Menu
Corriere Locride
Siderno. Sinistra Italiana: «Città Giardino a basso costo. L’amministrazione Fuda ha mantenuto la parola»

Siderno. Sinistra Italiana: «C…

Riceviamo e pubblichia...

Taurianova. Oggi il Comune compie novant’anni dalla sua istituzione

Taurianova. Oggi il Comune com…

I comuni di Radicena, ...

Regione Calabria. Fondi post 2020: partecipa alla consultazione online

Regione Calabria. Fondi post 2…

La Commissione europea...

Reggio. Sabato 17 Febbraio si terrà il secondo incontro formativo per parlare del progetto: “Non c’è Libertà senza Legalità”

Reggio. Sabato 17 Febbraio si …

Il Progetto “NON C’E’ ...

Regione Calabria. Approvato testo di legge "interventi per il sistema del cinema e dell'audiovisivo"

Regione Calabria. Approvato te…

Con l’approvazione del...

Taurianova. Tutto pronto per l’edizione 2018 del Carnevale Taurianovese

Taurianova. Tutto pronto per l…

La cittadina della Pia...

Scuola. Fedeli: “Rinnovato il contratto per 1,2 mln di dipendenti”

Scuola. Fedeli: “Rinnovato il …

Madia: “Rinnovo ricono...

Reggio. Venerdi 9 Febbraio il capolista del collegio plurinominale Calabria 2 presenterà la "Lista del Popolo"

Reggio. Venerdi 9 Febbraio il …

Domani- Venerdi 9 Febb...

Reggio. Sabato 10 febbraio si terrà la presentazione del libro di Michele Cannavò "Scatti di luci"

Reggio. Sabato 10 febbraio si …

"Scatti di luce, ...

Locri. Venerdì 9 Febbraio il Circuito Teatrale "Teatro Sud Calabria" presenta: "Felici Matrimoni"

Locri. Venerdì 9 Febbraio il C…

Felici Matrimoni: ...

Prev Next

La Regione Calabria sarà Parte Civile nel processo per lo stupro alla tredicenne di Melito Porto Salvo

  •   Redazione
La Regione Calabria sarà Parte Civile nel processo per lo stupro alla tredicenne di Melito Porto Salvo

Ammessa la costituzione di Parte Civile della Regione nel processo per lo stupro alla tredicenne di Melito Porto Salvo che in questi giorni si sta svolgendo presso l'aula bunker del Tribunale di Reggio Calabria.
La decisione è giunta all'indomani della solidarietà manifestata dal Presidente della Giunta regionale, Mario Oliverio che, con la sua presenza davanti all'aula in cui si sta svolgendo il processo, aveva voluto ribadire, ancora una volta, sostegno, solidarietà e vicinanza personale e istituzionale alla ragazza e ai suoi familiari. In quella occasione, come è noto, il Presidente Oliverio fu aggredito verbalmente dai familiari di alcuni imputati nel processo che, rivolgendosi contro di lui, gridarono: "Tu non ci rappresenti".
Questa è stata la conferma che la decisione assunta dalla Regione è stata quella giusta."La Calabria -ha affermato Oliverio- deve essere in prima fila nella battaglia contro la violenza alle donne e contro ogni tipo di violenza. La Regione c'è e continuerà ad esserci e ad impegnarsi perchè si creino le condizioni affinchè episodi come quelli accaduti a Melito e nel Paese, che quotidianamente riempiono le pagine nazionali dei giornali, non accadano mai più".