Menu
Corriere Locride
Gerace. Nota stampa del circolo di Fratelli d’Italia di Locri sulla problematica inerente la S.P.1 che collega Locri con Gioia Tauro

Gerace. Nota stampa del circol…

Come circolo di Fratel...

Conferita la Cittadinanza Onoraria di Oppido Mamertina al produttore e scrittore Ruggero Pegna

Conferita la Cittadinanza Onor…

L’amministrazione Comu...

Coldiretti, Aceto: siamo impegnati a gestire il post alluvione con interventi sul territorio e per le aziende agricole

Coldiretti, Aceto: siamo impeg…

I Consorzi di bonifica...

Gerace. Nota stampa del Gruppo consiliare di Minoranza (Uniti per Gerace) sulle problematiche dell'ex Statale 111

Gerace. Nota stampa del Gruppo…

Gruppo consiliare di M...

Mancini premia Poste Italiane. L’azienda guidata da Del Fante vincitrice del torneo di calcio tra le aziende "Top sponsor" della Nazionale

Mancini premia Poste Italiane.…

 “Azzurri Partner...

L’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” realizza il primo rapporto sugli incidenti stradali mortali nel periodo 2013-2017 sulla s.s.106

L’Associazione “Basta Vittime …

L’Associazione “Basta ...

Cinquefrondi. Il sindaco Conia chiede ai vari enti preposti di intervenire a tutela della sicurezza dei cittadini

Cinquefrondi. Il sindaco Conia…

Il Sindaco di Cinquefr...

Diocesi Locri - Gerace. Molte le comunità parrocchiali interessate dall’avvicendamento dei parroci

Diocesi Locri - Gerace. Molte …

Sulla linea del rinnov...

Coldiretti, Molinaro: succo di soli agrumi calabresi in vendita nella Gdo

Coldiretti, Molinaro: succo di…

«Produzione, testa e c...

Nota stampa del Presidente del Consorzio di Bonifica Tirreno Catanzarese sull'evento eccezionale che ha colpito il suo comprensorio

Nota stampa del Presidente del…

«L’evento eccezionale ...

Prev Next

Oliverio: situazione sanità in Calabria non più tollerabile

  •   Redazione
Oliverio: situazione sanità in Calabria non più tollerabile

“L’inchiesta mandata in onda l’altra sera dalla trasmissione di La7 “Piazzapulita” è l’ennesima conferma di una situazione non più tollerabile in cui versa la sanità calabrese dopo 8 anni di commissariamento da parte del Governo nazionale e 9 anni di piano di rientro dal debito sanitario”. Lo afferma il Presidente della Regione Calabria Mario Oliverio.“Dati, cifre e testimonianze – prosegue Oliverio - hanno plasticamente rappresentato lo stato di strutture e servizi che costringono ogni anno migliaia di cittadini calabresi a dover emigrare fuori dalla regione per ottenere una risposta alla loro legittima domanda di salute e di essere curati. Tagli orizzontali e blocco totale del turn over hanno determinato un impoverimento dell’offerta sanitaria e, contestualmente, hanno costretto migliaia di operatori (medici, paramedici e personale infermieristico) a turni di lavoro massacranti. A loro va il mio ringraziamento per avere comunque garantito in questo contesto depauperato servizi a volte anche di qualità. Anche le eccellenze presenti nel panorama calabrese vengono mortificate e marginalizzate da questa grave situazione”.“Tutto questo – aggiunge - è figlio di una gestione commissariale, sciaguratamente chiesta 8 anni fa, che ha sottratto ai calabresi la gestione legittima di chi ha i compiti di governo sanciti dal voto popolare. Il commissariamento romano, che doveva sopperire alle inadeguatezze delle diverse politiche regionali, ha fallito la sua missione ed è da anni che stiamo cercando di ottenere dai Governi che si sono succeduti una risposte chiara e definitiva che ponesse fine a questo scempio”.“La mobilità passiva è diventata un vero e proprio salasso non solo per la finanza pubblica ma per quelle migliaia di cittadini calabresi costretti a migrare fuori dalla Calabria. Il piu’ grande ospedale della Calabria è fuori dalla Calabria e lo stato del servizio sanitario regionale deve far fronte a quelle politiche di tagli indiscriminati con la conseguenza che la stessa aspettativa di vita dei calabresi, come certificato dall’ultimo rapporto Istat, è agli ultimi posti. “Lo stesso risanamento economico che era ed è la missione principale dell’istituto commissariale di fatto ha prodotto nuovi indebitamenti. Il bilancio consuntivo nel solo anno 2017 ha prodotto un ennesimo risultato drammatico certificando un disavanzo di 101 milioni di euro, mentre la programmazione commissariale condivisa dallo stesso Governo (Ministeri Salute ed Economia) prevede un equilibrio di bilancio entro l’anno corrente. Obiettivo non piu’ reealizzabile, come e’ facilmente prevedibile. I Governi nazionali hanno la responsabilità di questa situazione, prima decidendo il commissariamento nel 2010 e successivamente avallando le gestioni fallimentari che sono sotto gli occhi di tutti. È ormai arrivato il momento di dire basta a tutto ciò. Da anni ci stiamo battendo per il superamento della gestione commissariale e per ottenere che vengano rispettati i diritti essenziali dei cittadini calabresi"."Ci siamo battuti contro Governi nazionali di vario colore politico e continueremo a farlo perché il nostro unico obiettivo- conclude Oliverio - è difendere e tutelare la salute dei calabresi, un dirittto primario, e garantire il funzionamento del servizio sanitario regionale”.