Menu
In Aspromonte
Artigiani e produttori insieme al Parco dell’Aspromonte ad Artigiano in Fiera

Artigiani e produttori insieme…

Oltre un milione di vi...

Nel Parco dell’Aspromonte vive una delle querce più vecchie del mondo

Nel Parco dell’Aspromonte vive…

Una Quercia di oltre 5...

Ente Parco. Il Consiglio Direttivo ha approvato il bilancio previsionale per il 2020

Ente Parco. Il Consiglio Diret…

Il Consiglio Direttivo...

Domenica a Sant’Agata “immagini d’autunno” e il cortometraggio “Tibi e Tascia”

Domenica a Sant’Agata “immagin…

Nella stessa piazzetta...

Moleti in festa per piccini e grandi

Moleti in festa per piccini e …

Si è svolta domenica 4...

Torna il “Parkbus”, dal Museo in Aspromonte con le Guide Ufficiali del Parco

Torna il “Parkbus”, dal Museo …

Anche nella stagione e...

Parco dell’Aspromonte, il 21 luglio la Giornata dell’Amicizia con escursione “speciale”

Parco dell’Aspromonte, il 21 l…

Tutti insieme in cammi...

A Sant’Eufemia d’Aspromonte celebrata la sesta edizione della Giornata della Riconoscenza

A Sant’Eufemia d’Aspromonte ce…

«L’esempio quotidiano ...

Ente Parco. Rondoni e divertimento: il 23 giugno torna il Festival in Aspromonte

Ente Parco. Rondoni e divertim…

È ormai diventata una ...

“In Cammino nel Parco”: domenica prima escursione a Zervò. Aperte le iscrizioni

“In Cammino nel Parco”: domeni…

Tra i piani di Zervò e...

Prev Next

“Striscia” e i veleni di Calabria

  •   Bruno Salvatore Lucisano
“Striscia” e i veleni di Calabria

Ieri su “Striscia”, Antonella Italiano, ha mostrato un altro pezzo di degrado di questa Terra e di questa zona Ionica. In questo filmato, firmato da Galtieri che ha origini staitesi, si ha un’immagine chiara di come siamo messi. È una zona di Bovalino, uno dei 18 siti più inquinati della Calabria (tra quelli che si vedono e si sanno). E, in questo stesso servizio, si ode la voce del presidente della regione Calabria che si vanta di aver chiuso, lui, la discarica di Casignana.  Si è dimenticato di dirci quando ha intenzione di bonificarla. 

Viviamo in un sistema, in un contesto dove l’omertà si è fatta legge. Dove farsi i fatti propri è diventata una religione. Un modello di vita. Perciò, chi denuncia diventa un confidente, un infame.

L’infamità è di chi, muto, sopporta la distruzione della sua Terra e l’avvenire dei suoi figli. Chi denuncia queste cose, chi usa la penna (non come fa il pavone per colorarsi il culo), ma per segnare d’inchiostro le violenze perpetrate in questo territorio, è un modello che prima o poi dovete seguire, altrimenti sarete destinati all’estinzione. Perché arriverà il tempo che se non alzerete il dito per prendere la parola e protestare, sarete sotterrati da fogne e immondizia e, lascerete in eredità ai vostri figli, terre e acque dove non si può porre più riparo.

 

 


  • fb iconLog in with Facebook