Menu
In Aspromonte
Sant’Alessio in Aspromonte (RC). Sabato 26 si terrà l'incontro: "La Calabria incontra il Kurdistan: storie di integrazione tra i popoli”

Sant’Alessio in Aspromonte (RC…

Si svolgerà sabato 26 ...

Escursioni. Domenica 27 maggio “Gente in Aspromonte” sarà sul Crinale di Afreni (San Luca)

Escursioni. Domenica 27 maggio…

Domenica 27 maggio Il...

Escursioni: Tra i vicoli di Scilla a Spasso nel Mito

Escursioni: Tra i vicoli di Sc…

Si è svolto domenica 1...

Ambiente. Vanzago, aquila salvata grazie al WWF

Ambiente. Vanzago, aquila salv…

Per difendere le speci...

Escursioni. Domenica 13 maggio “Gente in Aspromonte” andrà sui crinali tra Zervò e il Picco del Diavolo

Escursioni. Domenica 13 maggio…

Associazione escursion...

Venerdì 11 maggio a Canolo l’inaugurazione della prima fattoria didattica nel Parco dell’Aspromonte

Venerdì 11 maggio a Canolo l’i…

Nasce la prima Fattori...

Tutto pronto per il I° Slalom automobilistico “Città di San Roberto”: una bellissima domenica di sport lungo le strade dell’Aspromonte

Tutto pronto per il I° Slalom …

Cresce l’attesa, si co...

CaiReggio. Domenica 15 aprile 2018 escursione sul Monte Pinticudi

CaiReggio. Domenica 15 aprile …

Un escursione molto im...

Reggio. Mercoledì 4 aprile alla "botteguccia di PietraKappa" si parlerà della dimensione urbana della "Reggio medievale"

Reggio. Mercoledì 4 aprile all…

Qual era la dimensione...

Prev Next

L’era dei cornuti

  •   Redazione
L’era dei cornuti

L’era dei cornuti è come i rotoloni Regina: non finisce mai.

Da: “Il giorno della civetta”. «Vengo coi cornuti, ora. Uno scopre le tresche che gli fanno in casa, fa un macello: non è un cornuto nato. Ma se fa finta di niente, o con le corna si dà pace: e allora è nato cornuto».  Più avanti ancora: «Il popolo, il popolo cornuto era e cornuto resta: la differenza è che il fascismo appendeva una bandiera sola alle corna del popolo e la democrazia lascia che ognuno se le appenda da sé, del colore che gli piace, alle proprie corna…Siamo al discorso di prima: non ci sono soltanto certi uomini a nascere cornuti, ci sono anche popoli interi; cornuti dall’antichità, una generazione appresso all’altra…».  Scritto nel ’61…

Quello che stanno accettando in questi giorni gli italiani, ad opera di gente che nessuno ha votato. Gente che piano piano, nel silenzio e nell’accidia dei sindacati, nell’ozio dei disoccupati, nell’abulia degli affamati hanno creato un regime dove si fanno leggi a proprio piacimento; addirittura una legge elettorale senza alcuna discussione, con l’avallo delle maggiori cariche dello Stato, la maggior parte di loro eletti, e messi in quel posto, da gente che nessuno ha mai votato. Tutto questo significa che le parole di un romanzo scritto tantissimi anni fa, è ancora sentenza!

Ragazzi laureati col massimo dei voti, ai quali rinnovano il contratto tre mesi per volta, e lo possono fare per trentasei mesi (non più di sei volte, però…). Giovani laureati a 30 anni senza alcuna prospettiva di impiego. Disoccupazione al sud che sfiora il 40%. E gentaglia che dorme a casa con la fotografia di Renzi sul comodino. Calabresi che fanno la fila alle primarie per votare Rosy Bindi. Che la votano alle politiche  per poi, dopo eletta, possa chiamare i suoi elettori ndranghitisti! E muoversi nel colleggio dove è stata eletta solo e solo per parlare di ndranghita!

E sono cornuto anch’io, che sopporto inerme, tutto questo. Con il pensiero affranto, ma senza il coraggio d’impugnare un’arma e ammazzare quattro o cinque di questi cornuti nominati e sputare in faccia, ogni qual volta incontro qualcuno che li difende. Anche se chi li difende, ha tutto il diritto di farlo, perché sarà pure cornuto, ma cornuto… contento!

 


  • fb iconLog in with Facebook