Menu
In Aspromonte
CaiReggio. Sabato 27 aprile sarà presentato il libro di Francesco Bevilacqua “Le fantasticherie del camminatore errante”

CaiReggio. Sabato 27 aprile sa…

Sabato 27 aprile 2019 ...

Parco Aspromonte, presentato inedito “Carteggio” tra Corrado Alvaro e Vito Laterza

Parco Aspromonte, presentato i…

Bellezza e dramma. È q...

Wwf: «"Piano lupo", l'esclusione degli abbattimenti è un importante passo avanti»

Wwf: «"Piano lupo", …

Con l’esclusione degli...

Parco dell’Aspromonte. Mercoledì 20 Marzo si terrà la conferenza stampa di presentazione degli “Incontri di Natura”

Parco dell’Aspromonte. Mercole…

Mercoledì 20 Marzo all...

Ambiente. Lungo i fiumi del Pollino

Ambiente. Lungo i fiumi del Po…

Fiume Sinni Il Sinni,...

Alpinismo. Primavera sul Monte Everest: code, rifiuti e morte a pagamento

Alpinismo. Primavera sul Monte…

Lukas Furtenbach, noto...

Txikon e la sfida al K2: «Se domani il vento lo permette, proveremo ad attaccare ma è complicato»

Txikon e la sfida al K2: «Se d…

Aveva scelto di interr...

Alpinismo. Per Tom Ballard e Daniele Nardi

Alpinismo. Per Tom Ballard e D…

L’ultimo contatto con ...

Chiuso l’Everest dalla Cina: troppi turisti e rifiuti

Chiuso l’Everest dalla Cina: t…

(ANSA) - La Cina ha ch...

CaiReggio. Scialpinismo Etna Nord, escursione del 17 marzo

CaiReggio. Scialpinismo Etna N…

Fuori programma il gru...

Prev Next

Grillo. Né ndranghetisti né in nero. I ragazzi calabresi sono semplicemente andati

  •   Gioacchino Criaco
Grillo. Né ndranghetisti né in nero. I ragazzi calabresi sono semplicemente andati

di Gioacchino Criaco - Partiti. Infilati in bus il cui biglietto è ancora abbordabile, con appresso le valigie grandi, quelle che presagiscono il mancato ritorno. Viaggi lunghi, 16, 18 ore per assorbire l’abbandono. Grillo, dal palcoscenico su cui ha portato il suo spettacolo a Catanzaro, svela un dato che può sembrare paradossale, lo fa a modo suo: “se in Calabria c’è stato il minor numero di domande per il reddito di cittadinanza, i calabresi o sono ndranghetisti o lavorano in nero”. Nemmeno una domanda a Dinami, che è statisticamente il paese più povero d’Italia. Naturalmente è una battuta, quella dell’ideatore del Movimento Cinque Stelle. Dietro ci sta una verità drammatica, che solo noi calabresi conosciamo fino in fondo: i nostri ragazzi raggiungono l’età lavorativa e vanno via. Non abbiamo bisogno di indagini professionali per saperlo. Basta guardare dentro le nostre case: fra i figli, i nipoti, i figli degli amici, dei paesani. Tutti avevano un capolinea da raggiungere, l’appuntamento col destino di un bus. Così vanno via i nostri. Un po’ se li raccatta la mafia per macellarli a tempo debito e un po’ se li godono nugoli di imprenditori per alleggerire il lavoro ai migranti: la paga, anche se poca è solo un miraggio. Il grosso va via all’imbrunire, stretto in un gregge enorme che un pastore infaticabile spinge eternamente al Nord. E il reddito di cittadinanza non è da buttare: redistribuisce una ricchezza che appartiene a tutti, non è un regalo, e affranca da compari e amici a cui mendicare un favore che poi renderà schiavi, per cifre inferiori a quelle del reddito. È che poi servirebbe un sistema complessivo che costruisse opportunità al Sud. Lì sta il dramma. Al Sud servirebbe un piano di investimenti straordinario, da Marshall, che la Cassa per il Mezzogiorno in sé non era una cattiva idea, solo che i soldi non dovrebbero finire più in mani volpine. Magari, provvisoriamente si potrebbe insediare in loco un ministero per lo sviluppo del mezzogiorno col meglio delle intelligenze sudicie e delle sue onestà. Certo, di cose se ne possono ancora fare se c’è la voglia. Per ora i ragazzi abbassano la testa e vanno via, non ce ne stanno più nelle nostre rughe, il reddito è arrivato dopo che è passato il bus. E i nostri non sono né ndranghetisti né lavoratori in nero. Stanno, già, semplicemente altrove.  


  • fb iconLog in with Facebook