quale sono stabilite una serie di misure e di procedure per governare le emergenze in modo coordinato tra gli enti a cui è demandato l’intervento, con l’obiettivo di minimizzare il dispendio di risorse sia tecniche che economiche”. Il piano antincendio nasce da un’analisi del territorio regionale suddiviso per aree di rischio individuate sulla base degli indici di pericolosità alla suscettibilità da incendio ottenute in funzione dell’esame delle aree già percorse da incendi, degli aspetti fito climatici e morfologici. Tale analisi, con gli adempimenti demandati primariamente ai Comuni ed ai proprietari privati dei terreni, consente di incentrare l’attività di prevenzione secondo criteri statistici e pertanto mirati a limitare eventuali ricorsi alla lotta attiva. Il dirigente dell’Unità organizzativa autonoma politiche della montagna, foreste e forestazione, difesa del suolo, Salvatore Siviglia, esprime grande soddisfazione per l’approvazione del Piano antincendio boschivo da parte della Giunta regionale presieduta dal presidente Mario Oliverio e ringrazia tutti i soggetti che hanno partecipato ai vari tavoli di discussione e di coordinamento tecnico “i quali – dice - hanno dato un notevole contributo poiché tale forma di condivisione ha permesso di redigere, ai sensi della  L. 353/00 e della L.r. 51/17 , un lavoro che è realmente frutto della esperienza di chi svolge l’attività sul territorio. Un particolare ringraziamento – conclude – va ai nostri Prefetti i quali hanno dimostrato grande attenzione al problema, sensibilizzando i comuni e gli enti ad attivarsi tempestivamente per affrontare la nuova campagna antincendio, e ai Carabinieri forestali che hanno fornito utili informazioni utilizzati nel Piano antincendio boschivo”.