Menu
In Aspromonte
Nel Parco dell’Aspromonte vive una delle querce più vecchie del mondo

Nel Parco dell’Aspromonte vive…

Una Quercia di oltre 5...

Ente Parco. Il Consiglio Direttivo ha approvato il bilancio previsionale per il 2020

Ente Parco. Il Consiglio Diret…

Il Consiglio Direttivo...

Domenica a Sant’Agata “immagini d’autunno” e il cortometraggio “Tibi e Tascia”

Domenica a Sant’Agata “immagin…

Nella stessa piazzetta...

Moleti in festa per piccini e grandi

Moleti in festa per piccini e …

Si è svolta domenica 4...

Torna il “Parkbus”, dal Museo in Aspromonte con le Guide Ufficiali del Parco

Torna il “Parkbus”, dal Museo …

Anche nella stagione e...

Parco dell’Aspromonte, il 21 luglio la Giornata dell’Amicizia con escursione “speciale”

Parco dell’Aspromonte, il 21 l…

Tutti insieme in cammi...

A Sant’Eufemia d’Aspromonte celebrata la sesta edizione della Giornata della Riconoscenza

A Sant’Eufemia d’Aspromonte ce…

«L’esempio quotidiano ...

Ente Parco. Rondoni e divertimento: il 23 giugno torna il Festival in Aspromonte

Ente Parco. Rondoni e divertim…

È ormai diventata una ...

“In Cammino nel Parco”: domenica prima escursione a Zervò. Aperte le iscrizioni

“In Cammino nel Parco”: domeni…

Tra i piani di Zervò e...

Domenica 23, l’escursione di Gente in Aspromonte sulla cima dell’Aspromonte

Domenica 23, l’escursione di G…

Gente in Aspromonte in...

Prev Next

Il dia(vo)letto e il linguicidio

  •   Bruno Salvatore Lucisano
Il dia(vo)letto e il linguicidio

di Bruno Salvatore Lucisano - L’estinzione completa di una lingua avviene quando non rimane più alcuno che la parla e/o la scrive. L’estinzione linguistica riguarda tutte le lingue, inclusi i cosiddetti dialetti. Quando un dialetto non viene più parlato in casa, per strada, durante le attività sportive e quando non viene promosso dalle scuole, dalla politica, inesorabilmente muore. E non muore di morte naturale, come potrebbe sembrare (considerata l’estinzione di centinaia di lingue) ma muore per nostra colpa, esattamente come avviene per tutte, o quasi, le tradizioni.

Nel caso del dialetto si può quindi parlare, senza ombra di smentita, di linguicidio. Un termine, questo, che è sconosciuto anche al correttore automatico del pc, che me lo segna in rosso. Ma esiste eccome e, non è altro, che l’omicidio dei dialetti, dei vernacoli.

Prima c’era (e non c’è più) chi s’interessava alla divulgazione del dialetto attraverso la poesia popolare, il compianto professor Pasquino Crupi. Ora i poeti che hanno perso questa preziosa guida, per divulgare il dialetto, si sono riuniti in una Associazione. Insomma una sorta di cooperativa che aiuta, con i versi, a mantenere vivi dialetto e tradizioni.

E qui (anche qui), si consuma il linguicidio del nostro dialetto che invece di scriverlo in modo corretto, si è pensato di scriverlo come il dialetto veneto, e cioè troncando le parole con un susseguirsi di apostrofi e accenti che se solo qualcuno si azzarda ad avvicinarsi, abbandona subito la partita perché si accorge di avere davanti una lingua come il Cinese Mandarino o il Polacco.

Vorrei però che fosse chiaro, che il mio riferimento (critica) è solo al modo di scrivere il dialetto da parte della cooperativa dei poeti e non ai contenuti. Ci mancherebbe! Quindi mi aspetto che i colpi di fucile che arriveranno, siano indirizzati solo alla scrittura, e non altro…

Del resto, io non so scrivere l’italiano e quindi…

Buon dialetto e buona poesia a tutti. Intanto aiutatemi a scrivere i termini che seguono in dialetto:

Gujji (capre senza corna) – Gujji (acqua che bolle) – Gujji (aghi).

Grazie.


  • fb iconLog in with Facebook