Menu
Corriere Locride
Metrocity, a Palazzo Alvaro la prima riunione dell’Ufficio del Garante Infanzia

Metrocity, a Palazzo Alvaro la…

Si è tenuta mercoledì ...

Lettera aperta di Nuccio Azzarà al commissario dell'azienda ospedaliera del G.o.m. avv. Vittorio Prejanò

Lettera aperta di Nuccio Azzar…

Riceviamo e pubblichia...

Siderno: le associazioni del borgo si mobilitano

Siderno: le associazioni del b…

«Massimo impegno dei C...

Furfaro e Zavettieri: «quali strategie per combattere la 'ndrangheta?!»

Furfaro e Zavettieri: «quali s…

«Da amministratori pub...

Sindacato in lutto si è spento a 67 anni Domenico Serranò: «Grande dirigente ma soprattutto grande Amico»

Sindacato in lutto si è spento…

«La Cisl Funzione Pubb...

Roccella. Domenica 17 febbraio si terrà un evento internazionale sul tema delle migrazioni e della solidarietà tra popoli

Roccella. Domenica 17 febbraio…

“Per un Mediterraneo d...

Regione Calabria. Operativi i tirocini per l'inserimento lavorativo di persone in condizioni di fragilità

Regione Calabria. Operativi i …

Adottato un altro prov...

Agricoltura: primo voto chiave del Parlamento UE sulla PAC

Agricoltura: primo voto chiave…

La Commissione per l’A...

Al Teatro Città di Locri il 16 febbraio in scena “La Malafesta” con Rino Marino e Fabrizio Ferracane

Al Teatro Città di Locri il 16…

«Una pièce di grande s...

“Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”. Il Direttivo dell’Associazione esprime apprezzamento per le dichiarazioni del Ministro per il Sud

“Basta Vittime Sulla Strada St…

«Nuova S.S.106: aspett...

Prev Next

Bova Marina. Oggi pomeriggio, sabato 9 febbraio, sarà presentata la Strenna 2019 del Rettor Maggiore dei Salesiani, don Ángel Fernández Artime

Verrà presentata oggi pomeriggio, sabato 9 febbraio alle ore 18.30 presso il CineTeatro “Don Bosco” di Bova Marina, la Strenna 2019 del Rettor Maggiore dei Salesiani, don Ángel Fernández Artime. Relatore sarà don Natalino Carandente - sacerdote e parroco che ha guidato la comunità salesiana di Bova Marina per ben 19 anni - e, tale evento concluderà i festeggiamenti in onore di San Giovanni Bosco.

“Strenna” significa dono e la storia della “Strenna” è infatti la storia di un dono, un regalo destinato a tutto il mondo salesiano. La tradizione vuole infatti che alla fine dell’anno il Rettor Maggiore, colui che raccoglie l’eredità carismatica di Don Bosco nel prendersi cura della Famiglia Salesiana, presenti un particolare tema invitando tutti a convergere sulla medesima riflessione. La Strenna è dunque il regalo che un padre dona a tutti i gruppi della sua Famiglia, aiutandoli ad avere lo stesso sguardo nelle molteplici iniziative con cui i Salesiani si impegnano in ogni parte del mondo. È il cuore carismatico dal quale si irradiano tutte le attività organizzate secondo le specifiche sensibilità dei gruppi di tutta la Famiglia Salesiana. 

Il titolo che accompagnerà il cammino per quest'anno è: «‘Perché la mia gioia sia in voi’ (Gv 15,11). LA SANTITÀ ANCHE PER TE».

“La santità è una cosa vicina, reale, concreta, possibile… Non è un ‘di più’ facoltativo, un traguardo solo per alcuni. È la vita piena, secondo il progetto e il dono di Dio” scrive Don Ángel nella presentazione della Strenna. “L’importante è essere santi, non essere dichiarati tali – enfatizza il Rettor Maggiore –. I santi canonizzati rappresentano la facciata di una chiesa; ma la chiesa contiene molti preziosi tesori al suo interno che, tuttavia, rimangono.

Questi alcuni degli aspetti che verranno approfonditi sotto la giuda sagace ed esperta di don Natalino. Un’occasione per riflettere su un tema così affascinante ma altrettanto complesso.

Una magnifica opportunità "per essere in sintonia con l’appello che il Santo Padre rivolge nell’Esortazione Apostolica Gaudete et exsultate, che ha molto a che fare con il nostro carisma salesiano. Don Bosco è stato un grande maestro in tal senso, con la capacità di ispirare e di accompagnare i suoi ragazzi sui sentieri della santità quotidiana”.

Leggi tutto

Giornata della memoria. A Condofuri protagonisti i ragazzi delle scuole

"Shoa, viaggio nella memoria. Amministrazione comunale di Condofuri e Istituti scolastici del territorio promuovono una giornata con al centro i ragazzi delle scuole." 
"Shoa, viaggio nella memoria, il dovere di ricordare, riflessioni da scolpire nei cuori". È stato questo il titolo della manifestazione, promossa ed organizzata qualche giorno addietro dall'amministrazione comunale di Condofuri in collaborazione con l'Istituto Comprensivo Bova Marina-Condofuri e con gli Istituti di Istruzione Superiore Euclide di Bova Marina e Panella-Vallauri. L'incontro coordinato dall'Assessore all'inclusione sociale del comune di Condofuri, Carolina Valentina Nucera, ha voluto rappresentare un momento di ricordo ma soprattutto di sensibilizzazione verso i più piccoli, rispetto ai drammatici temi dell'Olocausto. "La giornata - spiega proprio l'assessore Nucera - si è rivelata particolarmente toccante, mettendo in luce il talento dei bambini e dei ragazzi delle scuole che hanno saputo cogliere il senso più intimo del messaggio della memoria, traducendolo in suoni, parole ed immagini, dando fondo e concretezza ad un auspicio che come amministrazione comunale ma anche come semplici cittadini ribadiamo ogni anno con forza, quello che si possa sviluppare sempre maggiore il senso critico utile ad allontanare il pericoloso sentimento dell'indifferenza, cogliendo nello stesso tempo il valore di ogni diversità. Il nostro ringraziamento - prosegue Carolina Nucera - va dunque ai ragazzi, alle loro famiglie, e naturalmente alle dirigenti scolastiche ed al corpo docente, da sempre attento alla crescita civile e culturale di alunni e studenti. Un particolare grazie va naturalmente anche a quanti con il loro intervento hanno contribuito ad arricchire la giornata di contenuti. Alla parte politica, a Tommaso Iaria, Santo Casile e Walter Scerbo rispettivamente sindaci di Condofurti, Bova e Palizzi, e poi ancora a Maria Pontari mia collega di giunta delegata alla pubblica istruzione. Grazie ad Irene Mafrici dirigente dell'Istituto Comprensivo Bova Marina-Condofuri ed a Giusy Ciarmoli e Mariella Napoli in rappresentanza degli Isdtituti Panellas-Vallauri ed Euclide. In ultimo, cronologicamente parlando, un ringraziamento va a Gianfranco Marino, giornalista e blogger che ha richiamato l'attenzione sul valore della comunicazione di massa in un frangente storico profondamente delicato. Chiudiamo dunque con un bilancio estremamente positivo - conclude l'assessore Nucera – per un'iniziativa che va certamente oltre il semplice valore celebrativo, segnando un importante momento di crescita per le nostre comunità che proprio attraverso il ricordo e la condivisione hanno l'obbligo morale di costruire il proprio futuro all'insegna della tolleranza e della negazione di qualsivoglia diversità".
Leggi tutto

Bova Marina. “Science with innovation” e “Flipped classroom”: Realizzati all’Istituto Euclide due nuovi progetti di innovazione tecnologica

  • Published in Scuola

“SCIENCE WITH INNOVATION” e “FLIPPED CLASSROOM”, questi gli ultimi due progetti importanti progetti realizzati dall’Istituto di Istruzione Superiore Euclide di Bova Marina. A darne notizia è la dirigente dell’Istituto, Carmen Lucisano. “Nello specifico - spiega la dirigente - si tratta di due importanti progetti finanziati nell’ambito del POR FESR CALABRIA 2017.10.8.1.037. Il primo progetto, “SCIENCE WITH INNOVATION” ha come obiettivo primario l’incentivazione all'utilizzo di tecnologie e strumentazione innovative che supportino la partecipazione degli alunni alle attività didattiche. Lo scopo è trasformare il processo di apprendimento in una esperienza di “condivisione” e 'collaborazione'. In questa ottica abbiamo previsto l'utilizzo di tecnologie multimediali e di strumenti idonei a trasformare gli spazi scolastici in laboratori attivi di ricerca tramite strutture flessibili mediante l’uso delle nuove tecnologie della comunicazione e mediante l’applicazione di metodologie innovative basate sul dialogo e sulla collaborazione tra insegnanti e studenti. Il nostro Istituto – prosegue la Lucisano - ha deciso di introdurre e di incrementare la presenza di tali tecnologie, così da migliorare la qualità del processo di apprendimento e degli ambienti ad esso adibiti. L’aula diventa quindi uno spazio di apprendimento vivo, costantemente aggiornato ed in evoluzione, con accesso rapido e semplice a contenuti digitali, a piattaforme di formazione e risorse in Cloud, permettendo esperienze multisensoriali e multidisciplinari”. Per quanto riguarda invece il “FLIPPED CLASSROOM” abbiamo puntato all’acquisizione di strumentazione didattica interattiva al fine di realizzare nuove esperienze di tipo collaborativo e partecipativo che possano essere fruite anche al di fuori delle mura dell’istituto. Tramite la piattaforma web - continua la dirigente - sarà possibile inserire, utilizzare e condividere contenuti, tematiche e progettualità. La piattaforma in Cloud è una piattaforma autoevolutiva di tipo partecipativo che punta alla creazione di una rete attiva tra studenti ed insegnanti sia all’interno che all’esterno dell’Istituto. Gli studenti e gli insegnanti saranno così in grado di accedere ai contenuti tramite una piattaforma in cloud e di interagire e collaborare anche al di fuori degli ambienti e degli spazi scolastici. La dotazione strumentale infine consente il pieno utilizzo delle funzionalità della piattaforma software. Gli strumenti utilizzati (Kit Lim - touch panel-totem interattivo - Tablet con armadi di ricarica - arredo di tipo modulare e collaborativo) sono mirati ad aumentare la collaboratività e l’interattività. 

Leggi tutto
Subscribe to this RSS feed