Menu
Corriere Locride
Regione Calabria. Convegno su mediazione penale e giustizia riparativa

Regione Calabria. Convegno su …

La mediazione penale è...

Convegno in collaborazione tra Inail e patronato Epaca Coldiretti - "Le malattie professionali: ieri, oggi...e domani?"

Convegno in collaborazione tra…

Si svolgerà venerdì 14...

Ambiente. Dl Semplificazioni, stop al Sistri. Costa: «Uno spreco durato 9 anni e costato più di 141 milioni»

Ambiente. Dl Semplificazioni, …

«Il nuovo sistema di t...

Reggio. CasaPound organizza raccolta alimentare in vista del Natale

Reggio. CasaPound organizza ra…

Reggio Calabria, 11 di...

Coldiretti: fatturazione elettronica e olivicoltura domani martedì 11 dicembre due importanti appuntamenti a Lamezia Terme

Coldiretti: fatturazione elett…

Aceto: «il nostro impe...

Sanità: «Riflessioni del Sindaco Calabrese in merito al "caos" che vige nell'Asp reggina»

Sanità: «Riflessioni del Sinda…

«Caos amministrativo a...

Arriva in Calabria il coro gospel “Composition of Praise”

Arriva in Calabria il coro gos…

Un importante coro ame...

Olimpiadi Nazionali di Astronomia: pubblicati i risultati delle preselezioni

Olimpiadi Nazionali di Astrono…

Il 4 dicembre si è dis...

Reggio. Domenica 9 il "Museo in cammino" con l'Archeotrekking

Reggio. Domenica 9 il "Mu…

Il progetto Archeotrek...

Prev Next

Siderno Superiore. Domenica 24 giugno si terrà la presentazione del libro di Benito Stinà

  •   Redazione
Siderno Superiore. Domenica 24 giugno si terrà la presentazione del libro di Benito Stinà

“Giorno celeste e giorno terrestre. E ciò che serve per completare la riforma del calendario di Papa Gregorio XIII” di Benito Stinà (2018, Franco Pancallo editore) è il libro che verrà presentato domenica 24 
giugno alle 21,30 nel suggestivo scenario di piazza Cavone a Siderno Superiore. L'evento, organizzato dallo spazio culturale “MAG. La ladra di libri” e dal comitato pro piazza Cavone presieduto da Aldo Caccamo, condurrà l'uditorio in tematiche affascinanti e straordinarie, frutto dell'appassionato e certosino lavoro di ricerca condotto dall'autore. Una pubblicazione incentrata sulla necessità di fare luce su un assunto che, come dimostra l'autore facendo ricorso anche a complessi calcoli matematici, vede in 24.000 anni effettivi (e non in 25.785 come sostenuto dal professore Frontera) la durata del giorno celeste, al fine di bloccare in maniera permanente l'equinozio di primavera al 21 marzo, evitando la sua retrocessione. Una correzione definitiva che avrà luogo nell'anno 5010. Ma non solo. Fedele al suo percorso formativo e culturale, per il quale scienza e fede s'intersecano e si completano a vicenda, Stinà introduce il lettore a concetti come eternità intesa come madre generatrice del tempo, unicità tra il macrocosmo universo e il microcosmo uomo, legge astronomica di Metone e precessione degli equinozi. Appassionato studioso di Dante, grazie alle letture paterne ascoltate sin dalla tenera età, Benito Stinà ha composto numerosi versi in rime ispirate al Sommo Poeta e considera la Divina Commedia come il Vangelo di Dante Alighieri. Domenica sera, nella meravigliosa terrazza panoramica sotto il cielo 
trapuntato di stelle della notte del solstizio d'estate, dopo i saluti istituzionali e l'introduzione del presidente del comitato pro piazza Cavone Aldo Caccamo, Gianluca Albanese dialogherà con l'autore.