Menu
In Aspromonte
Artigiani e produttori insieme al Parco dell’Aspromonte ad Artigiano in Fiera

Artigiani e produttori insieme…

Oltre un milione di vi...

Nel Parco dell’Aspromonte vive una delle querce più vecchie del mondo

Nel Parco dell’Aspromonte vive…

Una Quercia di oltre 5...

Ente Parco. Il Consiglio Direttivo ha approvato il bilancio previsionale per il 2020

Ente Parco. Il Consiglio Diret…

Il Consiglio Direttivo...

Domenica a Sant’Agata “immagini d’autunno” e il cortometraggio “Tibi e Tascia”

Domenica a Sant’Agata “immagin…

Nella stessa piazzetta...

Moleti in festa per piccini e grandi

Moleti in festa per piccini e …

Si è svolta domenica 4...

Torna il “Parkbus”, dal Museo in Aspromonte con le Guide Ufficiali del Parco

Torna il “Parkbus”, dal Museo …

Anche nella stagione e...

Parco dell’Aspromonte, il 21 luglio la Giornata dell’Amicizia con escursione “speciale”

Parco dell’Aspromonte, il 21 l…

Tutti insieme in cammi...

A Sant’Eufemia d’Aspromonte celebrata la sesta edizione della Giornata della Riconoscenza

A Sant’Eufemia d’Aspromonte ce…

«L’esempio quotidiano ...

Ente Parco. Rondoni e divertimento: il 23 giugno torna il Festival in Aspromonte

Ente Parco. Rondoni e divertim…

È ormai diventata una ...

“In Cammino nel Parco”: domenica prima escursione a Zervò. Aperte le iscrizioni

“In Cammino nel Parco”: domeni…

Tra i piani di Zervò e...

Prev Next

Non facciamo questioni

  •   Bruno Salvatore Lucisano
Non facciamo questioni

di Bruno Salvatore Lucisano - Volendo ritornare a parlare di “questione” potremmo definirla una disputa, una diatriba, una controversia. La questione (eterna) meridionale potremmo definirla tutto questo, ma non solo. Perché la vera questione meridionale è stata ed è, un problema politico ma soprattutto un problema sociale. È stata la Liquichimica di Saline un problema politico. È oggi il porto di Gioia Tauro un problema politico. È l’aeroporto di Reggio Calabria un problema politico. È la Forestale un problema politico. E i problemi politici sono, e se non lo sono lo diventeranno, problemi sociali. E allora mi domando chi potrebbe insegnare la politica ai politici. Insegnargli la prima cosa essenziale che è quella che la politica si fa per gli altri non per se stessi.

Leggere le note politiche nei giorni delle candidature e vedere come viene fatto fuori un giovane di belle speranze in luogo di una vecchia cornacchia, fa venire i brividi e dimostra, qualora ce ne fosse bisogno, che le scelte non vengono fatte in funzione del popolo e delle capacità personali, ma in funzione e nell’interesse di se stessi, in funzione del potere.

E i giovani scappano via, non solo per trovare lavoro ma anche per studiare. Eppure i poli universitari d’avanguardia in Calabria non mancano e non mancano i professori e le menti. E allora chi dovrà scommettere sui giovani, sulle loro capacità, sul loro attaccamento alla Terra se non la politica. Chi deve creare opportunità, lavoro, speranze?

È possibile dopo un secolo e mezzo, parlare ancora di questione meridionale? E se è possibile, come lo è, di chi è la colpa?

È possibile che oggi delle vere e proprie capre possano risolvere quello che altri (A. Gramsci, L. Sturzo, G. Dorso ecc. ecc.) non sono riusciti a venirne a capo?

Ma in tutta onestà la classe dirigente dei partiti calabresi sapete di chi è composta?

Questi possono occuparsi della questione personale, propria e familiare, altro che di questione meridionale.

Questi non sanno manco cos’è il meridione. Dov’è!

Sanno solo a cosa gli serve…


  • fb iconLog in with Facebook