Menu
Corriere Locride
Oliverio presenta un romanzo di Mimmo Gangemi in Cittadella

Oliverio presenta un romanzo d…

Il Presidente della Re...

Regione Calabria. Minori stranieri non accompagnati, incontro con l'assessore Robbe

Regione Calabria. Minori stran…

“I minori non sono pro...

Taurianova. Il Comune organizza la prima Edizione del Concorso d’Arte “Alessandro Monteleone”

Taurianova. Il Comune organizz…

L’Amministrazione comu...

Vivi apprezzamenti per la 7° edizione del Corteo Storico Carafa di Roccella

Vivi apprezzamenti per la 7° e…

I ringraziamenti dell’...

Lamezi: Gli appuntamenti in programma per la prima giornata di Trame.8 Festival dei Libri sulle mafie

Lamezi: Gli appuntamenti in pr…

L'inaugurazione del Fe...

Ospedale Metropolitano di Reggio: doppio intervento cuore-cervello

Ospedale Metropolitano di Regg…

(ANSA) - REGGIO CALABR...

Siderno. Venerdì 22 l'associazione “Amici del Libro e della Biblioteca” e “MAG. La ladra di libri” presentano il libro “Dal Vangelo secondo la 'ndrangheta”

Siderno. Venerdì 22 l'associaz…

L'associazione “Amici ...

La Calabria porta a "Fico Eataly World" la merenda di una volta

La Calabria porta a "Fico…

Le merende dei nonni t...

Al via domani Trame. 8, Nicola Gratteri tra i protagonisti della prima giornata

Al via domani Trame. 8, Nicola…

Tutto pronto per l'ott...

Windsurf. Il reggino Scagliola protagonista in Sardegna

Windsurf. Il reggino Scagliola…

Periodo più intenso de...

Prev Next

Siderno. Sabato 19 “MAG. La ladra di libri” presenta il libro “La lingua dell'Altro. Il problema del dialetto nell'apprendimento scolastico. Uno sguardo didattico filosofico”

  •   Redazione
Siderno. Sabato 19 “MAG. La ladra di libri” presenta il libro “La lingua dell'Altro. Il problema del dialetto nell'apprendimento scolastico. Uno sguardo didattico filosofico”

“La lingua dell'Altro. Il problema del dialetto nell'apprendimento scolastico. Uno sguardo didattico filosofico” (2011, Città del Sole edizioni). E' l'interessante saggio scritto dal docente in Filosofia e 
scrittore Francesco Idotta, che tratta di educazione alle differenze attraverso le dissonanze linguistiche e del dialetto che si trasforma in “antiparassitario” di un dizionario che va inteso come una sorta di 
coltivazione biologica. Un saggio snello, che pone una serie di questioni sulle quali vale la pena riflettere, a partire dall'esigenza di ribaltare l'approccio didattico partendo da ciò che è facile per arrivare al “difficile” e dalla riscoperta della trasmissione orale del dialetto, specie se espressione di quel mondo contadino che era, sì, analfabeta ma non illetterato, come dimostra la tradizione rappresentata dalla figura del “cuntista”. Insomma, è un dialetto inteso come risorsa e non come problema nell'apprendimento, quello che tratta Idotta, che sabato 19 maggio sarà nella Locride per un doppio appuntamento: la mattina, infatti, incontrerà i ragazzi del liceo classico “Ivo Oliveti” di Locri mentre nel pomeriggio alle 18 sarà a Siderno nello spazio culturale “MAG. La ladra di libri”.
Dialogherà con l'autore Gianluca Albanese.