Menu
Corriere Locride
Villa San Giovanni. Grande soddisfazione della FP CGIL e della CISL FP per la stabilizzazione di tutto il personale ex LSU LPU al comune

Villa San Giovanni. Grande sod…

«Il Segretario General...

Il docufilm “Terra Mia” di Ambrogio Crespi vince al Festival Internazionale del Cinema di Salerno

Il docufilm “Terra Mia” di Amb…

TERRA MIA non è un pa...

Diocesi di Locri-Gerace: « Monsignor Cornelio Femia è tornato alla Casa del Padre»

Diocesi di Locri-Gerace: « Mon…

Questa sera, all’età d...

Nota stampa del Partito Comunista calabrese sulla Sanità regionale

Nota stampa del Partito Comuni…

«Stamane, una delegazi...

Bovalino. Nota stampa del Capogruppo Gruppo consiliare di “Nuova Calabria” sull'emergenza rifiuti

Bovalino. Nota stampa del Capo…

«L’emergenza rifiuti d...

Discarica Comunia, Tansi vs Verduci: “Il vero allarme è sottacere i problemi ai cittadini”

Discarica Comunia, Tansi vs Ve…

«Il geologo replica al...

"Riace che incontra il mare". Martedì 19 all'hotel Federica di Riace Marina la prima presentazione del romanzo di Giuseppe Gervasi

"Riace che incontra il ma…

Inizia martedì 19 nove...

Elezioni Regionali. Santo Biondo (Uil Calabria): «Siamo disponibili al confronto costruttivo con chi ne abbia la volontà»

Elezioni Regionali. Santo Bion…

«Che i bisogni della C...

Bovalino. "Emergenza rifiuti": Avviso del Sindaco  Avv. Vincenzo Maesano

Bovalino. "Emergenza rifi…

C O M U N E  ...

Nasce "il Sipario", la nuova rivista calabrese diretta da Vincenzo Varone

Nasce "il Sipario", …

il SIPARIO Periodico ...

Prev Next

Violenza di genere. In archivio all’Euclide di Bova Marina il primo di cinque appuntamenti promossi dalla Questura di Reggio Calabria

Va in archivio con successo il primo dei cinque appuntamenti promossi dalla Questura di Reggio Calabria e rivolti ai ragazzi delle scuole sul tema della legalità. L’incontro rientra nell’ambito del progetto più ampio denominato “A-ndrangheta: progettiamo una città senza crimine” intrapreso dall’istituto insieme ad altre scuole della provincia di Reggio Calabria sotto il patrocinio della Polizia di Stato.  Prima tematica in ordine di tempo, quella trattata nel corso di un incontro tenuto nei locali della nostra aula magna, è stata la violenza di genere, incontro che, dopo i saluti di Carmen Lucisano dirigente dell’Istituto, ha visto intervenire nell’ordine, Francesco Meduri, Dirigente del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Condofuri, Mario Nasone presidente dell’osservatorio regionale sulla violenza di genere, Carmen Nucera, Vicepresidente della cooperativa “Sole insieme” e Stefania Gurnari, Referente dell'Associazione Centro Comunitario “Agape". Presenti anche le docenti Viviana Demetrio e Mariella Napoli, referenti dell’Istituto per il progetto. Video, interventi ed intermezzi musicali a cura dei ragazzi hanno scandito una giornata all’insegna dei valori civili e della crescita. “Si tratta di un percorso - spiega proprio Carmen Lucisano - attraverso cui la Questura di Reggio Calabria intende affiancare le scuole nel delicato compito di sensibilizzare le nuove generazioni rispetto a temi assai delicati e certamente di strettissima attualità. Crediamo molto nella sinergia tra i vari presidi territoriali dello Stato, quali possono essere, come in questo caso, la Questura e la Scuola, una sinergia - conclude la preside - attraverso cui offriamo ai nostri ragazzi un’importante opportunità di riflessione e di crescita, che rispetto a questo specifico percorso, proseguirà nel corso dell’anno scolastico con altri quattro incontri tematici programmati con cadenza mensile”.  

Leggi tutto

Al via dal prossimo mese di novembre all’Euclide di Bova Marina il percorso alla scoperta degli autori calabresi del 900

  • Published in Scuola

Prenderà ufficialmente il via dal prossimo mese di novembre il nuovo percorso riservato alla classi terze, quarte e quinte del liceo scientifico, rivolto alla lettura, allo studio ed all’approfondimento di alcuni tra i più importanti autori calabresi del 900. In verità si tratta di un percorso triennale che vedrà prendere in esame un autore per ogni anno, partendo da Saverio Strati, passando per Mario La Cava per finire con Corrado Alvaro. Per capirne di più, in attesa dell’ufficialità delle date e della presentazione dei contenuti didattici del percorso abbiamo raggiunto il nostro Dirigente. “Nell’immaginare questo percorso didattico - ci dice Carmen Lucisano - di concerto col nostro dipartimento di lettere, nel partorire questa offerta triennale rivolta alle classi terze, quarte e quinte del Liceo Scientifico, abbiamo pensato alla valenza ed alla forza intrinseca dello sconfinato panorama letterario calabrese. Lo abbiamo fatto partendo dall’anima più profonda di una terra assai sofferta, marginale, dolorosa e ricca di contenuti, di sentimenti, di passioni che proprio nella letteratura hanno trovato e continuano a trovare il loro momento più alto e nobile. L’idea di un percorso dedicato ai ragazzi, volto alla riscoperta di alcuni tra i più importanti poeti calabresi del 900, nasce da una riflessione profonda, cui ogni Istituzione scolastica, siamo certi, non dovrebbe e non potrebbe sottrarsi, nasce altresì dalla necessità di fare riscoprire, partendo proprio dalla letteratura, l’anima profonda di una regione che ci piace immaginare come un treno in corsa, una corsa partita da lontano. Ecco - prosegue Carmen Lucisano - abbiamo ritenuto imprescindibile ripartire da quella stazione, la da dove tutto è partito nel secolo scorso, quando le locomotive erano alimentate dal carbone, quando dai binari che correvano su quella costa ancora incontaminata si poteva osservare un entroterra ancora teatro del tutto. In quell’entroterra, ma certamente anche altrove troviamo scrittori che non sono solo narratori, ma anche e talvolta soprattutto, giornalisti e saggisti. In Calabria troviamo reportage, inchieste, dossier che come le analoghe esperienze di Danilo Dolci in Sicilia e Rocco Scotellaro in Lucania, non sempre hanno pretese letterarie fine a se stesse, ma sono direttamente funzionali alla denuncia. I narratori calabresi sono caratterizzati da alcune scelte di fondo, che li contraddistinguono nel filone “meridionalista” del neorealismo novecentesco. Nell’approcciarci  al panorama letterario calabrese del 900, abbiamo inteso dare la stura ad un percorso che partendo da tre nomi importanti della letteratura di casa nostra in generale e locridèa in particolare, potesse negli anni a venire estendersi fino a completare un percorso costellato di nomi, di volti, di opere importanti che hanno contribuito a consegnarci un quadro di insieme della Calabria di ieri e di oggi. Abbiamo immaginato un tragitto articolato che potesse e siamo certi potrà costituire un ideale filo di congiunzione tra il passato, il presente ed il futuro di una terra di cui nei secoli, autori, intellettuali, filosofi e poeti, hanno saputo trasporre l’essenza più intima. Il percorso individuato, partirà quest’anno dalle classi terze prendendo in esame la figura di Saverio Strati. Sarà l’autore santagatese ad inaugurare infatti un trittico di nomi che proseguirà nel solco della letteratura della locride, con Mario La Cava, nell’appuntamento riservato alle classi quarte, e ovviamente con Corrado Alvaro nel programma delle classi quinte. Un occhio attento sarà riservato al tema del meridionalismo, che in special modo nell’opera di Corrado Alvaro è assai presente. Specie nell’opera di Alvaro si evidenzia infatti la frattura tra regione e nazione, un tema che si ripropone oggi in tutta la sua drammaticità e che, tra i tanti altri spunti di riflessione, cercheremo di approfondire con i ragazzi attraverso incontri periodici con esperti ai quali uniremo visite guidate sui luoghi dei tre poeti presi in esame. Nell’attesa di rendere note le date degli incontri con i ragazzi e le modalità di svolgimento del percorso didattico, un grazie va al dipartimento di lettere che si occuperà di portare avanti un percorso articolato che si snoderà tra lezioni in aula ed uscite sul territorio, con protagonisti naturalmente sempre i nostri ragazzi”.  

Leggi tutto

Bova Marina. Domenica 28 aprile si svolgerà la manifestazione sportiva "Final T.IME"

L’oratorio salesiano di Bova Marina ospiterà, con immensa gioia, l’ottava edizione di una manifestazione sportiva, denominata “Final T.IME”. È una manifestazione targata “don Bosco” perché vede coinvolti ragazzi e giovani provenienti dai diversi oratori dell’Italia Meridionale Salesiana accompagnati dai loro allenatori e genitori. In questa edizione saranno presenti gli atleti provenienti dalla Campania (Napoli, Salerno, Torre Annunziata), dalla Puglia (Andria, Lecce, Taranto), dall’Albania (Scutari) e dalla Calabria (Bova Marina, Corigliano Calabro, Gioia Tauro, Locri e Soverato), per un totale di circa 350 persone. La manifestazione, che viene effettuata per la prima volta in Calabria, si svolgerà da domenica 28 aprile a mercoledì 1° maggio.

Le ragioni della scelta della casa salesiana di Bova Marina sono legate essenzialmente a due ragioni. La prima è che questo anno ricorre 120° anniversario della presenza dei salesiani sul territorio; presenza che è stata confermata con forza e fiducia da parte del superiore di Napoli, don Angelo Santorsola, dopo un anno di discernimento in cui tale presenza era stata messa in verifica, con rischio di chiusura. La seconda ragione è la ricorrenza del 35° di attività sportiva della PGS, l’associazione che cura l’aspetto ludico e sportivo dell’oratorio e che in questi anni ha visto passare, dai campi dell’oratorio salesiano, centinaia e centinaia di ragazzi e giovani. Tutti a Bova Marina sono passati dall’oratorio e hanno fatto parte di una delle squadre della PGS.

Le “Final T.IME” si svolgeranno contemporaneamente in tre diversi luoghi, per dare la possibilità ai numerosi partecipanti di poter svolgere le diverse gare sportive di Calcio e di Volley: al campo comunale “Veterani dello Sport” e alla palestra comunale "Lidia Faenza", gentilmente messi a disposizione dal Comune di Bova Marina, e nei campi dell’Oratorio Salesiano, tra i quali una menzione particolare fa riservata al nuovo campo di calcetto in erbetta sintetica, sogno di tanti anni e che ultimamente ha avuto finalmente la sua realizzazione, grazie alla munificenza di una benefattrice, la signora Carmen Siniscalchi di Napoli, e alla generosità di tanti amici bovesi, vicini alla realtà dell’oratorio e al bene dei ragazzi che lo frequentano.

Il programma dettagliato prevede: domenica 28 l’accoglienza, in serata, dei partecipanti presso l’oratorio salesiano per un momento conviviale e di intrattenimento. Lunedì 29, al mattino, il raduno in piazza Municipio per i saluti delle Autorità civili e religiose. A cui farà seguito una marcia festosa fino all’Oratorio, dove avranno inizio le varie gare. La serata si concluderà con un gioco a quiz per squadre che si svolgerà nel Cineteatro Don Bosco. Martedì 30 la giornata si svolgerà sullo stile della precedente, con la particolarità che nella serata ci sarà la testimonianza sportiva di alcuni giocatori della Reggina. La giornata conclusiva del 1° maggio si aprirà con la celebrazione della santa messa, a cui faranno seguito le finali e le premiazioni. Dopo il pranzo le partenze, nella speranza che la permanenza a Bova Marina e la partecipazione alla manifestazione lasci nel cuore di coloro che ne hanno preso parte, un ricordo indelebile di una festa dello sport vissuta nel più genuino spirito di don Bosco, che aveva fatto delle attività ludiche e ricreative uno dei pilastri del suo sistema educativo, che puntava alla santità, cioè ad una vita vissuta in pienezza, acquisendo quei valori che lo sport ancora oggi, se vissuto in un certo modo, sa ancora trasmettere. Proprio come dice papa Francesco: «Dare il meglio di sé nello sport è via alla santità»

Don Rino Maria Carignano

Direttore dell’Oratorio Salesiano

Bova Marina

     

Leggi tutto
Subscribe to this RSS feed