Menu
Corriere Locride
Villa San Giovanni. Grande soddisfazione della FP CGIL e della CISL FP per la stabilizzazione di tutto il personale ex LSU LPU al comune

Villa San Giovanni. Grande sod…

«Il Segretario General...

Il docufilm “Terra Mia” di Ambrogio Crespi vince al Festival Internazionale del Cinema di Salerno

Il docufilm “Terra Mia” di Amb…

TERRA MIA non è un pa...

Diocesi di Locri-Gerace: « Monsignor Cornelio Femia è tornato alla Casa del Padre»

Diocesi di Locri-Gerace: « Mon…

Questa sera, all’età d...

Nota stampa del Partito Comunista calabrese sulla Sanità regionale

Nota stampa del Partito Comuni…

«Stamane, una delegazi...

Bovalino. Nota stampa del Capogruppo Gruppo consiliare di “Nuova Calabria” sull'emergenza rifiuti

Bovalino. Nota stampa del Capo…

«L’emergenza rifiuti d...

Discarica Comunia, Tansi vs Verduci: “Il vero allarme è sottacere i problemi ai cittadini”

Discarica Comunia, Tansi vs Ve…

«Il geologo replica al...

"Riace che incontra il mare". Martedì 19 all'hotel Federica di Riace Marina la prima presentazione del romanzo di Giuseppe Gervasi

"Riace che incontra il ma…

Inizia martedì 19 nove...

Elezioni Regionali. Santo Biondo (Uil Calabria): «Siamo disponibili al confronto costruttivo con chi ne abbia la volontà»

Elezioni Regionali. Santo Bion…

«Che i bisogni della C...

Bovalino. "Emergenza rifiuti": Avviso del Sindaco  Avv. Vincenzo Maesano

Bovalino. "Emergenza rifi…

C O M U N E  ...

Nasce "il Sipario", la nuova rivista calabrese diretta da Vincenzo Varone

Nasce "il Sipario", …

il SIPARIO Periodico ...

Prev Next

Reggio. Venerdì 14 e sabato 15 si terrà il 2° Congresso Regionale AICPR (Associazione Italiana di Cardiologia Clinica, Preventiva e Riabilitativa)

L’unità Operativa di Riabilitazione Cardiologica dell’Ospedale Generale di Melito Porto Salvo ha organizzato il 2° Congresso Regionale AICPR (Associazione Italiana di Cardiologia Clinica, Preventiva e Riabilitativa) “Incontro di Riabilitazione Cardiologica e Prevenzione delle Malattie Cardiovascolari” che si svolgerà presso il Grand Hotel Excelsior di Reggio Calabria nei giorni di venerdì 14 giugno ore 14,00-18,45 e sabato 15 giugno ore 8,30-18,15.

Il convegno  ha ottenuto il patrocinio della Regione Calabria, Azienda Sanitaria Provinciale di Reggio Calabria, Amministrazione Comunale di Reggio Calabria, Ordine dei Medici della Provincia di Reggio Calabria e dell’Istituto Nazionale Infortuni sul Lavoro.

La cardiologia riabilitativa e preventiva è uno strumento organizzativo strutturato che garantisce la continuità assistenziale dalla fase acuta a quella di stabilità/cronicità di forme diverse di cardiopatia e costituisce di fatto un ponte tra ospedale per acuti e medico di medicina generale.

E’ consolidato che le malattie cardiovascolari sono la causa principale di morte in tutti i paesi del mondo occidentale, inclusa l’Italia, ma anche la causa più frequente di disabilità (con conseguente perdita di produttività in una popolazione spesso ancora in età lavorativa) che assorbono cospicue risorse al sistema sanitario nazionale (ospedalizzazioni, spesa farmaceutica,  prestazioni ambulatoriali).

L’intervento multidisciplinare che la cardiologia riabilitativa offre, rappresenta il modello più efficace di prevenzione secondaria con riduzione sia del tasso di mortalità successiva ad un evento acuto  che della disabilità, migliorando la qualità della vita.

Il congresso Regionale AICPR sezione Calabria anche in questa seconda edizione affronterà diverse tematiche clinico-scientifiche e organizzativo-gestionali. Articolato in più sessioni spazierà dalla prevenzione cardiovascolare secondaria alla riabilitazione post interventi di cardiochirurgia di diverso tipo. Si tratteranno anche tematiche legate alla complessità di gestione della comorbilità e del compenso cardiometabolico e dei nuovi trattamenti farmacologici.

La parte ultima del convegno tratterà il tema sulla sicurezza delle cure e sulla responsabilità professionale ad un anno di applicazione della L. 24/2017.         

Presidente del Congresso è la dr.ssa Bruna Miserrafiti, Responsabile dell’U.O. di Riabilitazione Cardiologica dell’Ospedale di Melito Porto Salvo e delegata regionale AICPR Calabria.

L’evento è stato accreditato con n. 13 crediti formativi per le figure professionali che operano nelle seguenti branche specialistiche: Anestesia e Rianimazione, Cardiologia, Cardiochirurgia, Chirurgia Generale, Chirurgia Vascolare, Fisiatria, Geriatria, Igiene e Medicina Preventiva, Malattia Metaboliche e Diabetologia, Medicina dello Sport, Medicina d’Urgenza, Medicina Generale, Medicina Interna, Radiologia.

Possono partecipare ed ottenere crediti formativi anche le seguenti figure professionali: Infermieri, Fisioterapisti, Dietisti, Psicologi, Biologi, Farmacisti.

I lavori si svilupperanno come da programma allegato.

Reggio Calabria 12 giugno 2019                                                                              

Leggi tutto

Pentedattilo. Svolta la prima tappa del progetto #camminamelito

Domenica 26 maggio 2019 si è conclusa a Pentedattilo l’escursione “L’anello di Pentedattilo, circumcamminando la roccia delle cinque dita”, la prima delle quattro tappe del progetto “I Sentieri di Caposud – #CamminaMelito”, che vede coinvolta Kalabria Experience e l’Associazione Culturale Kronos Arte in collaborazione con l’arch. Santina Marateia, uniti e guidati da una matrice comune che è quella della conoscenza e valorizzazione del territorio melitese.

La mattinata è iniziata con la visita alla chiesetta della Candelora sita ai piedi del Borgo di Pentedattilo illustrata dalla guida del luogo, gli escursionisti si sono poi messi in cammino lungo il sentiero che circumnaviga il monte Calvario tra suggestive vedute e scorci davvero unici nel suo genere.

“È stato una prima tappa davvero significativa” - ha dichiarato Carmine Verduci promotore del progetto Kalabria Experience i- “noi abbiamo colto con grande entusiasmo l’occasione di collaborare al progetto #CamminaMelito perché è un segnale di forte apertura al territorio, ed il nostro intento è stato sempre quello di collaborare con ogni realtà associazionistica del territorio, dando un segnale forte al territorio che deve proiettarsi verso la direzione della rete culturale tra associazioni ed organizzazioni territoriali”

“Nell’affrontare le tematiche relative alla valorizzazione del territorio” - spiega l’architetto Santina Marateia – “non dobbiamo considerare quest’ultimo soltanto come un contenitore di beni e risorse culturali, ma nell’accezione più ampia di luogo e spazio fisico in cui si sono manifestate e strutturate le varie stratificazioni antropiche che hanno contribuito in maniera più o meno marcata a definire quell’immagine identitaria che noi tutti percepiamo. Il territorio è il frutto dell’azione combinata di più fattori antropici e naturali che insieme lo hanno plasmato e modellato, è il luogo degli insediamenti umani conformatisi nel corso dei secoli si sono adattati alla morfologia del sito e hanno instaurato con esso un forte condizionamento ambientale. Il territorio è storia, è il frutto di una sedimentata ed ereditata evoluzione territoriale e antropica, uno scrigno che contiene frammenti sacri in grado di trasmetterci la memoria storica dei fatti e della vita passata, in quanto somma di componenti significativi che hanno fatto la nostra storia. Appare quindi chiaro, alla luce di tutto ciò, che la tutela e la salvaguardia di questo patrimonio culturale e naturale può avvenire solo e solo se si conosce a fondo lo spazio fisico in cui si opera. Non si può pensare di tutelare qualcosa che si disconosce. Lo scopo di #Cammina Melito è proprio questo, quello di interagire con il proprio territorio, attraverso il cammino, da sempre uno strumento di conoscenza, alla scoperta di luoghi che ci appartengono, che fanno da sfondo al nostro vivere quotidiano e che ancor di più hanno fatto la nostra storia”.

Continua ancora l’artista Maria Carmela Romeo, vicepresidente di Kronos Arte: “C’è qualcosa di nuovo che sta muovendo gli animi dei giovani calabresi: “la consapevolezza della bellezza dei nostri luoghi”, nata da questo continuo camminare e scoprire radici che oggi diventano più robuste e tangibili. Sul territorio melitese verranno attivati nuovi percorsi escursionistici che ricalcheranno sentieri antichi rimasti anonimi troppo a lungo. Prima tappa Pentedattilo, punta all’occhiello del territorio melitese uno dei borghi più pittoreschi e misteriosi dell’intera Calabria. Il fascino di questo luogo catturò l’attenzione di famosi artisti stranieri, come il viaggiatore inglese Edward Lear incantato dalle “meravigliose rocce scoscese di Pentedattilo”. Quest’ultimo, nella metà dell’Ottocento, insieme al suo compagno John Proby, una guida locale e un asino, percorsero a piedi gli angoli più belli dell’area grecanica, immortalandone grazie e bellezze attraverso acquerelli e disegni, così come il litografo olandese Maurits Cornelis Escher che dai numerosi disegni realizzati su Pentedattilo trasse quattro splendide incisioni. Sull’esempio di questi grandi personaggi si muovono i passi della nostra associazione e siamo conviti che la bellezza deve essere assorbita per poter essere restituita al mondo che verrà. Creiamo insieme una nuova visione”.  

L’itinerario effettuato, è un classico ma pur sempre attualissimo percorso che perimetra il SIC e il geosito di Pentedattilo, in cui si ha avuto modo di godere della bellezza della rocca dalle cinque dita da angolazioni e punti di vista inusuali, cogliendone i diversi aspetti geomorfologici e naturalistici, nonché il paesaggio circostante dominato dalle Rocche di Prastarà e l’Etna lungo lo stretto di Messina, la rocca di Santa Lena, di Smiroddu e la Rocca Smeraldo, un unicum di monumenti naturali di grande bellezza. Suggestiva è stata la visita al borgo e ai suoi monumenti, alle chiese e ai resti del castello, respirando e immergendosi lungo il cammino nella storia di questo caratteristico insediamento calabrese.

Leggi tutto

Melito. Interruzione del servizio di soccorso con Ambulanza, Il movimento Politico “una città da cambiare” lancia l’allarme

Dopo la beffa di qualche anno addietro della “benedizione” in pompa magna e foto di rito della maggioranza consiliare melitese per la nuova ambulanza, annunciata come secondo mezzo di soccorso in dotazione al 118 dell’area grecanica, ma rivelatasi di fatto una mera sostituzione con la precedente letteralmente giunta "al capolinea" perché troppo usurata, la cittadina melitese e tutto il comprensorio Jonico reggino rischiano di ritrovarsi sprovvisti di un servizio pubblico essenziale: anche l’unico mezzo di soccorso a presidio della salute dei cittadini del distretto jonico rischia di fermarsi ai box.

Stavolta sarebbe l'ormai atavica carenza di organico a determinare l’interruzione di un servizio così fondamentale. Al momento Melito ha una dotazione di soli 3 autisti, appena sufficienti a garantire la regolare turnazione, se non grazie al loro spirito di sacrificio, non avendo spesso nemmeno la possibilità di usufruire regolarmente delle sacrosante ferie al fine garantire la continuità del servizio.

Come appreso da fonti interne, presto verranno anche negati gli straordinari per il raggiungimento delle soglie contrattuali previste e l’organico, già "ridotto all'osso", subirà inoltre ulteriori riduzioni a causa di prossimi pensionamenti. 

Data la drammaticità e l'urgenza della situazione, a tutela del fondamentale diritto alla salute di tutti gli abitanti, appare urgente ed improcrastinabile il reclutamento di nuovo  personale. 

Per questo motivo ci rivolgiamo alla triade commissariale dell'ASP di RC ed al direttore del Dipartimento Emergenza Urgenza, il Dr. Domenico Forte, affinché si intervenga tempestivamente per non vedere negato anche il diritto ad essere soccorsi in situazioni di emergenza.

Leggi tutto
Subscribe to this RSS feed