Menu
In Aspromonte
Artigiani e produttori insieme al Parco dell’Aspromonte ad Artigiano in Fiera

Artigiani e produttori insieme…

Oltre un milione di vi...

Nel Parco dell’Aspromonte vive una delle querce più vecchie del mondo

Nel Parco dell’Aspromonte vive…

Una Quercia di oltre 5...

Ente Parco. Il Consiglio Direttivo ha approvato il bilancio previsionale per il 2020

Ente Parco. Il Consiglio Diret…

Il Consiglio Direttivo...

Domenica a Sant’Agata “immagini d’autunno” e il cortometraggio “Tibi e Tascia”

Domenica a Sant’Agata “immagin…

Nella stessa piazzetta...

Moleti in festa per piccini e grandi

Moleti in festa per piccini e …

Si è svolta domenica 4...

Torna il “Parkbus”, dal Museo in Aspromonte con le Guide Ufficiali del Parco

Torna il “Parkbus”, dal Museo …

Anche nella stagione e...

Parco dell’Aspromonte, il 21 luglio la Giornata dell’Amicizia con escursione “speciale”

Parco dell’Aspromonte, il 21 l…

Tutti insieme in cammi...

A Sant’Eufemia d’Aspromonte celebrata la sesta edizione della Giornata della Riconoscenza

A Sant’Eufemia d’Aspromonte ce…

«L’esempio quotidiano ...

Ente Parco. Rondoni e divertimento: il 23 giugno torna il Festival in Aspromonte

Ente Parco. Rondoni e divertim…

È ormai diventata una ...

“In Cammino nel Parco”: domenica prima escursione a Zervò. Aperte le iscrizioni

“In Cammino nel Parco”: domeni…

Tra i piani di Zervò e...

Prev Next

“Diritti Giustizia Lavoro – Mezzogiorno in Movimento”: «No alla generalizzata interdizione civile e politica»

  •   Redazione
“Diritti Giustizia Lavoro – Mezzogiorno  in Movimento”: «No alla generalizzata interdizione civile e politica»

«C'è la ndrangheta a Platì?

Si!

C'era la ndrangheta a Platì 40 anni fa?

Si!

Molto meno di oggi e molto più marginale.

Questo dato dimostra in maniera inequivocabile che l'intervento dello Stato è stato sbagliato e la decisione odierna di inviare la commissione d’accesso rischia di costituire la definitiva amputazione della democrazia.

Platì da qualche settimana si trova già amministrata da un commissario e la repentina attivazione dei presupposti per un nuovo scioglimento in assenza di amministrazione comunale rischia di assumere il sapore di una generalizzata interdizione civile e politica dei platiesi perché ndranghetisti, quantomeno “in odore”.

Una sorta di certificazione di preventiva inidoneità ad avere una amministrazione eletta.


Uno Stato senza e contro il popolo non può esistere e gli interventi dall'alto rappresentano oggettivamente un cuneo tra popolo e Stato.

Solidarietà a tutta la gente perbene di Platì!

E' doveroso assumere l'impegno affinché nessuna parte del nostro territorio venga considerato "zona di guerra” e soggetta alla occupazione permanente.

La democrazia non può essere calata dall’altro.

L'impegno antimafia può avere successo solo nella misura in cui diventa lotta di popolo per una società libera dalla mafia e dalle mafie.

Non possiamo lasciare soli “non un uomo, né un metro quadrato” in questa lotta per la Costituzione ed il riscatto della Calabria».

“Diritti Giustizia Lavoro – Mezzogiorno  in Movimento”


  • fb iconLog in with Facebook