Menu
Corriere Locride
Oliverio presenta un romanzo di Mimmo Gangemi in Cittadella

Oliverio presenta un romanzo d…

Il Presidente della Re...

Regione Calabria. Minori stranieri non accompagnati, incontro con l'assessore Robbe

Regione Calabria. Minori stran…

“I minori non sono pro...

Taurianova. Il Comune organizza la prima Edizione del Concorso d’Arte “Alessandro Monteleone”

Taurianova. Il Comune organizz…

L’Amministrazione comu...

Vivi apprezzamenti per la 7° edizione del Corteo Storico Carafa di Roccella

Vivi apprezzamenti per la 7° e…

I ringraziamenti dell’...

Lamezi: Gli appuntamenti in programma per la prima giornata di Trame.8 Festival dei Libri sulle mafie

Lamezi: Gli appuntamenti in pr…

L'inaugurazione del Fe...

Ospedale Metropolitano di Reggio: doppio intervento cuore-cervello

Ospedale Metropolitano di Regg…

(ANSA) - REGGIO CALABR...

Siderno. Venerdì 22 l'associazione “Amici del Libro e della Biblioteca” e “MAG. La ladra di libri” presentano il libro “Dal Vangelo secondo la 'ndrangheta”

Siderno. Venerdì 22 l'associaz…

L'associazione “Amici ...

La Calabria porta a "Fico Eataly World" la merenda di una volta

La Calabria porta a "Fico…

Le merende dei nonni t...

Al via domani Trame. 8, Nicola Gratteri tra i protagonisti della prima giornata

Al via domani Trame. 8, Nicola…

Tutto pronto per l'ott...

Windsurf. Il reggino Scagliola protagonista in Sardegna

Windsurf. Il reggino Scagliola…

Periodo più intenso de...

Prev Next

Spoleto Arte premia Milena Crupi con il Premio Canaletto

  •   Redazione
Spoleto Arte premia Milena Crupi con il Premio Canaletto

L’imperdibile appuntamento della mostra di Spoleto Arte presentata di persona da Vittorio Sgarbi, ha festeggiato gli artisti selezionati a partecipare al prestigioso Premio Canaletto. La cerimonia si è svolta martedì 8 maggio alle 15,00 all’interno degli splendidi locali della Scuola Grande di San Teodoro (4810, San Marco) a Venezia dove sono state premiate le opere vincitrici per le due sezioni, una dedicata alla pro Biennale e l’altra a Spoleto Arte di cui Milena Crupi è stata designata vincitrice.

Il riconoscimento è stato conferito da grandi personalità del mondo della cultura: il direttore del museo Modigliani Alberto D’Atanasio, dal Soprano Katia Ricciarelli, dal presidente di Spoleto Arte Salvo Nugnes e da Luigino Rossi, già direttore dell’Accademia di Belle Arti.

L’evento si è protratto per l’intera giornata, seguito con una conferenza d’eccezione che ha visto il prezioso contributo del soprano Katia Ricciarelli, del noto comico Pippo Franco, grande amico di Vittorio Sgarbi, dei già citati Alberto D’Atanasio e Salvo Nugnes. Molte le personalità del mondo della cultura presenti alla premiazione, giornalisti, critici e galleristi, tv e radio locali. 

La sera è stata la volta dell’inaugurazione dello Spoleto Pavilion, la seconda sede allestita in occasione dell’esposizione a Venezia, dove Vittorio Sgarbi – nonostante la folla di artisti e ammiratori - si è soffermato ad esaminare l’opera di Milena Crupi, vincitrice del prestigioso premio.

Dopo la visita alla mostra, la giornata si è conclusa con la cena di gala per i festeggiamenti, dove Vittorio Sgarbi si è intrattenuto con gli artisti e ha brindato assieme ai protagonisti della Pro Biennale, al successo della mostra e al suo compleanno.

Milena Crupi è ormai un maestro noto a livello internazionale, che da anni suscita riscontri positivi di critica e pubblico nel mondo dell’arte, come testimonia l’importante premio conferitole, tanto che Vittorio Sgarbi, dopo avere apprezzato l’opera della pittrice, nella serata del suo compleanno si è intrattenuto a conversare con la pittrice rossanese e non è esclusa una futura presentazione a cura del noto critico d’arte.

“L’opera che ho presentato è realizzata con la tecnica dell’olio su tela in cui ho voluto fondere la tecnica ad olio con delle infrastrutture che, in questo caso, sono pezzi di juta appositamente inseriti per amplificare il significato di povertà\semplicità che ho voluto rappresentare unitamente amisticismo e speranza. Infatti, il quadro è una mia idea di Maria che è pellegrina nel mondo e con quello sguardo centrale - ma volutamente non centrante - abbraccia tutti noi e ci porta sulle proprie spalle con assoluta leggerezza. E’ Lei, la Madonna, che si prende cura di noi e ci trasporta, accompagnandoci con assoluta leggerezza, nel nostro percorso terreno, trasformandolo in un non-peso e facendolo diventare

 - esso stesso – il germe della speranza e della gioia.”