Menu
FanduCorriere Locride
Abilitati in Romania. Il consiglio di stato accoglie definitivamente l’appello: la abilitazione all’insegnamento in Romania e il titolo di studio conseguito in Italia non necessita di mutuo riconoscimento. Il Miur ha violato l’art.45 tfue e l’art.1

Abilitati in Romania. Il consi…

«Di particolare import...

Reggio. Alla ricerca del verde pubblico tra incuria e abbandono

Reggio. Alla ricerca del verde…

«La vicenda della riap...

Poste Italiane tra le aziende più attrattive del mondo del lavoro per gli studenti universitari Calabresi

Poste Italiane tra le aziende …

«L’Azienda, guidata da...

Giovani Avvocati reggini - traguardi e prospettive

Giovani Avvocati reggini - tra…

Lo scorso 20 Luglio 20...

Gioiosa Jonica (RC): Al via il FilMuzik Art Festival

Gioiosa Jonica (RC): Al via il…

FilMuzik arts festival...

Poste Italiane: prosegue il piano di riaperture da lunedì 27 luglio torna disponibile l’ufficio di Locri1

Poste Italiane: prosegue il pi…

Reggio Calabria, 23 lu...

Reggio. “Scatti tra Cielo e Terra: l’Astronomia per la legalità e l’inclusione sociale”

Reggio. “Scatti tra Cielo e Te…

«Venerdì a Palazzo Cor...

EasyPark arriva a Roccella Ionica: «ora la sosta si paga anche con l’app»

EasyPark arriva a Roccella Ion…

21 luglio 2020 Da ogg...

A Sant'Ilario dello Jonio : La mostra di Celestino Gagliardi, il racconto di Rehab, l'incontro con Lou Palanca e il loro "Mistero al Cubo", la musica di Gabriele Albanese con la partecipazione speciale di Paolo Sofia

A Sant'Ilario dello Jonio : La…

Venerdì 17 luglio 2020...

In Calabria la finale nazionale delle Olimpiadi di Astronomia: «Il Planetarium Pythagoras scelto tra le 12 sedi nazionali»

In Calabria la finale nazional…

La finale nazionale 20...

Prev Next

Siderno Superiore. Il panorama da cartolina di piazza Cavone si è arricchito di due splendidi murales

  •   Redazione
Siderno Superiore. Il panorama da cartolina di piazza Cavone si è arricchito di due splendidi murales

Da  Siderno Superiore è ancora più bella. Il panorama da cartolina di piazza Cavone e zone limitrofe, infatti, si è arricchito di due splendidi murales: uno grande quaranta metri quadri realizzato sulla facciata laterale di una casa posta di fronte alla piazza da quattro giovani artisti della zona: Rossana Bruzzese, Lucia Commisso, Serena Lullo e Manuela Scarfò, dell'officina creativa “Biloba”.

Raffigura un giovane San Pietro seduto sulla cresta del gallo – si tratta di una citazione della “Città del Sole” di Tommaso Campanella - che lancia in aria cinque aeroplanini di carta, simboli della lotta per la libertà condotta dai Cinque Martiri di Gerace, in volo verso un cielo in cui campeggiano le tre stelle dello stemma della Città di Siderno. Sullo Sfondo, la chiesa di San Carlo Borromeo di Siderno Superiore, l'unica di tutta la provincia a essere stata intitolata al martire e che a breve sarà interessata da un'importante opera di restauro. “L'opera – spiega il presidente del comitato “pro piazza Cavone” Aldo Caccamo – simboleggia un luogo immaginario in cui convivono tutte le varie culture sviluppatesi nel territorio della Locride ed è di buon auspicio per una rinascita armonica della nostra terra”.

L'altro dipinto è invece sul lato destro (guardando dalla strada) di piazza Cavone. Esteso 10 metri quadri, raffigura dei bambini intenti a trascorrere il tempo dedicandosi ai giochi tradizionali, lasciando sul muretto smartphone e tablet. L'autrice è l'artista Carmen Ebanista.

Aldo Caccamo, che ha sempre dedicato il proprio impegno istituzionale e nell'associazionismo per la valorizzazione di Siderno Superiore, lavorando, tra l'altro, per il restauro di palazzo De Mojà e della stessa piazza Cavone, grazie alla sua capacità di coinvolgere nei propri progetti sia i cittadini che le istituzioni, ha inteso rivolgere alcuni ringraziamenti.

“Innanzitutto – ha detto – all'amministrazione comunale, in particolare all'ex sindaco Pietro Fuda, all'ex assessore alla Cultura Ercole Macrì e all'ex presidente del consiglio comunale Paolo Fragomeni”.

Fin qui Caccamo. Intanto, non sfugge al cronista la presenza delle nuove giostre per i bambini in un angolo di piazza Cavone e l'erbetta perfettamente rasata nelle aiuole, regalano un panorama mozzafiato, insieme allo sfondo dello Jonio e della marina. Da visitare assolutamente.