Menu
FanduCorriere Locride
Poste Italiane: lockdown, in provincia di Reggio Calabria volano l’e-commerce e i pagamenti digitali

Poste Italiane: lockdown, in p…

«Le consegne e-commerc...

Bovalino - Problematica rifiuti - Richiesta congiunta dei gruppi consiliari di convocazione di un Consiglio comunale aperto

Bovalino - Problematica rifiut…

Al Presidente del Con...

Anas: bando per l’assunzione di ingegneri strutturisti

Anas: bando per l’assunzione d…

«Il bando, che rispond...

Comune di Bovalino - Emergenza Covid19 - Richiesta attivazione tavolo tecnico per attività produttive e commerciali

Comune di Bovalino - Emergenza…

Al Sindaco del Comu...

Poste Italiane: prima nella top 100 mondiale dei Brand assicurativi

Poste Italiane: prima nella to…

«Il Gruppo guidato dal...

Sant'Ilario festeggia i 100 anni della signora Rosa. Gli auguri dell'amministrazione comunale

Sant'Ilario festeggia i 100 an…

Ha festeggiato 100 ann...

Roccella Jonica. Il Circolo PD scrive al Sindaco

Roccella Jonica. Il Circolo PD…

"Lettera aperta al sin...

Poste Italiane e Microsoft rafforzano la collaborazione per accelerare la ripresa dell’Italia

Poste Italiane e Microsoft raf…

«Lanciato un piano con...

Nota stampa di Cisl Fp: «il lavoro silente del pubblico impiego»

Nota stampa di Cisl Fp: «il la…

«Istituita una Task fo...

Bovalino. Il Circolo di Fratelli d'Italia «si complimenta con l'amico Denis Nesci per la nomina a Commissario di Fd'I della Provincia di Reggio Calabria»

Bovalino. Il Circolo di Fratel…

«Malgrado gli ottimi r...

Prev Next

Nota dei Meetup congiunti della Calabria sulle recenti vicende dell’Asp di Catanzaro

  •   Redazione
Nota dei Meetup congiunti della Calabria sulle recenti vicende dell’Asp di Catanzaro

Non c’è limite alla vergogna, sono 57 gli indagati finiti agli onori della cronaca nell’ambito dell’operazione “Cartellino Rosso” della Guardia di finanza e della Procura di Catanzaro. Un’operazione che ha portato alla luce una serie di comportamenti illeciti da parte di dirigenti e dipendenti amministrativi dell’Azienda sanitaria provinciale di Catanzaro, ai quali è stato notificato l’avviso di conclusione indagini.

C’è gente che per lavorare deve andare via dalla propria terra. Lo fa da sola e, in casi più fortunati, con la propria famiglia. A questo status, che è tipico delle regioni meridionali, si aggiunge, in questo periodo, l’emergenza Covid-19 che ha costretto una fetta consistente di persone a rimanere a casa, nell’incertezza tra l’altro di poter riprendere una regolare vita lavorativa nel mese di maggio.

I meetup congiunti della Calabria condannano chi - fino ad oggi impunemente - ha percepito un reddito lauto e “indeterminato”, ed al lavoro figurava senza esserci, trovando persino il tempo per andare a fare la spesa o per giocare dentro a qualche esercizio commerciale in orario “lavorativo”.

È l’ennesimo scippo perpetrato a danno dei cittadini onesti; fatti che a ritmo alternato continuano a verificarsi nella nostra regione e che appartengono ad una mentalità malata, indice che gli insegnamenti del recente passato a nulla sono serviti.

L'inchiesta ha consentito di rilevare oltre 2.100 episodi di assenteismo, di ingiustificato allontanamento dal luogo di lavoro e di falsa attestazione della presenza, per un totale di circa 1.800 ore di servizio non effettuate. E parliamo di un'azienda già commissariata per mafia.

La giustizia farà il suo corso il verdetto finale sarà certo solo al terzo grado di giudizio, tuttavia va ribadito che situazioni del genere fanno molto male alla nostra terra e danneggiano la gente che non ha “santi in Paradiso” e che lavora regolarmente ogni giorno per portare il pane (sudato) a casa. Oltre a infangarla, agli occhi di un’Italia ancora pregiudiziosa verso il “meridionale”, dimenticata che molti professionisti che vivono al Nord, siano essi medici, giudici, amministratori, dirigenti provengono proprio dalle nostre regioni.

Gli attivisti di:

Meetup Reggio 5 Stelle

Meetup Magna Grecia 5 Stelle

Meetup Istmo 5 Stelle – Girifalco

Meetup Catanzaro

Meetup 5 Stelle Pizzo