Menu
Corriere Locride
Metrocity, a Palazzo Alvaro la prima riunione dell’Ufficio del Garante Infanzia

Metrocity, a Palazzo Alvaro la…

Si è tenuta mercoledì ...

Lettera aperta di Nuccio Azzarà al commissario dell'azienda ospedaliera del G.o.m. avv. Vittorio Prejanò

Lettera aperta di Nuccio Azzar…

Riceviamo e pubblichia...

Siderno: le associazioni del borgo si mobilitano

Siderno: le associazioni del b…

«Massimo impegno dei C...

Furfaro e Zavettieri: «quali strategie per combattere la 'ndrangheta?!»

Furfaro e Zavettieri: «quali s…

«Da amministratori pub...

Sindacato in lutto si è spento a 67 anni Domenico Serranò: «Grande dirigente ma soprattutto grande Amico»

Sindacato in lutto si è spento…

«La Cisl Funzione Pubb...

Roccella. Domenica 17 febbraio si terrà un evento internazionale sul tema delle migrazioni e della solidarietà tra popoli

Roccella. Domenica 17 febbraio…

“Per un Mediterraneo d...

Regione Calabria. Operativi i tirocini per l'inserimento lavorativo di persone in condizioni di fragilità

Regione Calabria. Operativi i …

Adottato un altro prov...

Agricoltura: primo voto chiave del Parlamento UE sulla PAC

Agricoltura: primo voto chiave…

La Commissione per l’A...

Al Teatro Città di Locri il 16 febbraio in scena “La Malafesta” con Rino Marino e Fabrizio Ferracane

Al Teatro Città di Locri il 16…

«Una pièce di grande s...

“Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”. Il Direttivo dell’Associazione esprime apprezzamento per le dichiarazioni del Ministro per il Sud

“Basta Vittime Sulla Strada St…

«Nuova S.S.106: aspett...

Prev Next

Nota stampa del partito comunista (Pc) sui licenziamenti al call center "Abramo Customer Care" di Crotone

  •   Redazione
Nota stampa del partito comunista (Pc) sui licenziamenti al call center "Abramo Customer Care" di Crotone

Partito Comunista (PC):《La vera dignità? Articolo 18 e stabilizzazione per tutti!》

«Il Partito Comunista esprime la propria solidarietà ai lavoratori e alle lavoratrici di Abramo Customer Care di Crotone, i quali, dopo 24 mesi di precariato e dunque pronti all'assunzione a tempo indeterminato, non hanno visto riconfermato il proprio contratto.

L'azienda si è giustificata dichiarando di essere completamente nella legalità, in quanto il "Decreto Dignità", che secondo Luigi Di Maio e compagnia avrebbe abolito precariato e povertà, impone di stabilizzare i lavoratori che hanno prestato servizio per 24 mesi con contratti a termine, ma il padrone anziché assumerli definitivamente ha preferito rimpiazzarli con altri precari. CISL e UIL stanno portando avanti la vertenza e, dimostrandosi per l'ennesima volta sindacati filo padronali, si limitano a chiedere al Governo di inserire nel decreto incentivi per i padroni che assumono a tempo indeterminato.
La soluzione per questi sindacalisti di carta, dunque, non può che essere la solita: trasferire soldi della collettività nelle tasche degli sfruttatori per implorarli di fare qualche contratto "stabile", ricordiamoci che senza Art. 18 la precarietà si è estesa anche a chi ha il contratto a tempo indeterminato.
In quanto Partito composto principalmente da lavoratori e disoccupati non possiamo che pensarla in maniera completamente opposta. La vera colpa del Governo non è quella di non avere previsto incentivi o di aver ridotto da 36 a 24 mesi di contratti precari il limite oltre al quale è prevista la stabilizzazione, la vera colpa del Governo è quella di aver preso in giro ilavoratorie i giovani di tutta Italia affiancando la "dignità" a un decreto che attacca la classe lavoratrice e fa, come sempre, gli interessi del padronato.

L'unico modo per ridare DIGNITÀ al mondo del lavoro è l'abolizione della precarietà in quanto tale tramite l'abolizione dei contratti a termine e la stabilizzazione per tutti, la riduzione dell'orario di lavoro come vero incentivo alla piena occupazione, forti aumenti salariali fino ad agganciare gli stipendi al costo della vita».