Menu
In Aspromonte
Ente Parco. Il Consiglio Direttivo ha approvato il bilancio previsionale per il 2020

Ente Parco. Il Consiglio Diret…

Il Consiglio Direttivo...

Domenica a Sant’Agata “immagini d’autunno” e il cortometraggio “Tibi e Tascia”

Domenica a Sant’Agata “immagin…

Nella stessa piazzetta...

Moleti in festa per piccini e grandi

Moleti in festa per piccini e …

Si è svolta domenica 4...

Torna il “Parkbus”, dal Museo in Aspromonte con le Guide Ufficiali del Parco

Torna il “Parkbus”, dal Museo …

Anche nella stagione e...

Parco dell’Aspromonte, il 21 luglio la Giornata dell’Amicizia con escursione “speciale”

Parco dell’Aspromonte, il 21 l…

Tutti insieme in cammi...

A Sant’Eufemia d’Aspromonte celebrata la sesta edizione della Giornata della Riconoscenza

A Sant’Eufemia d’Aspromonte ce…

«L’esempio quotidiano ...

Ente Parco. Rondoni e divertimento: il 23 giugno torna il Festival in Aspromonte

Ente Parco. Rondoni e divertim…

È ormai diventata una ...

“In Cammino nel Parco”: domenica prima escursione a Zervò. Aperte le iscrizioni

“In Cammino nel Parco”: domeni…

Tra i piani di Zervò e...

Domenica 23, l’escursione di Gente in Aspromonte sulla cima dell’Aspromonte

Domenica 23, l’escursione di G…

Gente in Aspromonte in...

Estate d’Aspromonte. Ricco e sostenibile il programma del Parco, tra natura, cultura e attività ludiche

Estate d’Aspromonte. Ricco e s…

Dal Parkbus, che dal M...

Prev Next

Reggio. Atto vandalico contro l’Istituto Comprensivo “Catanoso - De Gasperi”

Il rientro sui banchi di scuola, dopo il ponte dei morti, all’Istituto “Catanoso - De Gasperi”, ubicato in via Reggio Campi II tronco, non è stato per nulla piacevole. Il portone d’ingresso della Scuola Secondaria di primo grado “De Gasperi”, è stato imbrattato da un mix di uova e farina che ha  ricoperto le quattro vetrate e la scalinata di accesso all’edificio. Il Dirigente scolastico,  Prof.ssa Sonia Barberi, ha disposto tempestivamente la pulizia dell’area, per non interrompere il pubblico servizio e garantire il regolare afflusso degli studenti, e contestualmente ha sporto denuncia alle autorità competenti. «E’ un atto gravissimo perché la scuola, come sede istituzionale, è presidio di legalità ed avvia percorsi di formazione dei futuri cittadini responsabili - dichiara, subito dopo l’accaduto, la Dirigente Barberi - Si tratta di un luogo che, per sua vocazione, accoglie e non è da attaccare o vandalizzare». Un gesto indecoroso che non intacca i percorsi di collaborazione attiva e partecipativa avviati dall’Istituto Comprensivo reggino nell’ultimo triennio. Un dialogo costante tra le due agenzie educative per antonomasia, scuola e territorio, che ha abbracciato tutti i suoi membri, dalle famiglie alle associazioni e alla parrocchia. Di fronte all’episodio, però, una domanda sorge spontanea: atto vandalico o ragazzata di cattivo gusto?

Tatiana Galtieri

Leggi tutto

Possibile sito archeologico viene alla luce sul litorale di Bocale. Appello della Pro Loco Reggio Sud agli organi competenti

Una possibile area archeologica di interesse storico e naturalistico è venuta alla luce nel tratto di litorale antistante l’abitato di Bocale, alla periferia Sud di Reggio Calabria. A darne notizia rivolgendo un appello agli organi competenti, affinchè si provveda alle verifiche del caso, accendendo i riflettori sulla necessità di fare luce sulla natura della scoperta, è Concetta Romeo, presidente della Pro Loco Reggio Sud. Ormai da tempo - dice la Romeo - il fenomeno dell’erosione costiera ha portato alla luce un’area, probabilmente riferibile ad un sito archeologico, della lunghezza di circa 300 metri lineari, a ridosso del tratto di litorale della spiaggia di Bocale II, segnatamente nell’area identificata come zona pescatori. Individuato il sito su segnalazione di Antonio Cuzzilla, appassionato di fotografia e amico della Pro Loco, abbiamo immediatamente interpellato i Prof. Fabio Cuzzola e Daniele Castrizio al fine di capire, attraverso alcuni sopralluoghi, quanto l’area in questione potesse realmente essere riconducibile ad un sito di interesse storico. In particolare il prof Castrizio ha tenuto a ribadire come con buona probabilità si tratti di una cava di conglomerato, con la presenza di quasi 50 macine da mulino e diverse fosse circolari scavate nella roccia. La zona - ha spiegato proprio Castrizio - era antropizzata fino al settimo secolo dopo cristo e poi deserta fino circa al 1800, ragion per cui il sito può e deve essere ricondotto ad una di queste due date, e lo stesso era con buona probabilità adibito alla realizzazione ed all’estrazione delle pietre utili alla macinatura del grano. Alla luce di questi riscontri, se pur al momento non suffragati da prove accertate - prosegue la Romeo - intendiamo accendere i riflettori su un’area che andrebbe a nostro avviso indagata a fondo dagli organi competenti, su tutti la Soprintendenza archeologica, questo al fine di salvaguardare eventualmente una zona che altrimenti rischierebbe di essere nuovamente coperta come prima dell’erosione costiera, in questo caso quanto mai provvidenziale. Tengo a ribadire questo aspetto, a conferma che, nonostante la nostra battaglia portata avanti dal 2011 in favore delle opere di ripascimento, non possiamo e non vogliamo, pur rimanendo dell’idea di una necessità impellente com’è quella di ricostituire alcuni tratti di litorale, ignorare un altro aspetto altrettanto importante come quello della salvaguardia dei siti di valore storico e paesaggistico, un’idea la nostra che anzi vuole confermare la trasversalità del nostro operato, da sempre improntato  alla tutela del territorio. Il nostro auspicio - conclude la Romeo - e dunque quello che al di là dell’importante aspetto legato al ripascimento ed alla salvaguardia del litorale, possa intervenire un interesse degli organi competenti rispetto ad una scoperta che, se confermata potrebbe rivelarsi importante sotto diversi punti di vista, da quello della promozione turistica a quello della valorizzazione storico culturale di un’area di interesse archeologico”. 

Leggi tutto

Reggio. Tumori e prevenzione: in consiglio regionale l’Iniziativa dei giovani avvocati reggini

“AIGA veste rosa” è questo il titolo scelto dall’Associazione Nazionale Giovani Avvocati, per la giornata dedicata ad una campagna di sensibilizzazione verso la prevenzione dei tumori, che la sezione AIGA di Reggio Calabria avrà l’onore di ospitare. L’incontro formativo, che si terrà il prossimo 4 di ottobre dalle 15:00 alle 18:15 a Reggio Calabria presso la sala Giuditta Levato del Consiglio Regionale della Calabria, prevede una prima fase dedicata al ricordo di Luana Antelmi (un giovane avvocato trevigiano purtroppo recentemente scomparso) a cura dell’Avv. Anna Vanzo del Foro di Treviso. I lavori proseguiranno con l’introduzione curata dall’Avv. Davide Barberi - Presidente AIGA Reggio Calabria, ed i saluti di rito delle istituzioni presenti. La seconda fase dell’incontro, moderata dall’Avv. Caterina Giuliano della Giunta nazionale AIGA, prevede il modulo medico sul percorso dello screening cervicale dal titolo “L’importanza della prevenzione primaria” a cura del Dott. Filippo Genovesi, ed una seconda parte dal titolo “Il Cancro al seno: prevenzione e cure” curato dalla Dott.ssa Maria Giovanna Fava. Successivamente si passerà alla terza ed ultima fase, con oggetto il modulo legale attraverso l’analisi delle seguenti tematiche: Il legittimo impedimento a cura dell’Avv. Giuseppe Mazzetti segretario del CPO del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Reggio Calabria; La tutela assistenziale di cassa forense a cura dell’Avv. Danilo Sarra del foro di Reggio Calabria; Il ruolo della donna nell’avvocatura a cura dell’Avv. Giovanna Suriano. Le conclusioni saranno affidate all’Avv. Andrea Parisi, coordinatore regionale AIGA. Proseguono dunque le iniziative sul territorio da parte dell’Associazione Italiana Giovani Avvocati che attraverso quest’ultimo appuntamento intendono, per come si legge in una nota diramata a mezzo stampa, promuovere la cultura della prevenzione, unendola ad un appuntamento dedicato al ricordo ed alla commemorazione, perché non si disperda la memoria e per affermare, al di là dell’aspetto squisitamente professionale, l’importante ruolo sociale di una figura sempre in prima linea com’è quella dell’avvocato.   

Leggi tutto
Subscribe to this RSS feed

  • fb iconLog in with Facebook