Menu
Corriere Locride
"Libera". Don Ennio Stamile: il progetto “Giovani dentro, giovani fuori” si estenda su tutta la Regione

"Libera". Don Ennio …

Si è concluso il proge...

Sporting Lokri, Alessia Modestia è la terza conferma

Sporting Lokri, Alessia Modest…

Il portiere, classe 93...

Sporting Lokri: Sara Borello, operazione e riconferma

Sporting Lokri: Sara Borello, …

La calcettista amarant...

Locri. Con la cerimonia di premiazione si conclude sabato 27 maggio il Concorso "ZALEX Arte&Regole" VII edizione

Locri. Con la cerimonia di pre…

"Tutela delle nostre s...

CC Locri: Domani l'inaugurazione di una stanza dedicata alle vittime di violenza

CC Locri: Domani l'inaugurazio…

Domani, 24 maggio 2017...

Notte e Festa Europea dei Musei. Apertura straordinaria anche a Locri e Monasterace

Notte e Festa Europea dei Muse…

Il Ministero dei beni ...

I giovani talenti calabresi e lucani del progetto Young at Art del Maca approdano a Torino

I giovani talenti calabresi e …

A partire da vene...

San Giovanni di Gerace. Avviso pubblico per la selezione di 15 lavoratori

San Giovanni di Gerace. Avviso…

Comunicato stampa - Av...

Amministrative 2017. Messaggio del Vescovo di Locri-Gerace

Amministrative 2017. Messaggio…

Mi rivolgo con partico...

Coppa Regione Prima Categoria. Domenica 14 maggio Bovalinese-Rombiolese

Coppa Regione Prima Categoria.…

Domenica 14 maggi...

Prev Next

Reggio. Nota della Uil - Fpl sulla posizione del Segretario generale del Consiglio Regionale

  •   Redazione
Reggio. Nota della Uil - Fpl sulla posizione del Segretario generale del Consiglio Regionale

Riceviamo e pubblichiamo - “Ci eravamo illusi che una denuncia riferita all'interno del massimo consesso regionale avrebbe avuto la giusta risonanza, soprattutto per l'aureola di legalità di cui costantemente si fregia l'Organo.

Contrariamente a quanto sperato, invece, nonostante avessimo messo a conoscenza tutti i consiglieri regionali ed i componenti l’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale, non c'è stato accenno da parte di alcuno. Che attenzione ha avuto la  nostra informativa, quando abbiamo denunciato l’illegittima posizione dell’attuale segretario generale dr. Maurizio Priolo?”.

E’ quanto chiede la Segreteria provinciale UIL-FPL, dopo la conferenza stampa/denuncia dell’8 marzo scorso  nel corso della quale era stata segnalata e documentalmente dimostrata l’illegittima posizione del dr. Priolo nella funzione apicale della massima assemblea elettiva calabrese come Segretario Generale e nei vari ruoli ‘ad interim’  in diversi settori dello stesso Consiglio.

“Un silenzio oggi assordante– commenta il sindacato – rispetto alla gravità della situazione denunciata un mese addietro nella nostra conferenza stampa, che a distanza di così tanto tempo assume l’aspetto di un incomprensibile ‘silenzio-assenso’.  Indifferenza, rispetto a quanto abbiamo denunciato allora, o complicità e condivisione di una posizione che si presenta  in pieno conflitto con trasparenza, rispetto delle regole, tanto celebrate nelle pagine del portale internet del Consiglio, e magnificate ed ostentate sulla stampa e nei dibattiti politici ed istituzionali da larga parte della politica regionale”. 

“Un silenzio-assenso senza costrutto – prosegue la UIL-FPL – considerando l’assenza di una qualsiasi dimostrazione  giuridico-legislativasulla legittimità di questa scelta. Come UIL-FPL pretendiamo che il Consiglio regionale dimostri, su quali basi giuridiche si fonda il mantenimento in servizio del segretario generale, come possa ancora rivestire la posizione di dipendente della P.A., visto quanto sostenuto dallo stesso Consiglio regionale nella nota del dirigente delle risorse umane che appunto non lo riconosce come dipendente pubblico.

Lasciare decantare il problema in attesa di ‘tempi migliori’  non è altro che malcelata complicità di cui la politica, tutta, che attualmente gestisce il Consiglio regionale, dovrà, prima o poi  rendere conto nelle sedi opportune”.

“Crediamo, e ci affidiamo, come abbiamo sempre fatto – conclude la segreteria provinciale nella  nota– nella buona politica e nella buona amministrazione. Ma non siamo disposti ad aspettare sine die decisioni che, o si ha paura a prendere, o non si vogliono prendere. E non vogliamo essere considerati complici o vittime passive di una indecisione abilmente pilotata per mantenere e far durare privilegi che in uno Stato di diritto sono, ancor più oggi, inaccettabili.

E soprattutto come UIL-FPL ed a livello personale, non vogliamo essere considerati tra quelli che pensano che in Consiglio regionale vige il detto: “Per i cittadini le leggi si applicano, per gli amici si interpretano e per alcuni… si eludono”.-

Reggio Calabria 11 04.2017                                       per la Segreteria Provinciale UIL-FPL

                                                                                  di Reggio Calabria

                                                                                                

Franco Criaco