Menu
Corriere Locride
Il docufilm “Terra Mia” di Ambrogio Crespi vince al Festival Internazionale del Cinema di Salerno

Il docufilm “Terra Mia” di Amb…

TERRA MIA non è un pa...

Diocesi di Locri-Gerace: « Monsignor Cornelio Femia è tornato alla Casa del Padre»

Diocesi di Locri-Gerace: « Mon…

Questa sera, all’età d...

Nota stampa del Partito Comunista calabrese sulla Sanità regionale

Nota stampa del Partito Comuni…

«Stamane, una delegazi...

Bovalino. Nota stampa del Capogruppo Gruppo consiliare di “Nuova Calabria” sull'emergenza rifiuti

Bovalino. Nota stampa del Capo…

«L’emergenza rifiuti d...

Discarica Comunia, Tansi vs Verduci: “Il vero allarme è sottacere i problemi ai cittadini”

Discarica Comunia, Tansi vs Ve…

«Il geologo replica al...

"Riace che incontra il mare". Martedì 19 all'hotel Federica di Riace Marina la prima presentazione del romanzo di Giuseppe Gervasi

"Riace che incontra il ma…

Inizia martedì 19 nove...

Elezioni Regionali. Santo Biondo (Uil Calabria): «Siamo disponibili al confronto costruttivo con chi ne abbia la volontà»

Elezioni Regionali. Santo Bion…

«Che i bisogni della C...

Bovalino. "Emergenza rifiuti": Avviso del Sindaco  Avv. Vincenzo Maesano

Bovalino. "Emergenza rifi…

C O M U N E  ...

Nasce "il Sipario", la nuova rivista calabrese diretta da Vincenzo Varone

Nasce "il Sipario", …

il SIPARIO Periodico ...

Riace: «Trifoli resta alla guida del suo Comune e continua a portare avanti il suo impegno con gli elettori»

Riace: «Trifoli resta alla gui…

RIACE - Con ordinanza ...

Prev Next

Gerace. Nota stampa del Gruppo consiliare di Minoranza (Uniti per Gerace) sulle problematiche dell'ex Statale 111

  •   Redazione
Gerace. Nota stampa del Gruppo consiliare di Minoranza (Uniti per Gerace) sulle problematiche dell'ex Statale 111

Gruppo consiliare di Minoranza in seno al Comune di Gerace, più volte intervenuto in passato sull’argomento, oggi ripropone lo stesso in termini di allarme e d’urgenza perché fortemente preoccupato per i gravissimi danni causati- dagli eventi atmosferici degli ultimi giorni- alla strada ex Statale 111, poi SP1 ed ora della Città Metropolitana di Reggio Calabria “Gioia Tauro-Locri” soprattutto tra i comuni di Gerace e di Locri. La transitabilità dell’arteria è infatti vistosamente peggiorata: è solo di martedi 16 ottobre l’ulteriore estensione della frana caduta nei giorni scorsi nei pressi della contrada “Gabella” tanto che- in quel tratto- ora è stato necessario ridurre ad una sola carreggiata il transito con un senso unico alternato affidato alla prudenza degli automobilisti. In una curva posta a poche centinaia di metri di distanza, direzione Locri, una minore ma altrettanto pericolosa frana costituisce un serio pericolo per l’incolumità degli automobilisti. Se a quest’ultimi due eventi, i cui sviluppi sono ancora tutti in discussione, si aggiungono quelli verificati ormai due anni addietro con le enormi frane delle contrade “Puzzello” e “Barbara” si capisce che c’è il serio rischio che la Città di Gerace, uno dei “Borghi più belli d’Italia”, “Bandiera arancione del Touring Club Italiano”, scrigno di numerosi beni culturali e monumentali, meta di migliaia di turisti, resti quanto prima isolata con gravissimi danni per l’economia della zona e con tutti gli inconvenienti (servizi, assistenza, turismo, problemi sanitari) che il problema potrebbe comportare. Numerosi, inoltre, sono gli smottamenti su tutto il percorso ed in particolare nelle zone “S. Filippo”, “Passo Zita – Zomino”. La maggior parte degli smottamenti è dovuta alla mancanza di una manutenzione ordinaria che richiede la pulizia periodica delle cunette. In alcuni tratti gli smottamenti sono presenti nelle curve e non segnalati o mal segnalati; nella zona Passo Zita c'è anche il rischio per qualche abitazione. Nella Zona Monaci - Bivio Canolo Zomaro numerosi sono i detriti posti lungo la strada con restringimento della carreggiata che rende pericoloso il transito peraltro con una segnaletica stradale orizzontale e verticale quasi inesistente, in questo tratto spesso c'è nebbia e la visibilità è ridotta. Per quanto concerne infine la vecchia frana di contrada “Puzzello” e quella recente di contrada “Gabella”, pare che non sia stato previsto alcuni limite di peso dei mezzi che percorrono l’arteria; eppure viene da molti cittadini segnalato il transito di messi pesantissimi. Tutti questi problemi si accentuano di notte mancando una segnaletica luminosa che avvisi per tempo gli automobilisti del pericolo. Questo Gruppo pertanto rivolge un forte appello a tutti i soggetti istituzionali interessati perché intervengano con urgenza al fine di prevenire malaugurati incidenti.