Menu
In Aspromonte
Wwf Calabria. L’eterno problema cinghiale

Wwf Calabria. L’eterno problem…

Nonostante lo abbia fa...

Nota stampa di Maria Carmela Lanzetta in risposta al Presidente del Parco Aspromonte Bombino

Nota stampa di Maria Carmela L…

«La mia candidatura al...

Reggio. Sabato 17 febbraio il Segretario Generale del Partito Comunista, Marco Rizzo, presenta i candidati del territorio

Reggio. Sabato 17 febbraio il …

Riceviamo e pubblichia...

Nota stampa di Francesco Toscano, candidato capolista della Lista del Popolo nel collegio plurinominale Calabria 2

Nota stampa di Francesco Tosca…

Per liberare il sud da...

WWF al fianco dei Carabinieri forestali in Calabria

WWF al fianco dei Carabinieri …

"Apprendiamo in queste...

La nostra storia. Il tempo dei mascherati

La nostra storia. Il tempo dei…

A dispetto delle duris...

Brancaleone. Straordinario successo della giornata nazionale del dialetto organizzata dalla Pro - Loco

Brancaleone. Straordinario suc…

Straordinario successo...

Reggio. Sabato 13 gennaio si terrà la presentazione del Programma Escursionistico 2018 di “Gente in Aspromonte”

Reggio. Sabato 13 gennaio si t…

"Siamo pronti ai senti...

Bioshopper, WWF: necessario porre un argine all'invasione della plastica

Bioshopper, WWF: necessario po…

NEI MARI DEL PIANETA “...

Presepe Vivente: a San Roberto (RC) rivive la Betlemme di duemila anni fa

Presepe Vivente: a San Roberto…

Il Presepe Vivente com...

Prev Next

"Basta Vittime Sulla Statale 106": «Precisazioni alla replica dell’On. Nicola Morra del Movimento 5 Stelle

  •   Redazione
"Basta Vittime Sulla Statale 106": «Precisazioni alla replica dell’On. Nicola Morra del Movimento 5 Stelle

Comunicato stampa - «La replica dell’On. Nicola Morra del Movimento 5 Stelle, in riferimento al comunicato stampa della nostra Associazione che ribadiva – dimostrandolo con i fatti – il totale disinteresse e la contrarietà di questa forza politica alla realizzazione dell’ammodernamento della S.S.106 in  Calabria ci permette di precisare alcuni aspetti.

Uno di carattere costituzionale: prima dell’articolo 9 della nostra Costituzione sulla tutela del paesaggio ed il patrimonio storico e artistico della Nazione i nostri padri costituenti inserirono ben altri articoli di importanza più rilevante. Uno sul diritto al Lavoro e l’altro sul diritto alla Mobilità che i cittadini jonici non hanno ancora  garantito se è vero come è vero che sulla famigerata S.S.106 si registra da sempre un forte fenomeno di mortalità ed incidentalità stradale.

L’altro aspetto riguarda la verità: tutti sono consapevoli – tranne l’On. Morra ed i rappresentati politici del Movimento 5 Stelle che non vivono sui territori e che, quindi, non li conoscono – che l’iniziativa del 5 settembre a Villapiana è stata organizzata e, soprattutto, partecipata da cittadini e Associazioni dell’Alto Jonio Cosentino che presentano una particolarità: sono per lo più proprietari terrieri che difendono le loro proprietà spesso non rinunciando a comunicare informazioni non corrette se ciò può essere utile all’unica causa che perseguono che è appunto quella non far partire l’opera per preservare le loro proprietà da un esproprio sicuro.

Infine, l’ultimo aspetto, sul decadimento della politica di chi – come il Movimento 5 Stella – la rappresenta: è incredibile che l’On. Senatore Nicola Morra ritenga che sia necessario il raddoppio e che addirittura questo possa rappresentare un risparmio di 400 milioni di euro rispetto all’attuale tracciato previsto nel progetto definitivo senza prima chiedersi come mai i tre Ministeri coinvolti nel progetto (Ambiente, Beni Culturali e Infrastrutture), nonostante su diversi aspetti progettuali non si siano mai trovati d’accordo sono invece sempre stati, peraltro già dall’inizio,concordi ed unanimi nel bocciare, senza alcuna alternativa, l’ipotesi del raddoppio del tracciato esistente per semplici  ragioni evidenti di incremento di costo.

Naturalmente l’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” auspica e spera che il Movimento 5 Stelle e l’On. Morra possano cogliere l’occasione di documentarsi e di capire le ragioni complesse e giuste per cui si è giunti all’attuale progetto definitivo ma, soprattutto, confidiamo nella possibilità che essi possano ritornare al più presto ad interessarsi della difesa e la tutela dei diritti dei cittadini e, quindi, dell’interesse generale e non quello, particolare, solo di alcuni soggetti peraltro ormai noti ai cittadini, alla società ed al territorio dell’alto jonio (e non solo), per il loro seppur legittimo maldestro tentativo di occuparsi solo dei propri interessi».

Associazione "Basta Vittime Sulla Strada Statale 106"


  • fb iconLog in with Facebook