Menu
Corriere Locride
“Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”: «Il 22 ottobre presenteremo il primo rapporto sulla mortalità stradale negli anni 2013-2017 sulla S.S.106»

“Basta Vittime Sulla Strada St…

Il lavoro dell’Associa...

Legambiente: «La Calabria seconda per abusivismi»

Legambiente: «La Calabria seco…

È stato presentato que...

Coldiretti: la Regione autorizza carburante in più per l’irrigazione di soccorso su tutto il territorio regionale

Coldiretti: la Regione autoriz…

Coldiretti aveva chies...

In occasione del nuovo anno scolastico inaugurazione del plesso “Carrera” della Scuola Primaria e nuovo scuolabus comunale a Roccella

In occasione del nuovo anno sc…

In occasione dell’iniz...

Regione. In programma il 25 e 26 settembre la conferenza internazionale sulla tratta delle donne nigeriane

Regione. In programma il 25 e …

"Doppio sguardo. La tr...

Legge di Bilancio 2019: Oliverio scrive ai parlamentari Calabresi

Legge di Bilancio 2019: Oliver…

Il Presidente della Re...

Gemellaggio internazionale per il Rotary di Locri

Gemellaggio internazionale per…

Il Rotary club di...

WWF: «Le Marche salvano lupi e allevatori»

WWF: «Le Marche salvano lupi e…

«Le Marche stanno segu...

Reggio. Antonino Castorina replica a Forza Italia su intitolazione strada

Reggio. Antonino Castorina rep…

«Apprendo con stupore ...

Vibo Valentia. Il presidente nazionale di UE.COOP Gherardo Colombo è stato in Calabria – Il report

Vibo Valentia. Il presidente n…

Il presidente Nazional...

Prev Next

Oliverio a Riace che ha dato la cittadinanza a Strada, Zanotelli e Sasso

  •   Redazione
Oliverio a Riace che ha dato la cittadinanza a Strada, Zanotelli e Sasso

Il presidente della Regione Mario Oliverio, sempre a fianco di Race e del sindaco Mimmo Lucano, della popolazione locale, riacese e non, anche stasera è presente al Villaggio globale, all’interno del borgo dove i profughi, dal 1998, vengono soccorsi, accolti e integrati nella comunità, per partecipare al Consiglio comunale aperto, che si è svolto nella Piazza Donna Rosa, durante il quale Riace, con il sindaco Lucano, i consiglieri e il segretario comunale Gesualdo Bova, ha dato la cittadinanza onoraria a tre importanti personalità, esempi di altruismo nell’aiutare il prossimo in condizioni di difficoltà: Gino Strada, fondatore di Emergency, assente per motivi di salute e in collegamento via skype da Venezia, padre Alex Zanotelli, missionario comboniano, e Chiara Sasso dell’associazione nazionale Recosol (Rete dei Comuni solidali).“Ho voluto partecipare a questa Assise comunale – ha affermato il presidente Oliverio - perchè ha fatto una scelta importante: quella di proiettare una scelta attraverso personalità la cui storie e impegno quotidiano sono in grande sintonia con questa esperienza. Un atto che fa onore a Riace che  rappresenta un riferimento alternativo a quella che oggi appare come una impostazione vincente incarnata dalla paura. Ma non si può fermare il vento con le mani. Il modello di Riace è un’esperienza destinata ad allargarsi a riproporsi. Nessuno potrà cancellare la storia che indica il riscatto della comunità Riacese e della Calabria. Dobbiamo fare in modo – ha ribadito Oliverio - di  contrapporre alla paura la dimensione dell’umanità. L’esperienza di Riace deve essere difesa e valorizzata. Grazie Mimmo. Grazie Riace per il messaggio della Calabria vera che proiettate nel mondo. Grazie a nome di tutti i calabresi”. Il presidente Oliverio ha poi lanciato la proposta di una giornata nazionale pro Riace con la partecipazione di artisti, musicisti, cantanti, attori che si riconoscono nel progetto di accoglienza e integrazione sperimentato con successo  in questo piccolo Comune della Calabria. Il sindaco Lucano, dopo aver ringraziato il presidente Oliverio: “sempre presente – ha detto - e vicino a noi, che ha seguito le vicende di Riace mettendoci l’anima”, ha dichiarato: “stasera per noi è una grande festa. È una grande emozione e un ricordo che porterò dentro di me per tanto tempo. A Gino Strada, a Padre Zanotelli e a Chiara Sasso consegniamo le chiavi di  questa comunità di accoglienza collegata con il respiro del mondo. Il nostro è un attestato di stima verso tre personalità che sono accomunate da una vita trascorsa per aiutare gli ultimi e i perseguitati, contro le ingiustizie, per la pace dei popoli e per un mondo fuori dalle guerre”.Mimmo Lucano ha poi ufficialmente consegnato le chiavi della città a Gino Strada che ha definito Riace “non un simbolo ma la realtà della resistenza. Una realtà con la sua esperienza straordinaria da esportare”. A padre Zanotelli: “stiamo vivendo un momento che ci sta umanizzando. Come Lucano, reagiamo e ritorniamo a sognare un mondo diverso”. A Chiara Sasso che ha ricordato una frase di Roberto Saviano pronunciata proprio a Riace: “guarda lo zero e vedrai solo quello; guarda attraverso lo zero e vedrai il mondo”.