Menu
Corriere Locride
Roccella Ionica. Gli Amministratori incontrano i tecnici della Sorical SpA per risolvere le criticità nell’erogazione dell’acqua potabile

Roccella Ionica. Gli Amministr…

Nel primo pomeriggio d...

"Istanti" di Bruno Panuzzo: «una nuova scommessa vinta!»

"Istanti" di Bruno P…

La distribuzione ed il...

Monasterace. Venerdì 27 luglio si terrà il concerto di Fabio Macagnino "Candalìa by the Jasmine Coast"

Monasterace. Venerdì 27 luglio…

Concerto di Fabio Maca...

Marco Rizzo a Siderno incontra i comunisti e i cittadini

Marco Rizzo a Siderno incontra…

In un periodo di grave...

Reggio. Mercoledì 18 luglio inizia la seconda edizione de “Il Talento sei Sud”

Reggio. Mercoledì 18 luglio in…

AperiSud, le eccellenz...

La Cassazione conferma che a Chivasso (To) non esiste una cosca di ‘ndrangheta Gioffrè-Ilacqua

La Cassazione conferma che a C…

Gli indagati per assoc...

Roccelletta di Borgia. Il “Premio Riccio d’Argento“ sarà consegnato domani a Caetano Veloso, in concerto al Parco Scolacium

Roccelletta di Borgia. Il “Pre…

Sarà consegnato domani...

Coldiretti: il Consorzio di bonifica di Trebisacce continuerà a garantire l’irrigazione agli agricoltori dell’Alto Ionio cosentino

Coldiretti: il Consorzio di bo…

“Che ci possa essere a...

Rotary Club Reggio Calabria Est, Giuseppe Squillace nuovo presidente

Rotary Club Reggio Calabria Es…

Passaggio del "collare...

Bovalino. Lunedì 16 luglio il Caffè Letterario Mario La Cava organizza un incontro con gli scrittori Massimo Nava e Marco Lupis

Bovalino. Lunedì 16 luglio il …

Incontro con Massimo N...

Prev Next

Nota del Partito Comunista Calabria su: "criminalità e prove palliative di Zes al porto di Gioia Tauro"

  •   Redazione
Nota del Partito Comunista Calabria su: "criminalità e prove palliative di Zes al porto di Gioia Tauro"

«Si torna nuovamente a parlare del Porto di Gioia Tauro, ma stavolta per una operazione della Guardia di Finanza contro la criminalità, un leit motive che potrebbe essere caro a chi, eventualmente, avrebbe interesse a screditare questo scalo per distruggerlo. Tuttavia, è evidente che la Zona Economica Speciale, impostata in maniera "poco seria" e senza un adeguamento infrastrutturale, non faccia altro che favorire  il saccheggio di risorse pubbliche. Crediamo che la probabile nascita della Zes nell'area portuale gioiese, infatti, così per come si sta lavorando, non porti a nulla di serio se non alla possibilità di perpetrare altre truffe. Si, perché la si sta programmando con molta sufficienza solo per dare un contentino dopo i licenziamenti dei mesi scorsi effettuati con l'avallo delle istituzioni pubbliche. Infatti i documenti tanto pubblicizzati dalla Regione Calabria altro non fanno che determinare le aree della Zes includendo, tra l'altro, un'area sulla quale insiste un contenzioso legale tra la Regione e l'Autorità Portuale e dunque dove nessuno può investire finché non si risolva la cosa. Inoltre, come abbiamo già denunciato, la Zes non può funzionare se non si adegua la mobilità fra queste aree e le realtà produttive della Calabria. Su questo argomento si rinvia al piano strategico predisposto dalla Regione ma che prevede tempi di realizzazione atavici e forse non del tutto sufficienti. Come per lo snodo ferroviario che, da Rosarno in poi, andrebbe adeguato alle esigenze dei treni che andranno ad effettuare quella tratta per giungere al Porto. E a proposito di snodo ferroviario, una parte di questo, pare, dovrà essere costruito sull'area interessata dal contenzioso legale! Purtroppo, alla luce di ciò, riteniamo che la Zes a Gioia Tauro, così per come si presenta sarà solo l'ennesimo regalo ai padroni, ai costruttori, a speculatori di ogni sorta, alla criminalità organizzata che fa il bello e il cattivo tempo nella nostra regione. Purtroppo è una realtà appurata che i padroni, non solo in Calabria ma in tutta Italia, sono sempre pronti a mettere in atto vergognosi ricatti occupazionali, a rivendicare incentivi statali, sgravi fiscali e altre regalie pagate con i soldi della collettività, in primis dei lavoratori.

Pertanto chiamiamo tutti i lavoratori, i disoccupati, i giovani delle classi popolari a lottare per la Nazionalizzazio sotto controllo operaio del porto, unica soluzione ai licenziamenti e allo sfruttamento dilagante. Inoltre riteniamo fondamentale che si effettuino investimenti veri, capaci di creare occupazione stabile e garantita, non finanziamenti a fondo perduto che riempino  ancora una volta le tasche di grandi imprese e parassiti!»

Partito Comunista Calabria