Menu
Corriere Locride
Settimana Solidale Dell'Unione dei Comuni della Valle del Torbido

Settimana Solidale Dell'Unione…

Per una maggiore consa...

Scuola di Recitazione della Calabria: il calabrese Vincenzo Petullà selezionato nel cast della serie Tv "Trust"

Scuola di Recitazione della Ca…

C'è anche il calabrese...

Il vescovo di Assisi a Reggio venerdì 17 per presentare il suo libro “L’economista di Dio”

Il vescovo di Assisi a Reggio …

Ospite dell’associazio...

Reggio. Il Teatro della Girandola presenta la terza stagione: “Il vento che muove”

Reggio. Il Teatro della Girand…

Cartellone teatrale 20...

Reggio. Il concerto unico in Italia di Yamandu Costa chiude il Festival “Reggio chiama Rio” il 28 novembre al Teatro Cilea

Reggio. Il concerto unico in I…

Dopo il successo della...

Oliverio ha premiato a Milano gli Ambasciatori della Calabria 2017

Oliverio ha premiato a Milano …

"È un grande onore e m...

Siderno (RC): alla Calliope Mondadori incontro con Peppe Baldessarro, autore del libro "Questione di rispetto" (Rubbettino editore)

Siderno (RC): alla Calliope Mo…

Venerdì 10 novembre 20...

Locri. Sporting Lokrians vs Futsal futbol Cagliari: gara difficile ma non impossibile

Locri. Sporting Lokrians vs Fu…

Domani attracca in Cal...

Domenica 5 novembre una grande festa a Rosarno per presentare i progetti FaRo e ArgoMens

Domenica 5 novembre una grande…

Un bene comune che vie...

Prev Next

Sant'Ilario dello Ionio: il disagio sociale e morale nel romanzo "La caramella" di Tonino Carneri

  •   Redazione
Sant'Ilario dello Ionio: il disagio sociale e morale nel romanzo "La caramella" di Tonino Carneri

Un intenso e partecipato incontro culturale, sabato scorso, nelle sale di Palazzo Speziali-Carbone, a Sant'Ilario dello Ionio, per il dialogo a più voci sul libro "La caramella", romanzo di Antonio Carneri (edito da Pellegrini). Promotori dell'evento l'associazione culturale "Le Muse" di Reggio Calabria, la Pro Loco di Sant'Ilario e l'amministrazione comunale. Dopo i saluti del sindaco Pasquale Brizzi e della presidente della Pro Loco Giovanna Lombardo, il presidente delle "Muse", Giuseppe Livoti, testimone del bello artistico e autore di seguitissimi programmi televisivi, ha introdotto la serata muovendo da una riflessione sul libro: «L'intera storia è un continuum. Si mescolano e si intrecciano le varie vicende con le considerazioni dell'autore. Carneri in maniera forte e incisiva parla di "amorfi pupazzi, stupidi ma utili", vuoti a perdere, escrescenze di altri corpi. Un libro teso a scuotere le coscienze». Teresa Polimeni Cordova, critico letterario ha sottolineato l'originalità del romanzo: «Probabilmente per la prima volta, siamo nel 2000 quando il libro esce, il fenomeno viene descritto e vissuto dall'interno. È un'analisi lucida della sopraffazione, con uno spiccato taglio psicologico che evidenzia il disagio interiore del protagonista». Ilario Ammendolia, intellettuale di spicco e direttore editoriale di Riviera, si è soffermato sull'indagine sociologica che scaturisce dal romanzo: «L'autore ci conduce in un viaggio. Non si limita a narrare degli eventi di cronaca ma l'ntendimento principale è quello di risvegliare la coscienza. Mano a mano crollano le certezze e si insinua il tarlo del dubbio. Non è vero che il fenomeno criminale sia presente geneticamente nei calabresi, è vero invece che occorre una società più giusta, più libera. La libertà è anche poter respirare l'aria fresca e vedere le stelle». Antonio Carneri, autore colto e raffinato di un romanzo difficile nella tematica ma avvincente nell'impianto narrativo, ha letto alcuni passaggi topici del libro e ha poi concluso: «Prendiamo amaramente atto che, nonostante il libro sia stato pubblicato nel 2000, purtroppo rimane terribilmente attuale. Come diceva Giordano Bruno, niente di nuovo sotto il sole».