Menu
Corriere Locride
Parco Aspromonte, l’appello del Presidente Bombino ai candidati

Parco Aspromonte, l’appello de…

“E’ necessario che i f...

Contratto scuola, bonus 80 euro salvaguardato per le fasce più deboli

Contratto scuola, bonus 80 eur…

Grazie a legge di bila...

Ancora un evento internazionale a Cosenza: Noa e la sua band in concerto il 6 aprile al teatro Rendano

Ancora un evento internazional…

Sarà anche premiata pe...

Il Polo Museale della Calabria ha partecipato con successo alla quarta edizione di TourismA

Il Polo Museale della Calabria…

TOURISMA 2018 – Salone...

Regione. Musmanno: "Nessuna cancellazione dei treni regionali 3692 e 3694"

Regione. Musmanno: "Nessu…

"I treni regionali n. ...

Reggio. Venerdì 23 e sabato 24 febbraio il Teatro della Girandola presenta lo Spettacolo “In bocca al lupo”

Reggio. Venerdì 23 e sabato 24…

Il Teatro della Girand...

Siderno. Sinistra Italiana: «Città Giardino a basso costo. L’amministrazione Fuda ha mantenuto la parola»

Siderno. Sinistra Italiana: «C…

Riceviamo e pubblichia...

Taurianova. Oggi il Comune compie novant’anni dalla sua istituzione

Taurianova. Oggi il Comune com…

I comuni di Radicena, ...

Regione Calabria. Fondi post 2020: partecipa alla consultazione online

Regione Calabria. Fondi post 2…

La Commissione europea...

Reggio. Sabato 17 Febbraio si terrà il secondo incontro formativo per parlare del progetto: “Non c’è Libertà senza Legalità”

Reggio. Sabato 17 Febbraio si …

Il Progetto “NON C’E’ ...

Prev Next

Pazzano: Sprovveduti o incompetenti? Il Circolo Pd sul bilancio di previsione 2015

  •   Redazione
Pazzano: Sprovveduti o incompetenti? Il Circolo Pd sul bilancio di previsione 2015

La nuova Amministrazione Comunale di Pazzano già al suo esordio mette in luce la sua manifesta inadeguatezza di governo vessando i cittadini con un aumento generalizzato delle tariffe e delle aliquote del tributi locali, con la giustificazione dell'assente diminuzione dei trasferimenti erariali, il rigoroso accertamento delle effettive entrate comunali a fronte di una spesa rigida fina-lizzata a garantire i servizi essenziali (cosi nella delibera del Consiglio Comunale n. 21 del 26/08/2015).

Ma, intanto, omette di prevedere nel bilancio 2015 parte dei proventi derivanti dalla concessione dei suoli in località Monte Stella per l'installazione di antenne radio-televisive e di telefonia, con l'inverosimile motivazione della stancata segnalazione da parte degli uffici comunali, ammettendo cosi di non avere consapevolezza alcuna degli atti e dell'attività degli uffici, dovuta non certo al breve tempo trascorso dal suo Insediamento ma all'incapacità di governare.

Evenienza di ben altro rilievo e ben più grave é che il bilancio approvato nella seduta del C.C. del 26 agosto scorso appare del tutto illegittimo, in quanto tra le entrate prevede l'addizionale IRPEF mo-dificata in aumento con delibera della G.M. del 5 agosto scorso, le tariffe del servizio idrico integrato, modificate in aumento con delibera della G.M. sempre dei 5 agosto, la TASI approvata con deli-bera del C.C. del 26 agosto scorso, Tariffe e aliquote dei tributi che l'Ente avrebbe dovuto deliberare entro il termine per l'approvazione del bilancio di previsione 2015, ossia ai 30 luglio 2015 così prorogato dal DM del Ministro dell'Interno del 13/05/2015, come appunto prescrive l'artt 1, comma 169, della legge 296/2006, II quale prevede che "In caso dl mancata approvazione entro II suddetto termine, le tariffe e le aliquote si intendono prorogate di anno M anno."

Conseguentemente per il 2015 ai cittadini di Pazzano non è applicabile l'addizionale IRPEF nella misura dell° 0,650% ma nella misura dell'0,4% determinata nel 2014, le tariffe del servizio idrico rimangono quelle determinate nel 2014, cosi come non si applica per la TASI l'aliquota del 2 per mille, aumenti che debbono intendersi dovuti solo dall'anno 2016.

E' chiaro e questo punto che la palese illegittimità del suo operato imponga all'Amministrazione Comunale di ritirare tutti gli atti compiuti e prendere atto della sua assoluta inadeguatezza a reg-gere le sorti anche di un piccolo paese come Pazzano.

Rammentando che i comuni virtuosi in un'ottica di semplificazione e alleggerimento del già gravoso carico fiscale sui cittadini hanno provveduto a disapplicare la CASI con l'azzerarne.o dell'aliquota per tutte le tipologie di immobili, compensando il minor gettito derivante dall'abolizione dell'IMU e dalla riduzione del Fondo di solidarietà comunale con la riduzione delle spese.

Si invitano, pertanto, i cittadini a protestare la loro riprovazioneverso scelte e azioni amministrative assolutamente illegittime e dannose che pesano, ancora una volta, sulla parte più debole della collettivitá, nonchè i consiglieri dl minoranza ad attivare tutte le loro prerogative per segnalare quanto sopra agli organi competenti e per la convocazione straordinaria del Consiglio Comunale.

Il Circolo Pd di Pazzano