Menu
In Aspromonte
Artigiani e produttori insieme al Parco dell’Aspromonte ad Artigiano in Fiera

Artigiani e produttori insieme…

Oltre un milione di vi...

Nel Parco dell’Aspromonte vive una delle querce più vecchie del mondo

Nel Parco dell’Aspromonte vive…

Una Quercia di oltre 5...

Ente Parco. Il Consiglio Direttivo ha approvato il bilancio previsionale per il 2020

Ente Parco. Il Consiglio Diret…

Il Consiglio Direttivo...

Domenica a Sant’Agata “immagini d’autunno” e il cortometraggio “Tibi e Tascia”

Domenica a Sant’Agata “immagin…

Nella stessa piazzetta...

Moleti in festa per piccini e grandi

Moleti in festa per piccini e …

Si è svolta domenica 4...

Torna il “Parkbus”, dal Museo in Aspromonte con le Guide Ufficiali del Parco

Torna il “Parkbus”, dal Museo …

Anche nella stagione e...

Parco dell’Aspromonte, il 21 luglio la Giornata dell’Amicizia con escursione “speciale”

Parco dell’Aspromonte, il 21 l…

Tutti insieme in cammi...

A Sant’Eufemia d’Aspromonte celebrata la sesta edizione della Giornata della Riconoscenza

A Sant’Eufemia d’Aspromonte ce…

«L’esempio quotidiano ...

Ente Parco. Rondoni e divertimento: il 23 giugno torna il Festival in Aspromonte

Ente Parco. Rondoni e divertim…

È ormai diventata una ...

“In Cammino nel Parco”: domenica prima escursione a Zervò. Aperte le iscrizioni

“In Cammino nel Parco”: domeni…

Tra i piani di Zervò e...

Prev Next

Ente Parco. Avvio al monitoraggio dell'Avifauna Migratoria

  •   Redazione
Ente Parco. Avvio al monitoraggio dell'Avifauna Migratoria

Anche quest’anno il Parco Nazionale dell’Aspromonte ha avviato le attività di monitoraggio della migrazione post-riproduttiva dei rapaci tra Italia e Africa, nell’ambito dell’azione di sistema “Rete euromediterranea per il monitoraggio, la conservazione e la fruizione dell’avifauna migratoria e dei luoghi essenziali alla migrazione” effettuata in collaborazione con altri Parchi Nazionali.

Fino al 9 ottobre, con 100 giornate di osservazione su tre postazioni differenti, la migrazione dell’avifauna verrà monitorata sotto il coordinamento del responsabile servizio Biodiversità dell’Ente Parco Antonino Siclari e della dott.ssa Sabrina Santagati, a cui ci si può rivolgere per avere tutte le informazioni necessarie, anche ai fini di una partecipazione volontaria come “Osservatore” in una delle stazioni attive, in affiancamento agli esperti già presenti..

L’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte, al fine di veicolare i risultati dell’attività posta in essere ed “accorciando” le distanze con gli appassionati e gli stakeholder, offrirà quotidianamente i dati del monitoraggio sul sito internet ufficiale. Lo scorso anno sono stati più di 30 mila, tra rapaci e cicogne, gli “individui” censiti.

Per ogni informazione e per partecipare al monitoraggio da volontari è possibile inviare email all’indirizzo:info.posta[at]parcoaspromonte.gov.it.


  • fb iconLog in with Facebook