Menu
Corriere Locride
Parco Aspromonte, l’appello del Presidente Bombino ai candidati

Parco Aspromonte, l’appello de…

“E’ necessario che i f...

Contratto scuola, bonus 80 euro salvaguardato per le fasce più deboli

Contratto scuola, bonus 80 eur…

Grazie a legge di bila...

Ancora un evento internazionale a Cosenza: Noa e la sua band in concerto il 6 aprile al teatro Rendano

Ancora un evento internazional…

Sarà anche premiata pe...

Il Polo Museale della Calabria ha partecipato con successo alla quarta edizione di TourismA

Il Polo Museale della Calabria…

TOURISMA 2018 – Salone...

Regione. Musmanno: "Nessuna cancellazione dei treni regionali 3692 e 3694"

Regione. Musmanno: "Nessu…

"I treni regionali n. ...

Reggio. Venerdì 23 e sabato 24 febbraio il Teatro della Girandola presenta lo Spettacolo “In bocca al lupo”

Reggio. Venerdì 23 e sabato 24…

Il Teatro della Girand...

Siderno. Sinistra Italiana: «Città Giardino a basso costo. L’amministrazione Fuda ha mantenuto la parola»

Siderno. Sinistra Italiana: «C…

Riceviamo e pubblichia...

Taurianova. Oggi il Comune compie novant’anni dalla sua istituzione

Taurianova. Oggi il Comune com…

I comuni di Radicena, ...

Regione Calabria. Fondi post 2020: partecipa alla consultazione online

Regione Calabria. Fondi post 2…

La Commissione europea...

Reggio. Sabato 17 Febbraio si terrà il secondo incontro formativo per parlare del progetto: “Non c’è Libertà senza Legalità”

Reggio. Sabato 17 Febbraio si …

Il Progetto “NON C’E’ ...

Prev Next

Reggio. Nota di Giordano (Federazione Metropolitana P.R.I.) sulle nuove stazioni ferroviarie

  •   Redazione
Reggio. Nota di Giordano (Federazione Metropolitana P.R.I.) sulle nuove stazioni ferroviarie

Riceviamo e pubblichiamo - "Nuove stazioni ferroviarie: bene ma non troppo"

Finalmente, dopo anni di attesa, arriva il “favoretto” del ministro Del Rio (assessore aggiunto alla regione Calabria secondo le indiscrezioni del presidente Oliviero): stanziati 23 milioni di euro per la realizzazione delle fermate ferroviarie di San Leo, Bocale II e di Sant’Elia.

Col nuovo anno, il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti ha approvato il decreto di riparto di finanziamenti statali per 1.397 milioni di euro per linee metropolitane, filovie e in generale interventi per il trasporto rapido di massa nelle grandi città. Aggiungendo inoltre i co-finanziamenti comunali per un ammontare di 548 milioni, e i 665,77 milioni del Cipe, la manovra ammonta a 2,063 miliardi.

Secondo Del Rio “continua la cura del ferro … Tutto il sistema ha ora una sua organicità, affrontata con le Regioni e le città, e sarà in grado di esprimere miglioramenti diffusi a livello nazionale, da Nord a Sud”. Tuttavia è del tutto evidente come tale manovra non fa che allontanare ancora di più il settentrione al meridione, a prova che la questione meridionale continua a essere attualissima. Eccetto Roma, cui sono stati stanziati 425,5 milioni, i cui problemi non sono scaturenti da quelli derivanti dalla questione meridionale, la maggiore fetta dei finanziamenti è stata destinata al Nord: Milano (396 milioni), Torino (223), Genova (137,3), Padova (56) e Firenze (47).

Inoltre nel decreto si legge che “l’individuazione degli interventi ammissibili a finanziamento è stato effettuato tenendo conto prioritariamente della maturità progettuale e cantierabilità”. Forse il problema va ricercato nella nostra immaturità? O forse contiamo poco nei tavoli romani? Prendiamo in esempio la città di Firenze: oltre ai 47 milioni già citati, dallo “Sblocca Italia” la città del figliol prodigo aveva ottenuto 100 milioni per il sistema tramviario, 48 milioni li aveva presi grazie al Patto per Firenze e altri 80 erano arrivati dai fondi comunitari. Ma la “cura del ferro” per Firenze continua visto che dal programma per l’accessibilità ai nodi urbani di Ferrovie, sono previsti ben 203 milioni. In totale la sola città di Firenze, solo per il sistema dei trasporti ferroviario e tramviario, ha ricevuto 478 milioni. Inoltre Solo qualche giorno fa Toscana aeroporti ha reso noto che grazie alla firma per il via libera definitivo alla Valutazione di impatto ambientale, l’aeroporto di Firenze Peretola vedrà sorgere una nuova pista e un nuovo terminal. Da sottolineare che a Pisa c’è il Galileo Galilei, sicuramente non un aeroporto di periferia, distante a una sola ora dal Peretola. Intanto da Reggio Calabria per arrivare a Roma impieghiamo ancora almeno 5 ore in treno, mentre il Tito Minniti (che noi repubblicani non stancheremo mai di dire che è l’aeroporto di due città: Reggio e Messina) è tenuto in vita artificialmente da una macchina, senza alcun programma di recupero. E non sono in pochi ad invitarci ad andare all’aeroporto di Lamezia. Oltre alla cura del ferro, caro Del Rio, forse servirebbe anche una cura d’ossigeno!

Non è tutto oro quel che luccica, ancora una volta Reggio ha avuto il suo contentino e, viste le imminenti elezioni di Marzo, tale manovra non può non essere percepita come politica più che economica.

Demetrio Giordano

Federazione Metropolitana P.R.I. Reggio Calabria