Menu
FanduCorriere Locride
Poste Italiane: in provincia di Reggio Calabria le pensioni di ottobre in pagamento da venerdì 25 settembre

Poste Italiane: in provincia d…

«Turnazione in ordine ...

Poste Italiane: a Gerace e Mammola due nuovi Atm di ultima generazione

Poste Italiane: a Gerace e Mam…

Reggio Calabria, 21 se...

Reggio Calabria e provincia: altri 11 uffici postali ritornano all’orario pre-covid

Reggio Calabria e provincia: a…

Si tratta delle sedi d...

Il Movimento 5 Stelle di Reggio Calabria raccontato in un corto

Il Movimento 5 Stelle di Reggi…

«CARA LIBERTÀ è il cor...

Reddito di Cittadinanza, il monito di Viglianisi (M5S): «c’e’ un rischio Centrodestra e un’inefficienza Centrosinistra»

Reddito di Cittadinanza, il mo…

«Relativamente al Redd...

Torneo nazionale “i vostri Comuni”, il gonfalone di Siderno accede ai trentaduesimi di finale

Torneo nazionale “i vostri Com…

Per tutta la giornata ...

Politiche Giovanili: Siderno è tornata ed ora sogna di ospitare un meeting metropolitano sulle politiche giovanili

Politiche Giovanili: Siderno è…

Dopo un decennio abbon...

«I Commissari Cotticelli-Crocco affossano definitivamente la sanità Reggina»

«I Commissari Cotticelli-Crocc…

CAMERA SINDACALE TERRI...

Reggio. Nei giorni 10-11 e 12 settembre, al Museo Nazionale del Bergamotto, si terrà la rassegna del Giornalismo Agroalimentare e Agroindustriale Pro Sud

Reggio. Nei giorni 10-11 e 12 …

Rassegna del Giornalis...

Bova Marina: i commercianti fuorilegge per ordine del Sindaco

Bova Marina: i commercianti fu…

È da tempo ormai che s...

Prev Next

AUGLIERA (M5S): Su Facebook o strumento per i reggini di poca memoria

  •   Redazione
AUGLIERA (M5S): Su Facebook o strumento per i reggini di poca memoria

«Era il 2014 e questa amministrazione aveva promesso "la Svolta" da chi aveva depredato le casse comunali, lasciato la città in un letamaio e i cittadini a pagare un debito infinito. 
Chi all'epoca si candidava conosceva bene lo stato finanziario e il modus operandi dei fautori del "modello Reggio", ne criticava aspramente l'operato  e prometteva una cura definitiva per la città.
Siamo nel 2020, oramai giunti alla fine della legislatura ma noi reggini viviamo ancora in un letamaio mentre gli amministratori da quel lontano 2014 continuano a discolparsi puntando il dito verso chi ha governato prima di loro.
Noi attivisti del MoVimento 5 stelle abbiamo chiesto diverse volte un confronto tecnico con gli amministratori deputati al settore al fine di proporre soluzioni concrete e sostenibili per lo smaltimento dei rifiuti urbani. 
Per oltre sei mesi siamo stati rimbalzati dal sindaco al portavoce Perri, dalla segretaria al vicesindaco Neri e così la nostra richiesta è finita nel nulla. 
Un tale atteggiamento mi porta a pensare che l'annoso problema dei rifiuti  permane a causa di palese incompetenza o, ancor peggio, non lo si vuole risolvere per interessi, non certo pubblici.
Su Facebook esiste un archivio storico che i cittadini di Reggio possono consultare per rendersi conto di come la situazione, dalla precedente amministrazione, sia rimasta tristemente invariata. E' un gruppo dal titolo Osservatorio Tributi Città Metropolitana.
Questo gruppo è nato per poter denunciare collettivamente quello che ritengo sia un abuso nei confronti dei contribuenti che non trovano alcun riscontro tra le iper-tasse somministrate e il servizio erogato.
Personalmente ho anche esposto una denuncia ben documentata per i danni provocati agli impianti domestici dalla pessima acqua che arriva dalle terrificanti condotte comunali ma il magistrato che ha condotto la causa ha ritenuto opportuno scagionare dalle responsabilità il comune.

Cari concittadini, siamo di nuovo chiamati ad un atto di responsabilità ed io, con altri candidati al consiglio comunale nella lista del MoVimento 5 Stelle con Fabio Foti sindaco, abbiamo deciso di farci promotori di un messaggio importante che rivolgiamo soprattutto a coloro che non vanno a votare perché, come noi, sono sdegnati a causa di chi ha governato Reggio per decenni. 

A loro mi rivolgo perché sappiano che noi non siamo politici di professione, per tradizione familiare e soprattutto non siamo espressione di forze massondranghetistiche. 
Noi siamo cittadini come voi, attivisti senza padroni che dal 2009 lavoriamo costantemente in silenzio, senza la luce dei riflettori addosso o dirette Facebook di comodo ma denunciamo con coraggio il marciume che tiene soffocata la città.

Ora, e per la prima volta, possiamo dare un chiaro segnale  di protesta. Diciamo insieme BASTA a chi non guarda il bene collettivo ma gli interessi di partito,  di amici e parenti».