Menu
Corriere Locride
Il Tribunale di Palmi ha assolto l’imprenditore Vincenzo Zangari. Era accusato dal collaboratore Rocco Francesco Ieranò di essere uno ‘ndranghetista con la dote del “Vangelo”

Il Tribunale di Palmi ha assol…

Il Tribunale di Palmi,...

Bovalino. Agave presenta la sua sede operativa e molte altre novità

Bovalino. Agave presenta la su…

Presente anche l’Ammin...

Cosenza. Studenti in piazza contro il governo: «Le scuole sicure sono quelle che non crollano»

Cosenza. Studenti in piazza co…

Centinaia di studenti ...

Regione Calabria. Rifiuti, il Dipartimento Presidenza replica ad Abramo

Regione Calabria. Rifiuti, il …

Corre l'obbligo replic...

La piccola Victoria Cosentino debutta su RAI 1 alla 61^ Edizione dello ZECCHINO D’ORO

La piccola Victoria Cosentino …

Finalmente ci siamo. D...

Ambiente. Giornata nazionale degli Alberi, Costa: “Piantiamo un albero insieme ai nostri figli, avranno un amico di cui prendersi cura per tutta la vita”

Ambiente. Giornata nazionale d…

«Per la Giornata degli...

Reggio. Inaugurato l'Auditorium dell'istituto comprensivo "Catanoso - de Gasperi"

Reggio. Inaugurato l'Auditoriu…

Martedì 13 Novembre è ...

Caulonia sbanca "Mezzogiorno in famiglia". Il sindaco Belcastro: «Risultato esaltante»

Caulonia sbanca "Mezzogio…

Per Caulonia "Mezzogio...

Bovalino. Agave presenta il suo “Sportello per il cittadino”

Bovalino. Agave presenta il su…

Lo sportello si muover...

Calcio. A.S.D. Roccella 1935: Il dottor Enzo Federico nuovo ds

Calcio. A.S.D. Roccella 1935: …

Enzo Federico è il nuo...

Prev Next

Inchiesta Calabria Verde, Regione parte civile nel processo

  •   Redazione
Inchiesta Calabria Verde, Regione parte civile nel processo

La Giunta regionale, nella seduta odierna, ha autorizzato la costituzione di parte civile nel procedimento penale della Procura della Repubblica di Catanzaro che riguarda l'inchiesta sull'ente in house “Calabria Verde” a carico di Paolo Furgiuele, Alfredo Allevato, Marco Mellace, Antonio Errigo, Gennarino Magnone e Emanuele Ciciarello, imputati a vario titolo per l'ipotesi dei reati di abuso d'ufficio, minaccia a pubblico ufficiale, peculato e falsità ideologica.

Secondo le ipotesi di accusa della Procura alcuni degli imputati si sarebbero resi protagonisti di gravi danni nei confronti della Regione Calabria come la sottrazione e l'indebita utilizzazione di ingenti risorse economiche, circa 80 milioni di euro, provenienti dai fondi europei che sarebbero dovuti servire invece per l'acquisto di mezzi antincendi boschivi, per le opere idrauliche, la messa in sicurezza dei corsi d'acqua, degli insediamenti urbani in aree di rischio e di quelle aree con rischi di frane.