Menu
FanduCorriere Locride
Abilitati in Romania. Il consiglio di stato accoglie definitivamente l’appello: la abilitazione all’insegnamento in Romania e il titolo di studio conseguito in Italia non necessita di mutuo riconoscimento. Il Miur ha violato l’art.45 tfue e l’art.1

Abilitati in Romania. Il consi…

«Di particolare import...

Reggio. Alla ricerca del verde pubblico tra incuria e abbandono

Reggio. Alla ricerca del verde…

«La vicenda della riap...

Poste Italiane tra le aziende più attrattive del mondo del lavoro per gli studenti universitari Calabresi

Poste Italiane tra le aziende …

«L’Azienda, guidata da...

Giovani Avvocati reggini - traguardi e prospettive

Giovani Avvocati reggini - tra…

Lo scorso 20 Luglio 20...

Gioiosa Jonica (RC): Al via il FilMuzik Art Festival

Gioiosa Jonica (RC): Al via il…

FilMuzik arts festival...

Poste Italiane: prosegue il piano di riaperture da lunedì 27 luglio torna disponibile l’ufficio di Locri1

Poste Italiane: prosegue il pi…

Reggio Calabria, 23 lu...

Reggio. “Scatti tra Cielo e Terra: l’Astronomia per la legalità e l’inclusione sociale”

Reggio. “Scatti tra Cielo e Te…

«Venerdì a Palazzo Cor...

EasyPark arriva a Roccella Ionica: «ora la sosta si paga anche con l’app»

EasyPark arriva a Roccella Ion…

21 luglio 2020 Da ogg...

A Sant'Ilario dello Jonio : La mostra di Celestino Gagliardi, il racconto di Rehab, l'incontro con Lou Palanca e il loro "Mistero al Cubo", la musica di Gabriele Albanese con la partecipazione speciale di Paolo Sofia

A Sant'Ilario dello Jonio : La…

Venerdì 17 luglio 2020...

In Calabria la finale nazionale delle Olimpiadi di Astronomia: «Il Planetarium Pythagoras scelto tra le 12 sedi nazionali»

In Calabria la finale nazional…

La finale nazionale 20...

Prev Next

Regione Calabria. Altro “colpaccio” per Santelli: indagato anche l’assessore Catalfamo

  •   Redazione
Regione Calabria. Altro “colpaccio” per Santelli: indagato anche l’assessore Catalfamo

«Ma chi se l’aspettava questa terribile notizia che un assessore della giunta Santelli potesse essere indagato? A dire il vero tutti. Tutti i calabresi, già alla formazione delle liste per le elezioni regionali dello scorso 26 gennaio, intuivano l’attitudine affaristica e connivente del corpo politico dato per vincente (il cdx), uno schieramento che avrebbe operato sotto l’influsso di pupi, ominicchi e quaquaraquà.

Poi, come spesso accade, la realtà ha superato l’immaginazione e ci siamo trovati ad assistere alle performances quasi circensi dei vari Santelli, Spirlì, Tallini e di tante altre preziose risorse umane pubbliche (Pallaria) e nascoste ma poi non più di tanto, già presenti nel palazzo della Regione Calabria.

Risorse come il consigliere regionale Creazzo di FdI, che, eletto nella provincia di Reggio Calabria, dopo un mese dalle elezioni è stato arrestato per mafia.

Noi, come attivisti del M5S, chiediamo a gran voce le dimissioni dell’assessore Catalfamo, amministratore che appare indegno del suo ruolo e della sua funzione, una richiesta precisa e decisa da parte di chi come il M5S ha fatto dell’onestà un principio fondamentale, qualificante ed imprescindibile del modo di fare politica e gestire la cosa pubblica.

Una vera ed innovativa forma di sostegno moralizzatore assolutamente necessario in un momento difficile come questo, per sostenere il paese.

Quindi alla luce dei fatti, che la Catalfamo si dimetta! E lo faccia anche in fretta.

Noi attivisti del M5S lo chiediamo a lei e al presidente Santelli, sperando che da entrambe parta un input prezioso di dignità che giovi a loro e ridia credibilità e rispetto alll’Istituzione che rappresentano.

Tutti noi, speriamo in un atto che sia di esempio, perchè come calabresi abbiamo sete di un governo regionale che sia degno di rappresentare la parte sana, nobile e guerriera della Calabria e non certamente di quella insana, affarista e speculativa che vivacchia sulle spalle dei cittadini onesti.

La parte della Calabria che non si inchina al passaggio degli “Anciuini”, che non si butta faccia a terra davanti agli spagnoli, che non bacia le mani, che non strizza l’occhio al malaffare, che non questua e non si vende, che ha coscienza di sè e ha orgoglio delle sue radici.

Noi vogliamo finalmente una Calabria che vuole assolutamente arricchire il suo “capitale reputazionale” (cit. F. Aiello) e vuole partecipare in modo equo, solidale e corretto alla condivisione dell’immenso patrimonio regionale fatto di storia, cultura, tradizioni e tanta onestà... quella che purtroppo manca oggi nei palazzi del potere.

È imperativo dare un senso alla targa affissa all’entrata di Palazzo Campanella a Reggio Calabria su cui è inciso “Qui la ‘ndrangheta non entra”».

Gli attivisti dei Meetup Congiunti della Calabria:

Meetup Reggio 5 Stelle

Meetup Magna Grecia 5 Stelle

Meetup Palmi

Meetup Istmo 5 Stelle – Girifalco

Meetup Catanzaro

Meetup Squillace

Attivisti 5 Stelle Soverato

Attivisti in Movimento Borgia

Meetup Vibonesi in Movimento

Meetup 5 Stelle Pizzo

Meetup Crotone in Movimento