Menu
Corriere Locride
L’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” realizza il primo rapporto sugli incidenti stradali mortali nel periodo 2013-2017 sulla s.s.106

L’Associazione “Basta Vittime …

L’Associazione “Basta ...

Cinquefrondi. Il sindaco Conia chiede ai vari enti preposti di intervenire a tutela della sicurezza dei cittadini

Cinquefrondi. Il sindaco Conia…

Il Sindaco di Cinquefr...

Diocesi Locri - Gerace. Molte le comunità parrocchiali interessate dall’avvicendamento dei parroci

Diocesi Locri - Gerace. Molte …

Sulla linea del rinnov...

Coldiretti, Molinaro: succo di soli agrumi calabresi in vendita nella Gdo

Coldiretti, Molinaro: succo di…

«Produzione, testa e c...

Nota stampa del Presidente del Consorzio di Bonifica Tirreno Catanzarese sull'evento eccezionale che ha colpito il suo comprensorio

Nota stampa del Presidente del…

«L’evento eccezionale ...

Nubifragio, Coldiretti, Molinaro: gli interventi urgenti della Regione

Nubifragio, Coldiretti, Molina…

«Prima stima dei danni...

Bovalino (RC). Premio Letterario La Cava 2018: Le opere in concorso

Bovalino (RC). Premio Letterar…

Sono 33 le opere in co...

Locri. Martedì 9 ottobre verrà presentata la ricognizione archeologica del Locri Survey

Locri. Martedì 9 ottobre verrà…

Martedì 9 ottobre 2018...

Ardore. Grande partecipazione all'iniziativa di questa domenica mattina organizzata da AISM (associazione italiana sclerosi multipla)

Ardore. Grande partecipazione …

Anche ad Ardore si è f...

Reggio. Nota stampa di Antonino Castorina sui lavori di riqualificazione nel quartiere Archi

Reggio. Nota stampa di Antonin…

«Il lavoro che stiamo ...

Prev Next

Siderno. Sabato 17 marzo “MAG. La ladra di Libri” presenta: “Il pianto del monachello” di Alessandro Stella (2017, Pellegrini editore)

  •   Redazione
Siderno. Sabato 17 marzo “MAG. La ladra di Libri” presenta: “Il pianto del monachello” di Alessandro Stella (2017, Pellegrini editore)

Un romanzo in bianco e nero, che fa venire all’appassionato lettore la nostalgia di un tempo non vissuto. Una storia di apparente perdita dell’innocenza e della continua ricerca della propria essenza, da 
perpetrare anche a costo di finire sotto terra. In senso stretto. “Il pianto del monachello” di Alessandro Stella (2017, Pellegrini editore) è un piccolo capolavoro di romanticismo, che se dovesse mai 
diventare un film, ricorderebbe certe belle pellicole del cinema italiano, da “Nuovo Cinema Paradiso” a “Poveri ma belli”, passando per “Il Postino” di Massimo Troisi, per vivere, attraverso la sua avvincente trama “La grazia, o il tedio a morte, di vivere in provincia”. Dopo averlo letto, infatti, ci piace immaginare il compianto attore partenopeo interpretare il giovane protagonista Alessandro e Philippe Noiret don Cola, lo strampalato - all’apparenza - impiegato che coltiva una sua missione segreta ma dalla grande valenza sociale. Ambientato in un paesino della Calabria del 1940, che alla fine l’autore svela essere riconducibile a Tropea, è un affresco di una Calabria che fu, tra miseria, semplicità, superstizione e un Paese da ricostruire dopo gli orrori della guerra, che toglie risorse e affetti, che disegna gerarchie sociali cristallizzate nei secoli e racconta chi eravamo e chi siamo diventati, compresa una ‘ndrangheta rurale impersonata dal boss Turi Menzaricchi che si trasforma in bestia violenta e affarista, tanto da insinuarsi nelle nuove e fragili istituzioni della democrazia ritrovata. Un romanzo dalla forte valenza educativa e che lascia un retrogusto 
dolce amaro, dopo averlo assaporato tutto d’un fiato, anche se ambientato in un epoca in cui i pidocchi e i capelli dei bambini erano un tutt’uno con la fame nera che costringeva a lunghi digiuni, intervallati da furtivi “pasti” a base di bucce d’arancia sporche di escrementi di gallina. In ogni pagina, ognuno di noi può ritrovare un pezzo di quel passato che ancora resiste, fatto di credenze popolari e “magare” che rappresentavano i punti di riferimento di una gente semplice e non secolarizzata, che imparava, piano a piano, a diventare popolo. “Il pianto del monachello” verrà presentato sabato 17 marzo alle ore 18 nello spazio culturale “MAG. La ladra di Libri”. Gianluca Albanese dialoga con l’autore.