Menu
FanduCorriere Locride
Bovalino. Emergenza Covid19, nota stampa del Capogruppo di “Nuova Calabria”: «i Comuni mettano in campo tutte le strategie per fare emergere i bisogni delle famiglie»

Bovalino. Emergenza Covid19, n…

«L’emergenza Covid19 h...

Poste Italiane: lockdown, in provincia di Reggio Calabria volano l’e-commerce e i pagamenti digitali

Poste Italiane: lockdown, in p…

«Le consegne e-commerc...

Bovalino - Problematica rifiuti - Richiesta congiunta dei gruppi consiliari di convocazione di un Consiglio comunale aperto

Bovalino - Problematica rifiut…

Al Presidente del Con...

Anas: bando per l’assunzione di ingegneri strutturisti

Anas: bando per l’assunzione d…

«Il bando, che rispond...

Comune di Bovalino - Emergenza Covid19 - Richiesta attivazione tavolo tecnico per attività produttive e commerciali

Comune di Bovalino - Emergenza…

Al Sindaco del Comu...

Poste Italiane: prima nella top 100 mondiale dei Brand assicurativi

Poste Italiane: prima nella to…

«Il Gruppo guidato dal...

Sant'Ilario festeggia i 100 anni della signora Rosa. Gli auguri dell'amministrazione comunale

Sant'Ilario festeggia i 100 an…

Ha festeggiato 100 ann...

Roccella Jonica. Il Circolo PD scrive al Sindaco

Roccella Jonica. Il Circolo PD…

"Lettera aperta al sin...

Poste Italiane e Microsoft rafforzano la collaborazione per accelerare la ripresa dell’Italia

Poste Italiane e Microsoft raf…

«Lanciato un piano con...

Nota stampa di Cisl Fp: «il lavoro silente del pubblico impiego»

Nota stampa di Cisl Fp: «il la…

«Istituita una Task fo...

Prev Next

Coronavirus, i Meetup Reggio 5 Stelle e Magna Grecia commentano le decisioni della Regione Calabria

  •   Redazione
Coronavirus, i Meetup Reggio 5 Stelle e Magna Grecia commentano le decisioni della Regione Calabria

L'Italia continua il suo percorso verso la convivenza con il Coronavirus. Inevitabilmente, in attesa di un vaccino e dunque di poter dichiarare totalmente finita la pandemia, si dovrà modificare nuovamente lo stile di vita dei cittadini. Anche in Calabria proseguono le misure restrittive, con la speranza di poter presto andare avanti e iniziare ad allentare il tutto. 

Il primo mese di quarantena è passato in archivio e i Meetup Reggio 5 Stelle e Magna Grecia hanno fatto il punto della situazione in relazione alle decisioni prese dalle Istituzioni per combattere la diffusione del Covid-19. "Se dovessimo tirare le somme e guardarci intorno - si legge nella nota del movimento - per capire come la giunta regionale calabrese abbia inteso affrontare questa emergenza sanitaria, ci ritroveremmo nel più totale caos. Ebbene sì, ad oggi, la Regione Calabria non ha stilato nessun piano epidemiologico, nessun protocollo di sorveglianza attiva per fronteggiare l'infezione da Coronavirus.

La presidente Santelli ha temporeggiato, ha fatto proclami ma poi di fatto ha infilato soltanto tutta una serie di brutte figure sia per le scelte discutibili del responsabile per la protezione civile, tale Pallaria, poi subito dimessosi a seguito delle sue dichiarazioni durante un' intervista a Report «'non so neppure come sia fatto un respiratore polmonare' cit.».

Sia del suo successore Varone già coinvolto in inchieste giudiziarie e scandali legati al suo ruolo. Entrambi dunque provenienti da ambienti ben diversi da quello medico o medicale, senza alcuna esperienza nel settore e pertanto inadatti al ruolo assegnatogli. I dati sembrerebbero smentire un tale allarmismo ma in realtà non è così nella realtà."

I dati della quarantena

I Meetup congiunti passano in rassegna anche il trend positivo legato al contenimento del contagio degli ultimi giorni, trovando causa nel "lock down ed al senso di responsabilità e di civiltà dei calabresi, ma soprattutto alla mancanza di tamponi. Meno tamponi effettuati uguale a meno contagi. E nei bollettini che la regione Calabria presenta ogni giorno, non sono considerati i migliaia di calabresi con sintomi lasciati a curarsi in casa né gli asintomatici.

Il vaso di Pandora - prosegue la riflessione - però è stato scoperchiato e tutte le storture degli ultimi 20anni si sono palesate in questa circostanza. Ma di cosa avremmo bisogno noi calabresi per proteggerci dall'incubo del covid19? Sicuramente di una task force composta da varie figure professionali tra cui un epidemiologo clinico esperto in protocolli di sorveglianza attiva, un virologo clinico, un immunologo, un anestesia e rianimatore, un igienista esperto in medicina territoriale.. una task Force che sia in grado di fronteggiare questa situazione.

Soggetti che dovrebbero cooperare col presidente e la giunta regionale tramite processi decisionali ed azioni operative per il superamento di questa emergenza, nell' assoluto rispetto delle indicazioni fornite dal Ministero della Salute, dall' Istituto Superiore di Sanità e dal Comitato tecnico- scientifico della Protezione civile.

Ad oggi però - ribadiscono i Meetup Congiunti - nulla di tutto questo è stato fatto, la Calabria è stata lasciata al suo destino e la Presidente Santelli, a quasi un mese dalla sua unica conferenza stampa sul tema Covid19, non ha attuato nessuna delle promesse fatte ne' delle strategie ipotizzate.

I 400 posti in più per le terapie intensive calabresi sono diventati in realtà 34 per l' intera Regione, la nave da crociera attrezzata che si era offerta di attraccare al porto di Gioia Tauro per garantire ulteriori 400 posti letto in caso di necessità, è stata fatta andare altrove. Abbiamo 13 comuni chiusi per numero di contagi allarmante ma nessuno di questi è stato sottoposto a reali controlli sul territorio con verifica con tampone.

Non esiste un'assistenza sanitaria domiciliare, chi contatta il numero verde regionale non riceve risposta e se riesce a mettersi in contatto con qualcuno, pur manifestando tutti i sintomi viene lasciato a casa per curarsi e senza effettuare il tampone e stabilire quindi la quarantena anche per i familiari.

La Regione Calabria - sottolinea il movimento - ad oggi non ha fornito dei dati reali sul quantitativo di tamponi disponibili ne' ha mai manifestato alcuna volontà di contrastare davvero questo virus con scelte coraggiose e consapevoli che puntino non solo al contenimento del virus ma alla lotta allo stesso che ci porti ad un azzeramento del rischio di contagio.

Tutto questo può essere realizzato soltanto puntando all'innovazione tecnologica, supportando economicamente una strategia che deve prevedere massicci e concreti investimenti perchè una pandemia si sconfigge andando all'attacco del virus e non certo sviluppando una passiva logica ospedalocentrica finalizzata esclusivamente al controllo e al contenimento del contagio.

Oggi noi calabresi paghiamo dunque lo scotto di una sanità abbandonata a se stessa, di tagli ingiustificati di posti letto strutture e personale sanitario, di una totale mancanza di controllo e strategie sanitarie che abbiano come focus il cittadino e la sua salute. Paghiamo una decennale gestione commissariale scellerata, l'indifferenza della classe politica calabrese che ha soltanto attinto alle nostre tasche con progetti rimasti solo una chimera opere incompiute come l' ospedale di Gerace, costruito nel lontano 1977 e costato 9 miliardi delle vecchie lire, 120 posti letto. Mai entrato in funzione e lasciato all' abbandono e all' incuria.

Oggi, in questa situazione emergenziale, ci sarebbe stato molto utile ma rimetterlo in sesto è impossibile in tempi brevi: occorrerebbero molti soldi e mesi di lavoro. Questa come tutte le altre opere fantasma calabresi, oggi ,ci avrebbero fatto comodo, avrebbero salvato vite umane ed invece no.. restano lì come spettri di scelte politiche dissennate e folli.

“C'è dunque da chiedersi - concludono i pentastellati - qual è il virus peggiore, quello più pericoloso per i calabresi? Il Covid19 o l' atavica inefficienza e la corruzione che albergano nelle istituzioni?"