Menu
Corriere Locride
Locri, gli studenti dell'alberghiero in visita a Montecitorio

Locri, gli studenti dell'alber…

Un'esperienza indiment...

Windsurf – Il reggino Scagliola sfiora la vittoria di categoria in Germania

Windsurf – Il reggino Scagliol…

Nessun rimpianto. Fran...

Gioiosa Ionica. Venerdì 25 maggio presentazione della lista e del programma di Gioiosa bene comune – sindaco Salvatore Fuda

Gioiosa Ionica. Venerdì 25 mag…

GIOIOSA BENE COMUNE pr...

Siderno. Giovedì 24 maggio da “MAG. La ladra di libri” l'incontro con Mario Nirta, Cosimo Papandrea e Pino Carella

Siderno. Giovedì 24 maggio da …

Un pomeriggio all’inse...

Reggio. Si è conclusa la seconda edizione del premio di poesia San Gaetano Catanoso

Reggio. Si è conclusa la secon…

Si è svolto sabato 19 ...

Reggio Calabria, venerdì 25 maggio conferenza sulla musica beat italiana

Reggio Calabria, venerdì 25 ma…

"La musica beat italia...

Tre attentati ad aziende agricole nel comune di Strongoli (Kr): la solidarietà di Coldiretti

Tre attentati ad aziende agric…

Molinaro: abbiamo chie...

"Cantine aperte": mercoledì 23 maggio conferenza stampa di presentazione

"Cantine aperte": me…

Mercoledì 23 maggio, a...

Coldiretti. Molinaro: Vandana Shiva e Oliverio firmano la petizione Coldiretti “STOP al cibo falso”

Coldiretti. Molinaro: Vandana …

“Trasformare la biodiv...

Politiche sociali e Sport: domani nuovo incontro tematico promosso dalla lista Scelgo Locri

Politiche sociali e Sport: dom…

La lista Scelgo Locri ...

Prev Next

Siderno. Resoconto della presentazione del romanzo di Paolo Fragomeni

  •   Redazione
Siderno. Resoconto della presentazione del romanzo di Paolo Fragomeni

Una festa di letteratura, sentimento e amore per la lettura, in un allestimento teatrale unico nel suo genere.

La presentazione di “Sabardì che sfidò l’oceano” (2017, Città del Sole edizioni), il primo romanzo di Paolo Fragomeni, che ha avuto luogo sabato pomeriggio nello spazio culturale “MAG. La ladra di libri” ha convinto ed entusiasmato tutti, anche l’uditorio meno incline alla facile euforia.

Ma l’atmosfera era davvero suggestiva, con le luci puntate sull’attore Vincenzo Muià, che ha magistralmente letto i passi più importanti del libro, conducendo idealmente gli ascoltatori lungo i sentieri di quella Siderno Superiore così “antica” anche, facendo immergere in maniera naturale il pubblico nel racconto; certo, senza  svelare la trama, ma quel tanto che basta ad appassionarsi all’idea di scrivere un romanzo ambientato tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento, e in cui la vicenda personale di un giovane del luogo dalle chiare origini mediorientali, s’interseca nel contesto politico nazionale profondamente rinnovato dopo l’Unità d’Italia.

L’autore, sistemato dalla regia al bordo del fascio di luce principale, ha dato le spalle al pubblico, rispondendo alle domande del moderatore e spiegando la genesi, gli aneddoti e le curiosità della scrittura di un romanzo che l’editore Franco Arcidiaco, intervenuto alla fine della presentazione, ha definito «Degno dei principali capolavori della letteratura calabrese, così come il compianto Pasquino Crupi, se fosse ancora in vita, non avrebbe difficoltà a riconoscere. Mi ricorda – ha aggiunto Arcidiaco – “La signora di Ellis Island” di Mimmo Gangemi.

Alla fine, grande l’apprezzamento del pubblico per la serata e per l’interpretazione di Muià che, se possibile, ha reso ancora più bella la lettura di un romanzo già di per sé straordinario.