Menu
Corriere Locride
Condofuri. Ai nastri di partenza il Mercatino Estivo Condofurese

Condofuri. Ai nastri di parten…

Mancano poche ore all’...

Prosegue con enorme successo il programma della Varia di Palmi 2019

Prosegue con enorme successo i…

di Sigfrido Parrello -...

“Terra Mia - non è il paese dei santi”: Cosimo Sframeli è tra i protagonisti del docufilm di Ambrogio Crespi

“Terra Mia - non è il paese de…

«Grazie ai veri coragg...

Elezioni Regionali: nota stampa dei sindaci di Cittanova, San Giorgio Morgeto e Santo Stefano d'Aspromonte

Elezioni Regionali: nota stamp…

«Il valore della nostr...

“La Calabria è talento”: gli Arangara domani a San Pietro di Caridà

“La Calabria è talento”: gli A…

Armando Quattrone, sta...

Nota stampa dei sindaci di Monasterace, Bivongi e Pazzano sulle candidature alle prossime elezioni regionali

Nota stampa dei sindaci di Mon…

«Le imposizioni dall'a...

Nota stampa del Partito Comunista: «né con Salvini né col PD»

Nota stampa del Partito Comuni…

Il Partito Comunista, ...

Storie, note e sapori della nostra Terra al castello Ruffo di Scilla con Maria Barresi, autrice de "L'essenza della Felicità"

Storie, note e sapori della no…

Evento promosso dalla ...

Siderno (RC): a Palazzo Falletti, per "L'Ulisse calabrese" la presentazione del romanzo "Omero al Faro" di Mimmo Rando (Rubbettino)

Siderno (RC): a Palazzo Fallet…

Ci sono Omero, il cant...

Addio a don Cosimo Simone, papà del Presidente della Palmese e mitico custode del “Lopresti”

Addio a don Cosimo Simone, pap…

di Sigfrido Parrello -...

Prev Next

Nota stampa del partito comunista (Pc) sui licenziamenti al call center "Abramo Customer Care" di Crotone

  •   Redazione
Nota stampa del partito comunista (Pc) sui licenziamenti al call center "Abramo Customer Care" di Crotone

Partito Comunista (PC):《La vera dignità? Articolo 18 e stabilizzazione per tutti!》

«Il Partito Comunista esprime la propria solidarietà ai lavoratori e alle lavoratrici di Abramo Customer Care di Crotone, i quali, dopo 24 mesi di precariato e dunque pronti all'assunzione a tempo indeterminato, non hanno visto riconfermato il proprio contratto.

L'azienda si è giustificata dichiarando di essere completamente nella legalità, in quanto il "Decreto Dignità", che secondo Luigi Di Maio e compagnia avrebbe abolito precariato e povertà, impone di stabilizzare i lavoratori che hanno prestato servizio per 24 mesi con contratti a termine, ma il padrone anziché assumerli definitivamente ha preferito rimpiazzarli con altri precari. CISL e UIL stanno portando avanti la vertenza e, dimostrandosi per l'ennesima volta sindacati filo padronali, si limitano a chiedere al Governo di inserire nel decreto incentivi per i padroni che assumono a tempo indeterminato.
La soluzione per questi sindacalisti di carta, dunque, non può che essere la solita: trasferire soldi della collettività nelle tasche degli sfruttatori per implorarli di fare qualche contratto "stabile", ricordiamoci che senza Art. 18 la precarietà si è estesa anche a chi ha il contratto a tempo indeterminato.
In quanto Partito composto principalmente da lavoratori e disoccupati non possiamo che pensarla in maniera completamente opposta. La vera colpa del Governo non è quella di non avere previsto incentivi o di aver ridotto da 36 a 24 mesi di contratti precari il limite oltre al quale è prevista la stabilizzazione, la vera colpa del Governo è quella di aver preso in giro ilavoratorie i giovani di tutta Italia affiancando la "dignità" a un decreto che attacca la classe lavoratrice e fa, come sempre, gli interessi del padronato.

L'unico modo per ridare DIGNITÀ al mondo del lavoro è l'abolizione della precarietà in quanto tale tramite l'abolizione dei contratti a termine e la stabilizzazione per tutti, la riduzione dell'orario di lavoro come vero incentivo alla piena occupazione, forti aumenti salariali fino ad agganciare gli stipendi al costo della vita».