Menu
Corriere Locride
“Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”. La Calabria non è libera, sulla S.s.106 ancora i ponti del fascismo

“Basta Vittime Sulla Strada St…

La Calabria non è...

Coldiretti Calabria: con villaggio contadino per 3 giorni Bari capitale agricoltura italiana

Coldiretti Calabria: con villa…

Molinaro: all’evento u...

Coldiretti: «gli assaggiatori di salumi nuovo fiore all’occhiello per la valorizzazione della salumeria calabrese»

Coldiretti: «gli assaggiatori …

Molinaro: ulteriori po...

Reggio. Il 24-26-27 Aprile si terrà la competizione Locale dei Laboratori Students Lab

Reggio. Il 24-26-27 Aprile si …

Competizione Locale de...

AIA Locri: svolta la Riunione Tecnica con ospite una psicologa

AIA Locri: svolta la Riunione …

Si è tenuta venerdì 20...

Calabria, Anas: senso unico alternato per l’installazione delle barriere di sicurezza sulla strada statale 682 ‘Ionio Tirreno’ nel comune di Cinquefrondi (RC)

Calabria, Anas: senso unico al…

Anas comunica che, per...

Uil: «La Regione Calabria azzeri gli sprechi e si doti di un bilancio rivolto al sociale»

Uil: «La Regione Calabria azze…

Semplificare, rendere ...

Coldiretti: il Presidente Oliverio la "Ristorazione a Km zero" alla Cittadella Regionale con Campagna Amica è un esempio virtuoso

Coldiretti: il Presidente Oliv…

Molinaro: PECCO luogo ...

Coldiretti Calabria. Domani l'inaugurazione di PECCO: servizio Ristorazione alla Cittadella Regionale con i prodotti di Campagna Amica - Coldiretti

Coldiretti Calabria. Domani l'…

Molinaro: Scelta ...

Straordinario successo per il I° Slalom automobilistico Città di San Roberto, trionfano il giovanissimo Rechichi ed il territorio

Straordinario successo per il …

Tutto esaurito per il ...

Prev Next

Siderno. Sabato 17 marzo “MAG. La ladra di Libri” presenta: “Il pianto del monachello” di Alessandro Stella (2017, Pellegrini editore)

  •   Redazione
Siderno. Sabato 17 marzo “MAG. La ladra di Libri” presenta: “Il pianto del monachello” di Alessandro Stella (2017, Pellegrini editore)

Un romanzo in bianco e nero, che fa venire all’appassionato lettore la nostalgia di un tempo non vissuto. Una storia di apparente perdita dell’innocenza e della continua ricerca della propria essenza, da 
perpetrare anche a costo di finire sotto terra. In senso stretto. “Il pianto del monachello” di Alessandro Stella (2017, Pellegrini editore) è un piccolo capolavoro di romanticismo, che se dovesse mai 
diventare un film, ricorderebbe certe belle pellicole del cinema italiano, da “Nuovo Cinema Paradiso” a “Poveri ma belli”, passando per “Il Postino” di Massimo Troisi, per vivere, attraverso la sua avvincente trama “La grazia, o il tedio a morte, di vivere in provincia”. Dopo averlo letto, infatti, ci piace immaginare il compianto attore partenopeo interpretare il giovane protagonista Alessandro e Philippe Noiret don Cola, lo strampalato - all’apparenza - impiegato che coltiva una sua missione segreta ma dalla grande valenza sociale. Ambientato in un paesino della Calabria del 1940, che alla fine l’autore svela essere riconducibile a Tropea, è un affresco di una Calabria che fu, tra miseria, semplicità, superstizione e un Paese da ricostruire dopo gli orrori della guerra, che toglie risorse e affetti, che disegna gerarchie sociali cristallizzate nei secoli e racconta chi eravamo e chi siamo diventati, compresa una ‘ndrangheta rurale impersonata dal boss Turi Menzaricchi che si trasforma in bestia violenta e affarista, tanto da insinuarsi nelle nuove e fragili istituzioni della democrazia ritrovata. Un romanzo dalla forte valenza educativa e che lascia un retrogusto 
dolce amaro, dopo averlo assaporato tutto d’un fiato, anche se ambientato in un epoca in cui i pidocchi e i capelli dei bambini erano un tutt’uno con la fame nera che costringeva a lunghi digiuni, intervallati da furtivi “pasti” a base di bucce d’arancia sporche di escrementi di gallina. In ogni pagina, ognuno di noi può ritrovare un pezzo di quel passato che ancora resiste, fatto di credenze popolari e “magare” che rappresentavano i punti di riferimento di una gente semplice e non secolarizzata, che imparava, piano a piano, a diventare popolo. “Il pianto del monachello” verrà presentato sabato 17 marzo alle ore 18 nello spazio culturale “MAG. La ladra di Libri”. Gianluca Albanese dialoga con l’autore.