Menu
FanduCorriere Locride
Abilitati in Romania. Il consiglio di stato accoglie definitivamente l’appello: la abilitazione all’insegnamento in Romania e il titolo di studio conseguito in Italia non necessita di mutuo riconoscimento. Il Miur ha violato l’art.45 tfue e l’art.1

Abilitati in Romania. Il consi…

«Di particolare import...

Reggio. Alla ricerca del verde pubblico tra incuria e abbandono

Reggio. Alla ricerca del verde…

«La vicenda della riap...

Poste Italiane tra le aziende più attrattive del mondo del lavoro per gli studenti universitari Calabresi

Poste Italiane tra le aziende …

«L’Azienda, guidata da...

Giovani Avvocati reggini - traguardi e prospettive

Giovani Avvocati reggini - tra…

Lo scorso 20 Luglio 20...

Gioiosa Jonica (RC): Al via il FilMuzik Art Festival

Gioiosa Jonica (RC): Al via il…

FilMuzik arts festival...

Poste Italiane: prosegue il piano di riaperture da lunedì 27 luglio torna disponibile l’ufficio di Locri1

Poste Italiane: prosegue il pi…

Reggio Calabria, 23 lu...

Reggio. “Scatti tra Cielo e Terra: l’Astronomia per la legalità e l’inclusione sociale”

Reggio. “Scatti tra Cielo e Te…

«Venerdì a Palazzo Cor...

EasyPark arriva a Roccella Ionica: «ora la sosta si paga anche con l’app»

EasyPark arriva a Roccella Ion…

21 luglio 2020 Da ogg...

A Sant'Ilario dello Jonio : La mostra di Celestino Gagliardi, il racconto di Rehab, l'incontro con Lou Palanca e il loro "Mistero al Cubo", la musica di Gabriele Albanese con la partecipazione speciale di Paolo Sofia

A Sant'Ilario dello Jonio : La…

Venerdì 17 luglio 2020...

In Calabria la finale nazionale delle Olimpiadi di Astronomia: «Il Planetarium Pythagoras scelto tra le 12 sedi nazionali»

In Calabria la finale nazional…

La finale nazionale 20...

Prev Next

Nota dei circoli Fd’i della Locride: «il passaggio a Forza Italia del Consigliere regionale Raffaele Sainato era previsto»

  •   Redazione
Nota dei circoli Fd’i della Locride: «il passaggio a Forza Italia del Consigliere regionale Raffaele Sainato era previsto»

In merito al passaggio a Forza Italia del Consigliere regionale Raffaele Sainato in un articolo di ieri abbiamo letto di un “fulmine a ciel sereno”. A noi, a dire il vero, apprendendo la notizia ci è tornata in mente una vecchia canzone del 1975 di Riccardo Cocciante “Era già tutto previsto…”.

 L’ingresso di Raffaele Sainato in Fratelli d’Italia, a ridosso della campagna elettorale delle scorse elezioni regionali, è stato solo frutto di un mero calcolo elettorale, e non di una reale condivisione di idee e di valori. Lo avevamo ampiamente previsto e, all’epoca, avevamo anche espresso ai vertici del partito e all'allora Commissario Provinciale Edmondo Cirielli tutte le nostre perplessità rispetto ad una candidatura che trovava giustificazione solo in convenienze elettorali e che avrebbe fatto saltare equilibri già consolidati e percorsi politici chiari costruiti sulla coerenza e sulla militanza.

A differenza di altri Fratelli d’Italia era ed è uno dei partiti più importanti nello scenario politico sia nazionale che regionale, in crescita costante oramai da diverso tempo, ed era ovvio che alle elezioni regionali fosse, di conseguenza, una delle liste più ambite, anche in considerazione del probabile secondo seggio che avrebbe conquistato. Era anche questo il motivo, abbastanza evidente, di alcune “conversioni apparenti” di quel periodo.

Oggi tutto questo emerge chiaramente ed é confermato dai fatti e dalle parole di Raffaele Sainato, che non fornisce nessuna spiegazione politica rispetto a questa scelta ma si limita a dire che la sua formazione politica fonda le basi nel movimento cristiano e quindi in Forza Italia “…da cui mai mi sono davvero separato…”. Ci piacerebbe sapere cosa pensa oggi di queste parole Giovanni Calabrese, che è stato il principale artefice di quella candidatura. Un bel modo per ringraziare chi ha garantito a Sainato uno scranno in Consiglio regionale e, recentemente, anche la Presidenza della Commissione Riforme! Siamo certi comunque che questa volta i calcoli di convenienza saranno messi da parte e il passo successivo sarà quello di comunicare, con la stessa coerenza che oggi lo ha portato a “riscoprire” i valori di Forza Italia, le dimissioni dalla Presidenza della Commissione, ottenuta in quota Fd’I.

La politica è una cosa seria e i partiti non sono porte girevoli, da dove si entra e si esce a piacimento, tantomeno ascensori da prendere a convenienza per raggiungere velocemente i piani più alti. Per capire che non ha mai condiviso idee e programmi di Fratelli d’Italia sarebbe stato sufficiente guardare la presentazione della sua candidatura, davanti a tutto lo stato maggiore di Forza Italia, o ascoltare in diverse occasioni (l’ultima in un recente convegno che si è svolto a Locri) la sua precisazione “…l’ho detto anche in campagna elettorale, sono nato democristiano e morirò democristiano…”. Per chi allora non ci ha dato ascolto può anche sembrare una sorpresa. Per noi invece, parafrasando Cocciante, “era già tutto previsto…”.

Ce ne faremo un ragione, dopo aver tenuto per almeno tre giorni la bandiera a mezz'asta…

I Circoli Fd’I di:

ARDORE – BOVALINO – CAULONIA - GIOIOSA IONICA - SIDERNO