Menu
Corriere Locride
Windsurf, il reggino Francesco Scagliola primo nel campionato mondiale under 21

Windsurf, il reggino Francesco…

Ennesima soddisfazione...

Anas: per lavori, limitazioni al transito veicolare lungo ‘A2 Autostrada del Mediterraneo’ tra le province di Salerno, Vibo Valentia e Reggio Calabria

Anas: per lavori, limitazioni …

In orario notturno, fi...

Biodiversità. Sabato 15 giugno l’appuntamento organizzato da Federparchi: "alla ricerca di specie aliene nel Parco Nazionale dell’Aspromonte"

Biodiversità. Sabato 15 giugno…

Bioblitz nei Parchi: i...

Poste Italiane rifà il look alle cassette postali in 20 comuni della provincia di Reggio Calabria

Poste Italiane rifà il look al…

Il progetto “Decoro Ur...

Reggio. Venerdì 14 e sabato 15 si terrà il 2° Congresso Regionale AICPR (Associazione Italiana di Cardiologia Clinica, Preventiva e Riabilitativa)

Reggio. Venerdì 14 e sabato 15…

L’unità Operativa di R...

Olio, Coldiretti: crollo del 69% della produzione e import dai paesi africani- Aumentare i controlli

Olio, Coldiretti: crollo del 6…

Una prima fotografia d...

Lamezia Terme. La Band “Regione Trucco” di Ivrea vince il “Calabria Fest – tutta italiana”

Lamezia Terme. La Band “Region…

Delirio finale per Cle...

Domenica alle 17,30, all'auditorium di Gioiosa Ionica, si presenta il libro “La collina incantata”, di Filomena Drago

Domenica alle 17,30, all'audit…

Liberate la fantasia; ...

Locri (RC), domenica l’incontro culturale “Nei luoghi perduti della follia”

Locri (RC), domenica l’incontr…

Domenica 9 giugno alle...

Prev Next

Nota stampa del Partito Comunista: «Flop del Governo sul Porto di Gioia Tauro»

  •   Redazione
Nota stampa del Partito Comunista: «Flop del Governo sul Porto di Gioia Tauro»

«È appena stato annunciato l’accordo fra i soci di Mct che sancisce il passaggio totale del controllo della società, e quindi del porto di Gioia Tauro, nelle mani di Msc.

Sebbene in molti gioiscono nel ricordare le promesse dell’imprenditore Aponte circa la volontà di non licenziare e riassorbire gli esuberi del 2017, la preoccupazione sul futuro dello scalo gioiese non deve scemare. Infatti l’accordo è stato varato fra due società commerciali nel rispetto dei reciproci interessi e, quindi, senza dover dare conto al Governo che, difatti, ha lasciato tutto nelle mani di Mct senza che questa, cambiando padrone, debba con esso rinegoziare qualcosa. Restano perciò prive di valore  le promesse di investimento avanzate nei mesi scorsi da Msc presso il Ministero, mentre resta, quindi, alto il rischio che la nuova gestione di Mct possa giocare sullo stato di crisi della società per proporre nuovi licenziamenti o, quanto meno, una precarizzazione del lavoro e una politica di maggior flessibilità per i portuali.

L’operato del Governo, protratto soprattutto dal ministro pentastellato Toninelli e dal sottosegretario leghista Rixi, altro non raffigura che la rappresentazione teatrale di un moderno Ponzio Pilato che, non avendo avuto il coraggio di affrontare la gravosa situazione del porto gioiese ritirando le concessioni demaniali per rilanciare lo scalo commerciale con un nuovo assetto industriale, ha rinunciato alle sue prerogative inerenti la gestione della cosa pubblica affidandola ad una risoluzione fra due soggetti di diritto privato ai quali ha fatto da spettatore plaudente.

Il Partito Comunista, vigilando sugli sviluppi che seguiranno, invita i lavoratori a non abbassare la guardia e a continuare a difendere, con la stessa tenacia, il proprio posto di lavoro. Nello stesso tempo si auspica che lo Stato facci la propria parte completando, finalmente, i collegamenti ferroviari, già finanziati dal 2011, che sono stati la scusante per tagliare Gioia Tauro, porta d’ingresso naturale del continente e che potrebbe garantire su strada ferrata un trasporto merci veloce verso l’Europa senza bisogno di alcuna Tav,  fuori dalla nuova “via della seta”, la quale non può assolutamente rappresentare il rilancio dell’economia italiana quando la merce circolante proviene da impianti industriali delocalizzati all’estero».